:: Home » Numeri » #149 » LETTERATURA » Addii d’un rosso inconscio - Luigi Panzardi
2007
24
Dic

Addii d’un rosso inconscio - Luigi Panzardi

media 3.12 dopo 701 voti
Commenti () - Page hits: 3950
Immagine di copertina di Luigi Lanzardi
Magnetica Edizioni
http://www.magneticaedizioni.it/
info@magneticaedizioni.it
Narrativa – racconti
Pagg. 102
ISBN: 9788889889374
Prezzo: € 10,00
 
Quando ho intervistato l'autore in occasione dell'uscita del libro, gli ho chiesto, non avendolo ancora letto, il motivo di un titolo così strano e lui mi ha risposto che lo stesso annuncia, sia pur vagamente, l'esito drammatico dei racconti,  i cui personaggi sono dotati di una personalità fuori dalla norma o a limite della stessa, o addirittura sono in preda alla follia.
Nell'introduzione al testo, scritta dallo stesso autore, viene rimarcato questo comune denominatore, citando la vita di Nietzsche, universalmente considerato un genio, razionale, logico e che poi all'improvviso finì con l'impazzire, quasi a voler dimostrare che è presente in ognuno di noi un lato oscuro che, poi, per motivi sconosciuti, può prendere all'improvviso la supremazia, trasformando una mente lucida in una folle. 
Quindi l'obiettivo di questa raccolta di racconti non è per nulla facile, perché ci si addentra in un campo che continua a sfuggire alla logica, con caratteristiche e modalità che variano da individuo a individuo.
Lo sviluppo narrativo si avvale di un racconto lungo (La busta azzurra), in cui è più presente, al di sotto di un'apparente normalità, la radice della demenza, in questo caso quasi l'effetto di una successione genetica che porta la protagonista all'omicidio perpetrato quasi in tranche, in obbedienza al lato oscuro della personalità, sempre latente, ma che sembra esplodere con  casualità, ricollegando un albero a una tragica vicenda familiare.
In questo racconto aleggia anche una certa aria di mistero, un senso di oppressione che per certi versi richiama la letteratura di genere, più incisivamente il gotico.
Questa sorta di horror psicologico è ancora più evidente in L'Assolo, dove in atmosfere nebbiose si dipana uno sdoppiamento della personalità che porta a un'imprevedibile conclusione.
Meno coerente nello sviluppo tematico, ma senz'altro assai riuscito è invece La pecora, dove il degrado, inteso in tutti suoi aspetti, porta a uno stato di rassegnata follia, intesa quale unica soluzione di un problema senza altri sbocchi.
Di sicuro effetto è poi Il custode del canile, in cui l'emarginazione diventa il campo di coltura di un disordine mentale da cui si può uscire solo con la morte.
Ne L'ultima estate di Alì l'autore cerca di trovare i motivi per i quali un essere umano si dà la morte, assieme ad altri ignari. Nella lucida follia del kamikaze c'è una sorta di rassegnazione, di mancanza di fede nella vita con totale dedizione alla morte, descritti a piccoli passi, una serie di immagini al rallentatore che non possono non coinvolgere.
La lettura di questa raccolta è senz'altro consigliabile.
 
Luigi Panzardi  è nato a San Giorgio Lucano in provincia di Matera il 27 maggio 1942 e vive a Taranto. Ha già pubblicato due raccolte di poesie intitolate Parole bianche e Istanze e sogni.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 610 millisecondi