:: Home » Numeri » #143 » TEATRO » MEDEA-DEA III episodio - regia di A. Latella
2007
5
Giu

MEDEA-DEA III episodio - regia di A. Latella

media 2.74 dopo 1005 voti
Commenti () - Page hits: 5950

 

 

L'ultimo capitolo di questa trilogia si apre su uno spazio completamente ingombro di maschere, le maschere dei figli che Medea ha sacrificato all'amore. Quest'ultima parte è una girandola di immagini: burattini, volti senza corpo, un vestito da sposa, un bozzolo sollevato da terra che si apre e scopre una Medea assunta in cielo, li dove solo può trovare pace e ricongiungersi con i figli. Tutto è bianco, e senza retorica rimanda a sensazioni di pace come quelle che dobbiamo aver provato nella culla da neonati. Medea non più a terra può tornare ad accarezzare e cullare i figli ora che la sospensione crea la distanza necessaria alla tragedia. Se non fosse per quei volti di lattice abbandonati al suolo più nessuno ricorderebbe che fino a pochi attimi prima quella donna, così bella lassù ha commesso ciò che non si può comprendere. Ma anche questo alla fine ci viene tolto da un Giasone-clown che fa pulizia, con sistematico ordine, dello spazio.

Poesia e ironia, profonda dolcezza e cinico sarcasmo si confondono e si mescolano riportandoci senza tregua dall'ieri all'oggi, dai greci a noi. In quel bozzolo sospeso per aria Medea ricorda il deus-ex-machina caro alle tragedie greche che Euripide aveva però relegato in secondo piano se non cancellato completamente.

Sembra, a vedere Medea-Dea, che nessun'altra conclusione possibile potesse essere messa in scena alla fine di questo lungo viaggio alle radici del mito. Gli attori abbandonano quello che fino a quel momento era stata la loro peculiarità e si trasformano, necessariamente diversi dopo ciò che si è compiuto: Medea abbandona la terra, il corpo agile e nervoso, le urla e lo strazio per ritrovarsi morbidamente adagiata e cullata dalla sua stessa voce-nenia. I figli diventano semplicemente corpi che danno vita a due burattini, questi ora i veri figli di Medea che si ritroveranno tra le sue braccia.

Anche qui nessun giudizio, nessun commento semplicemente un provare a raccontare, a sentire con qualcosa che non sia la parola: immagini, corpi, colori.

E' un teatro carnale, sanguigno erotico quello che mette in scena Latella è lo è anche quando non lo vuole essere come in quest'ultima parte della trilogia, lo è nonostante tutto diventi aereo e intangibile addirittura meccanico con la scelta di far muovere due burattini su un palco che fino a quel momento ha visto muoversi in ogni direzione carne e corpi che per lo sforzo gocciolavano senza tregua sudore.

A vederla tutta insieme la trilogia si esce spossati ma con un incomparabile miscuglio di sensazioni. Dal riso al pianto, dalla comprensione al rifiuto; nonostante la stanchezza, ne vale veramente la pena.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Ilaria Magagna
Mi chiamo Ilaria, vengo da un paesino della provincia di Verona e ho 25 anni. Emigrata a Bologna per studio (mi sono laureata due anni fa in dams teatro) ci sono rimasta per 6 anni a portare avanti la passione per il teatro con seminari stages e laboratori fino ad incontrare Vladimira Cantoni e il gruppo Gibus Teatro con il quale ho lavorato per tre anni su un repertorio contemporaneo (Valentin, Testori; Brecht). Ora vivo in Puglia e lavoro in un centro culturale dove si occupano prevalentemente di teatro per ragazzi, seguo i laboratori con i bambini e i portatori di handicap, accolgo e faccio la cuoca per gli stagisti dei corsi residenziali sull’attore e lavoro come campagnola che è un buon modo per trovare le domande e le risposte che fanno crescere il teatro.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 182 millisecondi