:: Home » Numeri » #234 » MUSICA » Intervista con Luca Olivieri
2015
26
Gen

Intervista con Luca Olivieri

media 5 dopo 3 voti
Commenti () - Page hits: 6450
Febbraio 2015: “La Saggezza delle Nuvole”, il nuovo album di Luca Olivieri
 
È prevista per Febbraio 2015 l’uscita de"La Saggezza delle Nuvole", il nuovo lavoro discografico del compositore e musicista milanese Luca Olivieri.
Il disco, composto da nove brani strumentali e due poesie inedite di Luca Lezziero, vede la partecipazione di numerosi e importanti ospiti tra i quali: la violoncellista inglese Caroline Lavelle (al suo attivo collaborazioni con Peter Gabriel, Radiohead, Muse, Massive Attack, Loreena McKennitt, Hector Zazou), Saro Cosentino (storico collaboratore di Franco Battiato, ha lavorato con Alice, Radiodervish, Peter Hammill e Morgan), Andrea Chimenti (indimenticata voce dei Moda negli anni ‘80, ora raffinato cantautore e attore), Cesare Malfatti (membro fondatore dei La Crus, ha suonato anche con Afterhours e The Dining Rooms).
L’album, frutto di due anni di registrazioni in diversi studi e spazi privati d’Italia, conferma la necessità dell’autore di realizzare un progetto dinamico e aperto a molteplici collaborazioni: un viaggio sonoro itinerante. 
 
Artista: Luca Olivieri
Titolo: La Saggezza delle Nuvole
Etichetta: AG Prod
Anno: 2015
 
Luca Olivieri, diplomato in pianoforte presso il conservatorio "N. Paganini" di Genova, ha realizzato musiche originali per spettacoli teatrali, cortometraggi e sonorizzazioni di film dell’epoca del muto. Come strumentista (pianoforte, tastiere e programmazioni) e arrangiatore ha partecipato alla produzione di numerosi progetti discografici e suonato dal vivo in Italia, Svizzera, Gran Bretagna, Irlanda, Austria, Olanda e Tunisia. Ha pubblicato due dischi solisti, "Trigenta" (1996) e "La Quarta Dimensione" (2008). 
 
 
Precedenti interviste
http://www.kultunderground.org/art/1282  (2009, La Quarta Dimensione)
 
Davide
Ciao Luca. Intanto ben tornato dopo diversi anni dai tuoi ultimi lavori di cui parlammo su Kult Underground, "La Quarta Dimensione" e "Trigenta". Cosa hai fatto nel frattempo?
 
Luca
Ciao Davide, grazie, è sempre un piacere! Non ho perso tempo, suonando parecchio dal vivo, soprattutto in contesti legati al teatro e alla letteratura e, negli ultimi due anni, concentrandomi sulla realizzazione de "La saggezza delle nuvole", il nuovo disco.
 
Davide
Come nasce il tuo nuovo album, da quali idee conduttrici e come si inserisce nel tuo lavoro di musicista e compositore fino ad oggi?
 
Luca
L'ho pensato come un viaggio itinerante, dove le musiche realizzate in studio a casa mia avessero la possibilità di raggiungere altri artisti e di arricchirsi. Dopo una prima fase di composizione dei brani, ho immaginato quali musicisti mi sarebbe piaciuto coinvolgere, così ho contattato molti nomi, italiani e stranieri, spiegando cosa stavo realizzando e proponendo un'eventuale collaborazione. Alla fine questo viaggio è diventato un disco, ricco di suoni e personalità diverse.  
 
Davide
Perché lo hai intitolato "La saggezza delle nuvole"?
 
Luca
Fondamentalmente per una mia idea romantica; alzando gli occhi al cielo mi sembra sempre di vedere le nuvole che ci guardano dall'alto con molta calma, pacatezza e saggezza, appunto...
 
Davide
Nel disco ti accompagnano molti ospiti di rilievo. Come descriveresti in sintesi il contributo di ciascuno di loro al tuo lavoro?
 
Luca
Mi ha colpito l'entusiasmo di molti artisti rispetto al progetto, tanto da farmi capire che un'idea apparentemente azzardata poteva diventare realtà; nello specifico, ognuno ha caratterizzato con il proprio stile e la propria sensibilità la mia musica e questo mi rende orgoglioso di avere nomi che apprezzo e seguo da tempo, nel mio disco.   
 
Davide
Ce ne sono altri non citati nella presentazione? Come l'ottimo trombettista Giorgio Li Calzi e il sassofonista Nicola Alesini. Chi sono gli altri?
 
Luca
Sì certo, oltre ai musicisti già citati vorrei ricordare: Romina Salvadori (voce), Fabrizio Barale (chitarra elettrica, ha anche missato l'intero lavoro), Andrea Cavalieri (basso elettrico), Luca Serrapiglio (sassofoni e clarinetto basso), Diego Pangolino (percussioni), Roberto Lazzarino (chitarra elettrica), Marcello Crocco (flauto traverso) e Federica Baldizzone (violino elettrico). In tutto quattordici artisti ospiti più gli scritti inediti di Luca Lezziero.
 
Davide
Luca Lezziero, poeta e songwriter, lui stesso musicista, ha scritto anche canzoni per i La Crus. Di cosa parlano le sue due poesie inedite che costituiscono gli unici due momenti vocali del disco?
 
Luca
Ho scoperto Luca attraverso alcune sue poesie, mi ha colpito la sua scrittura, così ci siamo conosciuti e gli ho proposto di pensare a qualcosa di inedito per il mio lavoro. Mi ha donato due poesie bellissime, che parlano di solitudine, luci e distanze... Di vita.
 
Davide
Ennio Flaiano scrisse che colui che crede in se stesso vive coi piedi fortemenete poggiati sulle nuvole. Ciò in cui tu credi più fermamente?
 
Luca
Credo nella coerenza, nell'arte come nella vita. Fare ciò che si ama e senza compromessi.
 
Davide
Cosa significa per te misurarsi con un progetto musicale aperto e dinamico?
 
Luca
Questo disco è stato principalmente una sfida, sarebbe stato più semplice lavorare da solo o con pochi musicisti fidati... Invece mi sono chiesto cosa potesse succedere provando ad allargare il raggio delle collaborazioni, quali riposte avrei ottenuto, attraverso la mia musica, da parte di artisti importanti e che stimo. All'inizio non avevo idea di cosa sarebbe potuto accadere e di quale direzione avrebbe preso tutto il lavoro, solo dopo un certo tempo ho capito che quell'idea stava diventando un progetto collettivo realizzabile e in espansione.
 
Davide
Rachmaninoff disse che comporre era una parte essenziale di se stesso, come respirare o mangiare. Cos'è per te?
 
Luca
Non posso che essere d'accordo, la composizione, come la musica, è vita.
 
Davide
Cosa seguirà alla pubblicazione de "La saggezza delle nuvole"?
 
Luca 
Ci sarà una fase di promozione intensa; dopo due anni impiegati per la realizzazione del disco e il buon risultato finale raggiunto, non resta che "accompagnare" la creatura nel migliore dei modi possibile... Sono certo che sarà un cammino lungo e ricco di soddisfazioni. Spero anche di poter fare qualche presentazione dal vivo con almeno una parte dei musicisti presenti sul disco. Invito tutti a rimanere aggiornati attraverso il mio sito internet e la pagina ufficiale su Facebook.
 
Davide
Grazie e in bocca al lupo!
 
Luca
Grazie a te Davide, viva il lupo! 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 134 millisecondi