:: Home » Numeri » #127 » CINEMA » Eraserhead
2006
25
Feb

Eraserhead

media 3.19 dopo 834 voti
Commenti () - Page hits: 4550

Ci troviamo un gradino sopra (o sotto) rispetto alla nostra coscienza ordinaria. Una dimensione dove tutto può accadere. Dove non sono i processi razionali a strutturare una storia o un racconto ma semplicemente il susseguirsi delle immagini come potrebbe accadere in un sogno o in un incubo. Le inquadrature diventano qualcosa di estremamente permeabile, aperte a qualsiasi possibilità, funzionali a nessuna logica se non quella di un'inquietudine onirica. Perché è proprio l'angoscia a fare da sottofondo all'evolversi delle immagini, un'angoscia che si concretizza in un suono (ci ricorda il vento?) che riempie gli ambienti come un'amniotica presenza disturbante.

Lynch costruisce il suo personale immaginario in maniera claustrofobica e malata. Molti i riferimenti ai freaks (dallo stesso protagonista, al feto, alla ballerina/cantante), la deformità mentale e fisica diventa connotazione estetica (ma non a effetto) dei suoi personaggi, cifra stilistica che racchiude gli archetipi del suo cinema a venire.

Eraserhead è un film indipendente dal pensiero logico/razionale e affonda le sua stessa esistenza in qualcosa di caldo e soffocante (spesso viene inquadrato un termosifone), in una scala di bianchi e neri che costruisce una realtà sfatta e decadente e in squarci di luce che preannunciano inutili speranze o le assurde fantasie del regista (i momenti musicali sono pura visione).

Non possiamo neanche parlare di allucinazioni perché il confine tra realtà e alterazione è inesistente. Qui, il cinema, diventa la realtà. I suoi processi e i suoi meccanismi prendono il posto di quelli logico razionali e sono i tagli, le inquadrature, i colori e la musica a dettare le (non)regole del mondo in cui ci ritroviamo immersi. Un cinema allo stato puro, difficilmente comprensibile da chi si afferra ai film come a costruzioni causali in cui tutto debba essere detto e spiegato. Qui è importante lasciarsi scivolare da un'immagine all'altra, bisogna essere permeabili come lo è quello che vediamo. Essere come le sabbia, sapersi adattare a qualsiasi ambiente. Un percorso molto spesso disturbante dal quale cerchiamo di ritrarci a causa delle deformazioni che il regista mostra, un percorso difficile da seguire ma che vale la pena di essere percorso. Per entrare in quel posto (oscuro e luminoso allo stesso tempo) dove la ragione dorme e i mostri sono liberi di generarsi.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 164 millisecondi