:: Home » Numeri » #139 » OPINIONI » La truffa di Stato del peso cubano
2007
11
Feb

La truffa di Stato del peso cubano

media 2.68 dopo 1251 voti
Commenti () - Page hits: 8750

La delegazione cubana della Federazione Latinoamericana delle donne rurali (FLAMUR) sta portando avanti una campagna affinché a Cuba esista una sola moneta. Cuba è una dittatura e come in ogni regime totalitario certe lotte sono pericolose, anche se è assurdo un sistema monetario che paga gli stipendi con il peso nacional e vende prodotti al pubblico (fuori dal razionamento alimentare) in peso convertibile. Tanto più assurdo se si pensa che il peso convertibile è la moneta dei turisti e degli stranieri e come valore è quasi parificata all'euro, visto che per cambiare un peso convertibile servono circa ventiquattro pesos cubani. Bene, questa lotta per la giustizia economica a Cuba sta costando arresti e detenzioni alle donne rurali e ai dissidenti, ma in Europa nessuno ne parla. I salari dei lavoratori e le pensioni vengono pagati in una moneta che ha pochissimo potere d'acquisto e che può essere spesa solo utilizzando la libreta del razionamento nei negozi dove non si trovano che pochi generi alimentari. Se un cubano vuole acquistare generi di libera vendita deve possedere pesos convertibili e non è facile se si limita a lavorare onestamente alle dipendenze dello Stato. Dispone di pesos convertibili solo chi lavora nel turismo, nella illegalità (di vario tipo) e chi ha parenti all'estero che inviano periodicamente euro o dollari. Questa realtà ho cercato di denunciarla spesso: Cuba è un paese che vive soprattutto di rimesse degli emigranti, ma non per vera necessità, quanto per un perverso sistema economico interno. Le ricadute positive del turismo non vengono sfruttate dalla popolazione che si deve accontentare di inserirsi nei traffici illegali con gli stranieri, dalla prostituzione alla vendita di prodotti rubati.
A Cuba, secondo la Costituzione del 1976, la politica monetaria compete al Parlamento (parola che in una dittatura fa un po' ridere), ma in realtà è stata sempre determinata da Fidel Castro. Il Comandante ha deciso che il dollaro statunitense non deve più circolare a Cuba e lo ha comunicato a tutti durante una trasmissione televisiva tenuta insieme a Francisco Soberón, Presidente del Banco Nacional. La politica di Castro è stata quella di svalutare il dollaro del venti per cento e il Parlamento, presieduto dal fedele servitore Ricardo Alarcón, si è limitato ad appoggiare in silenzio questa decisione. Il peso cubano reca scritto: "Questo biglietto ha corso legale e forza liberatoria illimitata per il pagamento di tutte le obbligazioni contratte o da eseguire nel territorio nazionale, e costituisce un'obbligazione dello Stato cubano". Tutto questo non è assolutamente vero. La lotta che sta portando avanti parte della popolazione intellettuale dell'isola, sostenuta dai dissidenti e dalla Federazione delle donne rurali, è volta a fra sì che il denaro posseduto dai cubani abbia un reale valore di interscambio e che i salari servano per comprare alimenti di prima necessità. Per noi che siamo abituati a un sistema economico normale sembra una pretesa dovuta, ma in una realtà dittatoriale come quella cubana è un ragionamento controrivoluzionari che può costare anni di galera.



N.d.R. L'immagine di un peso cubano convertibile è stata presa da Wikipedia.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 139 millisecondi