:: Home » Numeri » #151 » CINEMA » 30 giorni di buio
2008
21
Feb

30 giorni di buio

media 3.18 dopo 721 voti
Commenti () - Page hits: 4800
 
 
Barrow, Alaska. Ultimo avamposto della società americana prima del bianco assoluto dei ghiacciai artici. Agglomerato umano composto da caratteri stereotipati pronti al massacro. L'idea interessante: quale luogo migliore per dei vampiri affamati se non una località dove la notte dura un mese intero?
La realizzazione: si parte da una graphic-novel (Niles e Templesmith), attento il lavoro su colori e fotografia, impasti cromatici e contasti visivi. I colori predominanti sono il bianco delle distese innevate, il rosso vivo del sangue, il blu-nero metallico della notte.
Gli inganni: la sceneggiatura è scritta in maniera meccanica, sfruttando le svolte del racconto per evidenti esigenze di incastro narrativo. Un esempio: l'incidente che costringe Stella a rimanere a Barrow.
L'ipocrisia: usare il genere horror, ancora una volta, come strumento per esaltare i valori della società americana. Sacrificio, famiglia, matrimonio, tutti elementi che invece di essere criticati o mostrati in una nuova luce vengono usati da un punto di vista drammaturgico per essere sempre e comunque giustificati. Un esempio: un uomo si fa saltare in aria uccidendo più vampiri possibili. Il suo è un comportamento kamikaze. La società americana condanna gli attentati kamikaze come atti terroristici. Il punto: l'atto non viene condannato a priori, se i cattivi sono gli altri diventa giusto farsi saltare in aria. Un altro esempio: un uomo si accorge di essere stato infettato dal sangue dei vampiri, chiede di essere ucciso prima di trasformarsi in uno di essi. Il senso: metafora della malattia, si chiede di essere uccisi prima di patire quello che la malattia comporta. Leggere anche: eutanasia. Nel film questa scelta che la società americana condanna diventa giustificata, perché ci si sacrifica per gli altri, morendo si annullano le possibilità di nuocere e contagiare i propri compagni.
La storia è piena di situazioni di questo tipo e nessuna di esse serve a scardinare le certezze dei personaggi o i loro valori. Tutto è solo gioco narrativo, senza nessuna presa di posizione critica o etica. Puro film di genere, forse, il problema è che non si ha neanche paura. L'angoscia poteva essere creata dalla situazione di isolamento in cui si rifugiano i personaggi. Nascosti in una soffitta. Invece la tensione è blanda e si cerca di spaventare lo spettatore con i banchetti dei vampiri che succhiano sangue a più non posso, parlando una strana lingua, schizzandosi di materia organica per dar maggior risalto alla loro crudeltà.
Chi sono, da vengono, dove andranno: non ci è dato di saperlo.
La scansione temporale del racconto è poi inutile e superflua. Il tempo passa a settimane. L'unico indizio: la barbetta che cresce sul volto di Josh-espressionezero-Hartnett.
Finito il buio arriva l'alba. Con essa la speranza e un nuovo sacrificio. Una fede brilla su un dito. I sacri valori della Nazione sono stati ancora una volta rispettati.
Trailer su YouTube
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 116 millisecondi