:: Home » Numeri » #155 » LETTERATURA » La notte perfetta per andare in Cina - David Gilmour
2008
2
Giu

La notte perfetta per andare in Cina - David Gilmour

media 3.26 dopo 872 voti
Commenti () - Page hits: 6850
Einaudi 2008 – 161 pagine
 
In una gelida notte invernale Roman, conduttore televisivo di Toronto, attirato dalla musica proveniente da un bar nel quartiere cinese, lascia solo suo figlio Simon per pochi minuti, giusto il tempo di una bevuta; quando torna il bimbo è scomparso.
Un solo fatale errore, l'unico seme di trama veramente concreto, come un colpo di pistola sparato a bruciapelo, e la vita di un padre perde consistenza, si affloscia su se stessa. Le ore si susseguono uguali le une alle altre, le giornate sono infinite: il suo tempo è ormai privo di struttura.
A fronte di una realtà sempre più grigia e fosca, di un'esistenza che assume la forma della perdita, Roman vive una dimensione onirica assolutamente vitale e "piena": i suoi sogni prendono così le sembianze di un'afosa città caraibica, gremita e festosa, di un variopinto "regno dei morti" in cui ritrovare le persone care. Sogno e realtà si rincorrono sulla pagina, nella totale assenza di confini nitidi; le istanze del logico deragliano in una sarabanda di incontri e dialoghi tra l'assurdo e il paradossale, mentre il filo sottile della speranza è affidato alla discontinua voce di Simon, per un attimo vicina e subito dopo distante, una voce che, nella sua consistenza sfumata ed ambigua, diviene per Roman l'unica ragione di vita.
Quando anche questo flebile contatto cesserà, il protagonista maturerà la decisione di partire per la terra dei sogni, Grenada, l'isola in cui ha vissuto da bambino; qui i suoi pensieri si ridesteranno all'improvviso, la vita comincerà a rifluire in lui, fino a condurlo ad una casetta gialla fatta di assi di legno, nel cuore di una foresta che profuma di oceano.
Lo stile è piano, senza asperità, equilibrato nel suo esprimersi in prima persona, rotto qua e là solo da qualche potente suggestione metaforica; quella di Gilmour è però una pacatezza visibilmente dissimulata, una veste modellata sulla disperazione che si cela dietro di essa.
La lettura deve necessariamente essere attenta, partecipe, quasi soffocata nell'orizzonte di senso delineato dall'autore, nel suo mostrarci quanto la realtà di un padre può essere ripugnante senza il suo bimbo, l'unico vero grande amore della sua vita.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Onofrio Oscar Zirafi
Mi chiamo Onofrio Oscar Zirafi e sono nato a Seriate (Bergamo) il 25 giugno 1986, da padre agrigentino e mamma bergamasca. Da sempre appassionato di letteratura italiana ed estera, considero la scrittura il veicolo principale attraverso cui esprimere me stesso, le mie emozioni, la mia vita. Sono iscritto alla Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università degli studi di Bergamo; scrivo recensioni per il notiziario comunale del mio paese, la mitica Stezzano, e collaboro con il portale culturale www.puralanadivetro.com.

MAIL: ozo.audace@alice.it
WEB:
www.puralanadivetro.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 170 millisecondi