:: Home » Numeri » #141 » TEATRO » Storie Giganti
2007
10
Apr

Storie Giganti

media 2.94 dopo 1316 voti
Commenti () - Page hits: 6750
regia di Michelangelo Campanale


Storie giganti è nato in Puglia e comincia con una storia. Anzi, con tante. Tante storie a cui viene negato il "cattivo" e che lo rivogliono indietro perché senza affrontare i mostri non si può vivere felici e contenti: c'è Cappuccetto Rosso, Barbablù, Orlando e Angelica.

Chi racconta è un gigante troppo grande costretto in un armadio troppo piccolo.

E poi una bambina che ha troppa paura per andare fino in fondo, per arrivare alla fine, e due amici di volta in volta Orlando, Cappuccetto, la strega cattiva.

Gli attori sono grandi il pubblico invece no. Storie giganti è uno spettacolo per bambini che per un'ora ti lascia col fiato sospeso e non ti stanca, non ti annoia, anche se tu che guardi sei un adulto.

Bisogna andarlo a vedere per capire che la qualità è nascosta in un piccolo gesto perfettamente calcolato in prova e che gli attori lo fanno per mestiere, ogni giorno.

Anche la scenografia è piccola e semplice con "incredibili effetti speciali" di quelli che ancora usano in pochi: botole come pozzi profondi, praticabili che si aprono e diventano sotterranei, armadi che girano su di sé, acqua e bandierine con scritto a pennarello HELP.

E' divertente e commovente e se si guarda seduti in mezzo a un pubblico di soli bambini si sente. Un piccolo tesoro.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Ilaria Magagna
Mi chiamo Ilaria, vengo da un paesino della provincia di Verona e ho 25 anni. Emigrata a Bologna per studio (mi sono laureata due anni fa in dams teatro) ci sono rimasta per 6 anni a portare avanti la passione per il teatro con seminari stages e laboratori fino ad incontrare Vladimira Cantoni e il gruppo Gibus Teatro con il quale ho lavorato per tre anni su un repertorio contemporaneo (Valentin, Testori; Brecht). Ora vivo in Puglia e lavoro in un centro culturale dove si occupano prevalentemente di teatro per ragazzi, seguo i laboratori con i bambini e i portatori di handicap, accolgo e faccio la cuoca per gli stagisti dei corsi residenziali sull’attore e lavoro come campagnola che è un buon modo per trovare le domande e le risposte che fanno crescere il teatro.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 172 millisecondi