:: Home » Numeri » #142 » LETTERATURA » Fatherland - Rober Harris
2007
16
Mag

Fatherland - Rober Harris

media 3.29 dopo 852 voti
Commenti () - Page hits: 6350

 

 

Mettiamo il caso che la seconda guerra mondiale non si fosse conclusa come ben sappiamo e che invece avesse vinto la Germania di Adolf Hitler, come si potrebbe immaginare un simile scenario?

Robert Harris ha voluto provarci e ci ha regalato un thriller-fantasy di assoluto interesse, al punto che dallo stesso è stato tratto un film dall'omonimo titolo e di grande successo.

Senza svelare nulla di particolare a chi fosse interessato a leggere quest'opera, dico semplicemente che il quadro di questa ipotetica situazione è stato disegnato dall'autore in modo convincente, presentando anche alcune analogie con la situazione socio-politica attuale.

In pratica, siamo nel 1964 e il grande Reich è proprio grande, tanto che si estende dal fiume Reno fino alla catena degli Urali. Tuttavia, l'ex blocco sovietico non è per nulla pacificato, con i bolscevici che danno vita a un'attiva resistenza.

Hitler, all'apice del suo trionfo, è un uomo di 75 anni, vecchio e senza particolari stimoli. Il presidente americano Joseph Kennedy preannuncia una sua visita a Berlino al fine di coltivare una possibile distensione fra i due imperi. Per quanto il Reich appaia monolitico, quasi indistruttibile agli occhi degli avversari, in effetti è corroso da un profondo malessere, alimentato dalla caduta degli ideali imposti dal partito nazista, dalla violenza e dalla corruzione che dilaga ovunque e dagli inevitabili attriti con le diverse etnie, spesso assimilate solo a seguito di conquista.

In questo clima di corrosiva tensione, il ritrovamento del corpo di un gerarca nazista nelle acque di un laghetto situato nei più esclusivi ed elitari complessi residenziali rappresenta l'inizio di una vicenda che vi terrà senz'altro con il fiato sospeso, in un susseguirsi di rivelazioni e di colpi di scena che vi accompagneranno fino alla conclusione.

E' una lettura piacevole e per nulla impegnativa, tanto che questo libro può essere un motivo di evasione per le prossime vacanze estive, sia che riposiate all'ombra di un pino in montagna, sia che siate distesi su un lettino in una spiaggia assolata.

 

Robert Harris è nato nel 1957 a Nottingham, in Inghilterra. Scrittore e giornalista televisivo inglese è famoso soprattutto come scrittore di romanzi thriller. Fra questi, oltre a Fatherland (1992), Enigma (1995), Archangel (1999), Pompei (2003), Leonardo e la macchina infernale (2006) e Imperium (2006).

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 150 millisecondi