:: Home » Numeri » #138 » CINEMA » Il Grande Capo
2007
13
Gen

Il Grande Capo

media 3.01 dopo 1095 voti
Commenti () - Page hits: 5300

 

 

Lars Von Trier ci dichiara subito le sue intenzioni.

Una gru, movimento ascendente, l'immagine riflessa di una macchina da presa. Una voce ci spiega che stiamo per assistere ad una commedia, che siamo in un cinema e che questo è un film.

Le intenzioni sono dette.

L'inganno finzionale svelato.

Il mezzo cinematografico messo a nudo attraverso il suo riflesso in un vetro (ma già negli anni venti ci aveva pensato Vertov, l'importante è però rinfrescare la memoria su questi concetti).

Poi ci troviamo all'interno di una piccola azienda danese. Von Trier delinea le sue scelte tecniche, stilistiche e teoriche. Gran parte del film è girato in interni, attraverso una sperimentazione di ripresa e fotografia portata avanti da un programma per computer, chiamato Automavision. Il montaggio distrugge qualsiasi regola di grammatica filmica, i tagli non seguono nessuna legge, tranne quella di un'anarchia narrativa che cerca di stravolgere tutti i codici della comunicazione cinematografica.

Risultato? Il messaggio arriva chiaramente allo spettatore, segno questo che al cinema le regole esistono ma non è detto che debbano per forza di cosa essere rispettate.

Illuminazione naturale, niente trucco, niente musica.

Si gioca tutto sugli attori, sui loro rapporti, sulla loro bravura.

Escono fuori situazioni ironiche o grottesche, una critica acida al potere e ai trucchi che esso compie, esce fuori un quadro che incornicia il mondo del lavoro in una  serie di comportamenti ipocriti e alle volte insensati.

Il Grande Capo è un film che lavora su molteplici piani. Al di là della storia raccontata, come sempre accade nei film del regista danese, è poi la riflessione teorica quella che interessa maggiormente.

In questo caso cinema, teatro e psicodramma si amalgamo e si smascherano in continuazione. La narrazione cede il passo a momenti in cui il regista si rivolge direttamente a noi, in quanto pubblico, e ci mette a conoscenza delle sue intenzioni. In questo modo il cinema diventa un mezzo espressivo ancora più strutturato e complesso. Mettendo in corto circuito i codici della rappresentazione e lavorando sullo straniamento Lars costruisce una storia che cerca in ogni modo di allontanarsi da tutti quei film che conosciamo a memoria.

Un tentativo, per l'appunto, di rivitalizzare il cinema.

Alla fine la voce del regista dice – Chi è venuto qui aspettandosi questo se l'è meritato.

Poi partono i titoli di coda.

Io inizio ad applaudire.

Intorno a me il silenzio.

Certo, non è un film per tutti.

Ed era proprio questo che io mi aspettavo.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 157 millisecondi