:: Home » Numeri » #147 » LETTERATURA » Pagano - Gianfranco Franchi
2007
24
Ott

Pagano - Gianfranco Franchi

media 3.05 dopo 1120 voti
Commenti () - Page hits: 6000

Prefazione di Gordiano Lupi
Postfazione (I) di Francesca Mazzucato
Postfazione (II) di Patrick Karlsen
Edizioni Il Foglio
Narrativa – romanzo
Pagg. 150
ISBN: 9788876061585
Prezzo: € 10,00
 
Pagano, abitante dell'isola di Pag, in Croazia, e come tale con quel senso di isolamento dal mondo esterno che è proprio di chi vive in un luogo circoscritto dal mare.
Ma Pagano anche secondo il vero senso della parola, cioè chi non segue la morale corrente, soprattutto quella religiosa.
In entrambi casi l'individuo è solo, isolato, una sorta di corpo avulso da una realtà rifiutata, da un mondo in cui l'omologazione è la costante a cui l'esistenza è finalizzata.
Chi non accetta il sistema, da chi lo presiede viene definito un sovversivo, o peggio ancora, secondo l'ottica spregiativa, un anarchico.
Gianfranco Franchi è un pagano, perché rivendica la libertà insita nell'individuo al momento della nascita, perché non accetta che ci sia un mondo di tanti uguali omogenei condotti per mano da alcuni diseguali che si avocano il diritto di determinare il corso della nostra vita.
E' sempre stato un "ribelle", fin dalla scuola, ma ora la sua protesta è più universale, e spazia in tutti i campi, ivi compresa la cultura, rivendicando quell'autonomia di giudizio propria di ogni essere libero e non di un suddito inconsapevole o accondiscendente.
Non sto a spiegare la trama, se di trama si può parlare in un libro che è una via di mezzo fra un lungo monologo, una riflessione e anche un'autobiografia.
Che le pecche del sistema evidenziate siano note non costituisce certo motivo di originalità, ma il punto di vista su cui basa l'osservazione rientra nel puro spirito anarchico, senza che però ci sia da temere un'irrazionalità nell'affrontare le varie tematiche.
Franchi è sincero e si proclama seguace di Max Stirner, uno dei padri dell'anarchismo, le cui idee possono essere o meno condivisibili, ma che non escludono l'esattezza della valutazione della situazione.
E' uno scenario, in cui la consapevolezza di non poter accettare uno stato di fatto che non può che peggiorare, porta l'autore a quell'isolamento che lo fa sentire straniero, anzi pagano, in mezzo ai suoi simili, ombre che si agitano convulsamente per realizzare fini che non sono loro.
E' un mondo che ancora riesco a vedere in modo distaccato, perché ciò che ho fatto ho fatto, nel senso che la mia vita si avvia verso quella fase discendente della parabola che conduce alla meta comune che tutti cerchiamo di ignorare.
Ma un giovane, perché Franchi è giovane, che aspettative può avere da un mondo senza futuro?
Non può pertanto osservare in modo distaccato, perché la sua esistenza come uomo e intellettuale è totalmente sbarrata dal muro di convenzioni, dall'incapacità e dall'ignoranza dilaganti, dall'atteggiamento dei più che, credendo di vivere al meglio, vegetano.
E' giovane Franchi, è disilluso, si sente isolato e allora escono dalle pagine del suo libro tutte le rabbie accumulate e che si vanno accumulando. Ce n'è per tutti, anche nella ricerca storica dei motivi per cui si è arrivati a tanto, e spesso ho avuto modo di concordare con le cause da lui identificate, ma soprattutto rimpiango di non avere più quella forza interiore che lui tramuta in un grido lancinante nel grigiore del silenzio, un urlo di libertà, fermo e al tempo stesso inerme, di chi dell'anarchismo ha fatto uno sbocco esistenziale.
Pagano non è un libro da leggere come tutti gli altri, non sono pagine che servono per trascorrere il tempo, non sarà certamente osannato dai critici asserviti al sistema, ma è una grande riflessione sul destino di questa umanità, e pertanto richiede prima di tutto l'umiltà di accostarvisi come a una verità rivelata, e poi la ponderazione dei vari passi, il riconoscersi in ciò che siamo diventati, cioè sudditi inconsci di un mondo  in cui la legge naturale dell'uomo che nasce libero è violata a favore chi nasce più libero degli altri.
Dopo queste premesse, è lecito chiedersi se Pagano sia un bel libro e la mia risposta è che Pagano è un libro necessario, anzi indispensabile se l'uomo vuole ancora sperare in un mondo diverso.
Leggetelo, ma soprattutto meditatelo, perché la vita è solo nostra e non possiamo permetterci il lusso di devolverla agli interessi altrui.
 
Gianfranco Franchi (Trieste, 1978), laureato in Lettere Moderne (2002), ha coordinato due riviste letterarie universitarie romane, Ouverture (1998-2001) e Der Wunderwagen (2000-2003) e il portale indipendente di comunicazione e critica letteraria e dello spettacolo Lankelot.com (2003. Lankelot.eu dal 2006). Ha pubblicato narrativa: "Disorder" (Il Foglio Letterario, 2006) e poesia: "L'imperfezione – Opera III" (Edizioni dell'Oleandro, 2002) e "Ombra della Fontana." (2003; e-book di Kult Virtual Press nel febbraio 2006).
A fine settembre 2007 uscirà il primo romanzo, "Pagano" sempre per Il Foglio Letterario.
In antologia: poesie in "Ragioni e canoni del corpo", (Asefi, 2001) e "Folia sine nomine secunda", (Marsilio, 2005) a cura di Luciano Troisio.
Ha partecipato, tra il 2001 e il 2004, a diversi programmi radiofonici di letteratura e spettacolo. È stato curatore del catalogo di Plotnikov. Collabora o ha collaborato, negli anni, con diverse testate, web e cartacee, con recensioni di libri, dischi e film; tra queste  Kult Underground, Books and Other Sorrows, SuperTrigger, Kaizenlab, La Rete On Line, Piazza Liberazione, Opifice, OcchiRossi, Anpi Magenta, Nuovi Autori, Beautiful Freaks, Carmina, Il Filo, Il Don Chisciotte, Lighea, Vetrine, Panorama (Fiume).
Ex editore delle Edizioni del Catalogo http://www.delcatalogo.com/(2004-2005), ha scritto nel blog Al Sangue (2006-2007) con Simone Buttazzi e Paolo Mascheri.
Post lauream ha cambiato spesso lavoro, rimanendo tendenzialmente nell'ambito del variopinto mondo della carta stampata, con diversi incarichi: redattore, revisore di bozze, forumadmin, ufficio stampa, inseritore e selezionatore in agenzia di stampa, organizzatore eventi, webcopy, ideatore di format radio o web, speaker. Libero professionista dal 2007, attualmente tende discretamente a una allegra, disinvolta e italica precarietà.
 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 124 millisecondi