:: Home » Numeri » #150 » LETTERATURA » Io sono Leggenda
2008
21
Gen

Io sono Leggenda

media 3.25 dopo 778 voti
Commenti () - Page hits: 5600
 
 
Tradimento!
Certo, non sempre le trasposizioni cinematografiche dei romanzi  mantengono intatte sullo schermo le caratteristiche dell'opera da cui partono, ma cambiare completamente il senso di un libro, il suo valore morale, depurandolo di qualsiasi istanza conflittuale e riducendolo a un semplice spunto narrativo ha il sapore dell'offesa nei confronti del capolavoro di Richard Matheson.
Quindi diciamolo chiaramente tra Io sono leggenda-libro e Io sono leggenda-film non c'è nessun contatto, se non il nome del personaggio protagonista, Robert Neville e il fatto che egli sia (o si creda) l'ultimo uomo sulla terra.
Forse non era nelle intenzioni di regista e sceneggiatori mettere in scena il libro di Matheson, ma l'operazione, con la sua ideologia tipicamente nazionalista, merita un'attenta riflessione.
Nel libro di Matheson il tema fondamentale è quello della diversità. In una società in cui gli esseri umani sono diventati tutti dei vampiri, l'unico a mantenere caratteristiche umane è Robert Neville. Solo che per Matheson i diversi non sono più i vampiri, che formano la nuova massa, la nuova maggioranza, ma proprio lui, Robert Neville, che non vuole ammettere, prima di tutto a se stesso, di essere diventato una minaccia, mentre se ne va in giro per le strade ad uccidere e bruciare i corpi dei vampiri. In questo caso l'uso della fantascienza e di alcuni elementi horror ha una valenza fortemente politica, critica nei confronti della società e dei suoi valori. Inoltre la completa solitudine del protagonista è un modo per lo scrittore per affrontare un viaggio esistenziale nei cunicoli della mente umana. Il carico di dolore che questo uomo si porta addosso, abbandonato alla più completa solitudine, diventa anche simbolo di una condizione umana di piena e assoluta infelicità, con imprevedibili squarci di luce, nei quali Robert ritrova la speranza, fino a quella rivelazione finale, in cui la sua prospettiva e anche la nostra cambieranno radicalmente.
 
Il film di Francis Lawrence invece abbandona quasi completamente questi elementi per concentrarsi sull'aspetto visivo (e visionario) della storia, quindi sulla possibilità di mostrare una New York completamente deserta, meravigliando lo sguardo dello spettatore con i ruderi della nostra società. Con cervi e leoni che corrono lungo le strade tra le carcasse delle macchine. Ma tutto l'impatto visivo e il lavoro sulla luce e la fotografia che in alcuni casi (la sequenza in cui Robert cade in una trappola) riescono anche a trasmettere emozioni e quindi a portare il film veramente su un piano espressivo cinematografico, rimangono però come sospesi nel loro rapporto con la narrazione stessa.
Gli elementi di maggiore frattura sono però quelli ideologici. I vampiri sono dei semplici mostri, incapaci di parlare e pensare, una massa nemica, quindi, dalla quale bisogna difendersi. E poi la vergognosa esaltazione di alcuni dei principi fondanti della nazione americana come dio e il sacrificio. Questi elementi, assenti nel libro, divengono la base etica sulla quale ripartiranno le speranze dei sopravvissuti (che purtroppo ci sono, eccome). La rinascita della nazione (americana) sarà affidata ad un nuovo centro abitativo protetto da mura e militari, con una bandiera a stelle e strisce a sventolare in un angolo dell'inquadratura.
E allora, alla faccia di regista e sceneggiatori e di ogni positivismo, leggiamo questo messaggio di speranza,. di rinasctita, in un'altra ottica, la seguente: il vero virus che distrugge il mondo, ovvero il genere umano, ancora una volta non è stato debellato. E mentre si rinforza, in uno spazio chiuso e protetto, attende solo il momento per iniziare di nuovo la sua opera di distruzione.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 119 millisecondi