:: Home » Numeri » #153 » CINEMA » Non pensarci
2008
21
Apr

Non pensarci

media 3.18 dopo 658 voti
Commenti () - Page hits: 5050
 
 
Dopo un concerto che non si è svolto nel migliore dei modi, Stefano (Valerio Mastrandrea) decide di lasciare per un po' Roma per tornare nella grande casa dei suoi genitori nella provincia romagnola. Ad accoglierlo oltre al padre e alla madre ci sono anche la sorella e il fratello. Stefano con la sua personalità anarcoide e perennemente scazzata inizierà a portare un inevitabile scompiglio nella casa in cui è tornato a stare, finendo per scoprire parecchie cose nascoste su di lui e sugli altri membri della sua famiglia.
Il tono  di questa commedia (che sa essere anche amara e malinconica) è spontaneo e divertente e trova nel personaggio di Stefano e nel suo rapporto con chi ha intorno (oltre ai familiari, i vecchi amici del paese) il centro di una visione del mondo e delle cose defilata, ironica, a tratti venata di tristezza, la visione comunque di uno che si è posto ai margini della vita, che non si è dimenticato del proprio ribellismo adolescenziale e che ha lasciato il mondo chiuso e dorato di una ricca famiglia borghese (il padre è un industriale) per tuffarsi nella musica e nei concerti.
Mastrandrea si trova a suo agio nei panni di questo musicista, in un ruolo che sembra appositamente costruito sulle sue qualità recitative e se ne va in giro per il paese a combinare i suoi soliti casini e cercando di aggiustare quegli degli altri.
Non pensarci  mostra un modo di filmare abbastanza libero, non troppo influenzato dai modelli americani del cinema indie e che nella rappresentazione di una certa provincia trova una sua autonomia narrativa che sembra aprire una via tutta italiana a questo tipo di commedie agrodolci, mai urlate o volgari, capaci di ricostruire un mosaico umano ed emotivo in maniera sincera.
L'uso intensivo della colonna sonora porta alla luce un  modo di raccontare che cerca sempre di toccare i sentimenti dello spettatore e ci sono alcune sequenze in cui immagini e musica trovano una loro perfetta alchimia (la corsa a piedi davanti all'autovelox, il momento in cui Stefano suona Chopin e fino ad un attimo prima ascoltava Ivan Graziani) e si trasformano in una forma espressiva, poetica, che trasmette vere emozioni.
Zanasi si dimostra un regista con buone capacità narrative, butta via (ed è un peccato) alcune inquadrature e movimenti di macchina e ricerca una autenticità cinematografica che trova e riesce a sfruttare al meglio. Grazie poi alla complicità di Mastrandrea e degli altri attori confeziona un film in cui l'umanità dei personaggi riesce sempre ad emergere oltre i loro difetti e i loro limiti, facendoci sorridere e a volte (a dispetto, per fortuna, del titolo) pensare.

Trailer su YouTube.com
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 194 millisecondi