:: Home » Numeri » #142 » LETTERATURA » Attrazioni e distrazioni - Cesarina Bo
2007
3
Mag

Attrazioni e distrazioni - Cesarina Bo

media 3.02 dopo 1303 voti
Commenti () - Page hits: 5750
 
Nel gustare i ventotto racconti di Cesarina Bo, raccolti in Attrazioni e distrazioni, la mente è costretta a fare i conti con la logica dei salti: di tempo, di spazio, di accensioni improvvise, tipiche di chi ragiona leggendo, cercando pure di comprendere i nessi, le costellazioni, le ricognizioni stemmatiche di una scrittura. Ma il lettore si renderà subito conto di essere di fronte ad una pagina che spesso, nella sua semplicità disarmante del punto di vista, ci svela senza troppi melismi, il cuore della sua sostanza. E si tratta di una sostanza fatta soprattutto di donne e uomini colti nei loro atti più umani, come nel caso de Il violinista pazzo - titolo che di letterario e pessoiano ha già tanto.
Ma la focalizzazione del personaggio, quella necessità di distaccamento dalla sue creature che ogni scrittore privilegia e cerca di nascondere nel flusso della scrittura, non può divenire l'unica spia, non può e non deve essere la sola chiave critica; semmai, di fronte a questi racconti, ci rendiamo conto che a contare è soprattutto quella che Sartre chiamava "fatticità" del personaggio, il suo essere individualità in quel dato momento, il suo essere lo scarto che lo distingue dagli altri: mi viene in mente questo leggendo Insetti, in cui la parodistica (ma tremendamente kafkiana!) conclusione, una vera e propria agnizione metafisica, ci dice molto su come la Bo concepisca il rapporto umano e lo schianto fra la soggettività e il caso.
Non manca, come da titolo dell'ultima sezione, una connotazione matematica e strutturale in questi racconti, probabilmente derivante dalla formazione mentale dell'autrice. Eppure, anche quando è favorevolmente dichiarata, la Bo riesce a introiettare nella forma il calcolo e a lasciare in superficie la prosa lucida, fluida e ben leggibile. Sarebbe bene indagare, tuttavia, anche il messaggio più strettamente politico di questi racconti, laddove per politico si intende il significato del libro gettato nella selva odierna del mercato editoriale. Mi sembra che la voglia di esprimersi della Bo surclassi ogni pretesa di categorizzazione postmoderna e sia un felice e riuscito esperimento di letteratura sentita. Anche e soprattutto per una certa grazia nell'esprimersi che rende godibile la sua prosa e nello stesso tempo la pone, proprio per questo, come problematica e identificativa del tempo in cui vive.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Gatto
Marco Gatto (1983) si occupa di poesia e di teoria della letteratura e si è formato nelle università di Cosenza e Cambridge. Ha pubblicato saggi e articoli su varie riviste letterarie (Lettera internazionale, Lucidamente, Rnotes, Scriptamanent - delle ultime due è stato anche caporedattore). La sua prima silloge poetica, Misura del tempo, è uscita nel dicembre 2006 presso Pellegrini editore. Ultimamente si sta occupando della diffusione in traduzione italiana dell'opera di Fredric Jameson, teorico sul quale si sta specializzando in ambito universitario.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 170 millisecondi