:: Home » Numeri » #146 » CINEMA » La ragazza del lago
2007
19
Set

La ragazza del lago

media 3.17 dopo 723 voti
Commenti () - Page hits: 5050

 

 

Il corpo di una ragazza viene ritrovato sulla sponda di un lago. Il corpo è nudo, ricoperto da una giacca. La testa è girata in maniera innaturale, a guardare le acque del lago.

"Qui ci stanno di mezzo i sentimenti" dice il commissario Sanzio (l'ottimo Tony Servillo) ad Alfredo, il suo aiutante.

Chi ha ucciso la ragazza non voleva, mentre se ne andava e la guardava per l'ultima volta, vedere i suoi occhi sbarrati. Le ha girato la testa, è qualcuno che le voleva bene.

E allora si inizia a indagare tra tutti quelli "che volevano bene" ad Anna, la ragazza uccisa.

Il padre, morboso nel riprendere il corpo della figlia nei filmini estivi.

Il fidanzato, che aveva dormito con Anna la notte prima che fosse uccisa. Mario, lo scemo del villaggio, incapace di fare del male ad una mosca, che guardava Anna ogni mattina correre davanti alla sua cascina, dove vive con il padre paralitico.

Il padre di Angelo, un bambino "difficile" che Anna aiutava.

In un'atmosfera rarefatta e quasi sospesa si svolgono le indagini del commissario Sanzio. Sotto la presenza incombente della montagna che domina il paesino e attraverso i colori lividi del lago, dei boschi e delle pietre si cerca di ricostruire i fatti e di raggiungere la verità. La narrazione procede lentamente, in una rivisitazione atipica delle regole del noir e dell'indagine poliziesca, e mano a mano si svelano segreti e si aprono le psicologie dei personaggi. Vengono alla luce rapporti e drammi, situazioni familiari dolorose e frammentarie. La famiglia, per una volta, non è più quel nucleo felice e rassicurante ma diventa il centro delle problematiche di tutti i personaggi. Dove soprattutto nei legami con i padri si scoprono le difficoltà maggiori, il senso di un distacco generazionale sempre più grande, ma anche il desiderio di ricucire questo strappo, di diminuire le distanze, soprattutto nel rapporto tra il commissario e sua figlia.

La ragazza del lago non è un film compiuto. Nel finale si smorzano forse troppo velocemente le varie luci che avevano illuminato il percorso investigativo del commissario, alcune sfumature psicologiche perdono la loro intensità ma rimangono presenti alcune buone idee di regia e soprattutto un lavoro di sceneggiatura, messinscena e attoriale di tutto rispetto.

Ci si muove dalle parti dei lavori di Sorrentino (il produttore è lo stesso dei film del regista de Le conseguenze dell'amore) sia per l'uso della macchina da presa (anche se Andrea Molaioli, già aiuto regista di Nanni Moretti, rinuncia ai virtuosismi per una narrazione filmica più fluida e omogenea) sia soprattutto per l'utilizzo e la scelta della musica (tra atmosfere ambient e minimalismo elettronico alla Thom Yorke)
Ci si muove in terreni finalmente cinematografici, dove si torna a pensare ai film attraverso tutte le loro componenti e dove finalmente non ci sono più le tante banalità e volgari ipocrisie che stanno divorando i nostri schermi.


Trailer su YouTube

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 37 millisecondi