:: Home » Numeri » #149 » LETTERATURA » Rossovermiglio - Benedetta Cibrario
2007
12
Dic

Rossovermiglio - Benedetta Cibrario

media 3.21 dopo 944 voti
Commenti () - Page hits: 6450
Feltrinelli Editore
 
Siamo nella Torino del 1928 in una famiglia aristocratica dove due ragazzi, la protagonista ed il fratello Emilio, morto in guerra, vengono cresciti nel rispetto dell'esteriorità, della forma. La donna è costretta dal padre a scegliere, come marito, fra cinque persone. Non osa ribellarsi, sarebbe scandaloso e la sua "forzata scelta"  ricade sul giovane  Francesco Villaforesta. Il matrimonio naufraga presto,  fra i due il silenzio regna sovrano, l'uomo ha un'amante alla quale regala i vestiti  della consorte. Derisa, umiliata, la protagonista decide di lasciarlo e si trasferisce in una proprietà di famiglia, nel Chianti dove, aiutata dal fedele Dino, dà vita ad un'azienda agricola che si impone a livello mondiale, azienda che produce, fra l'altro, il  famoso vino Rossovermiglio "com'é il colore della luna certe sere d'estate". Nella vicenda che attraversa un secolo di storia, il novecento, la guerra, il referendum repubblica –monarchia, fa la sua apparizione l'enigmatico Trott, della quale la donna si innamora, che le insegna a produrre il vino. Una persona strana, che appare per fare l'amore con lei, fino a  scomparire definitivamente senza , apparentemente, un perché. Diversi altri personaggi, come l'avvocato Ricorsi, che avrà un ruolo importante nel contesto narrativo, sono presenti perché la scrittrice dà vita ad un romanzo corale, di stampo ottocentesco, dove sono numerosi i personaggi tratteggiati anche se è la donna la protagonista indiscussa di questa storia, una donna che prende coscienza. Esordio narrativo molto felice per la Cibrario che coniuga felicemente presente e passato, interseca magistralmente vicende collettive e private, dimostra quanto è labile il confine fra  verità e menzogna ( in questo ci ricorda molto Elsa Morante), offrendoci un finale tragico, pessimista, una sconfitta totale della protagonista . I dialoghi presenti nel romanzo sono interessanti, i personaggi felicemente caratterizzati, ma la principale caratteristica del romanzo, oltre una trama felicemente imbastita,  è la scrittura che non stenta mai il passo narrativo, che affascina il lettore.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 577 millisecondi