:: Home » Numeri » #139 » LETTERATURA » La prima guerra mondiale - Keith Robbins
2007
26
Feb

La prima guerra mondiale - Keith Robbins

media 3.34 dopo 1222 voti
Commenti () - Page hits: 9500

 

 

Di libri sulla prima guerra mondiale ne sono stati scritti tanti, e non mi riferisco ai romanzi, peraltro numerosi e assai noti come "Niente di nuovo sul fronte occidentale" di Remarque o "Addio alle armi" di Hemingway, ma ai saggi storici.

Non intendo citare le opere generali e corpose di Keegan, di Willmott o di Ferguson, e nemmeno la storiografia specialistica in ordine all'aspetto militare dal punto di vista strategico, oppure tattico  (vedasi l'opera assai valida di Basil Liddell Hart "La prima guerra mondiale. 1914-1918").

Quella che mancava era una trattazione organica e completa, ma resa facilmente comprensibile per un comune lettore, cioè un qualche cosa di esauriente, ma non da addetto ai lavori.

Ha provveduto a questa necessità Keith Robbins, che, in questo volumetto proposto da Mondadori fra gli Oscar e quindi a un prezzo accessibile, riesce nel quasi impossibile compito di fornire una visione d'insieme del conflitto scritta in modo accattivante e anche con apprezzabile sinteticità.

Il metodo adottato è quello di procedere per argomenti e per ciascuno di questi evidenziare solo gli aspetti più salienti.

Così le cause del conflitto sono parte del primo capitolo, a cui segue l'andamento delle operazioni belliche, visto più da un generale punto di vista strategico che da quello tattico; successivamente c'è un'ampia trattazione riguardante gli armamenti, poi si passa agli scopi dei belligeranti e, posteriormente a un'analisi del fronte interno, si perviene all'esperienza della guerra, con i riflessi letterari, i problemi demografici e quelli morali.

Penso che di più non si possa pretendere, alla luce anche di una sostanziale imparzialità di giudizi dell'autore, che non risparmia da critiche nemmeno i suoi connazionali.

Per chi desidera conoscere un'epoca che ha segnato, e continua a segnare, gli anni successivi, senza dover sudare le proverbiali sette camicie per comprendere, mi sento di affermare in tutta tranquillità che questo libro è perfettamente rispondente allo scopo.

 

Keith Robbins insegna Storia Moderna all'Università di Glasgow.

Le sue più importanti pubblicazioni sono: Sir Edward Grey, The Abolition of War, The Eclipse of a Great Power: Modern Britain 1870-1975, Nineteenth-century Britain: integration and diversity.      

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 173 millisecondi