:: Home » Numeri » #127 » LETTERATURA » Il Dio nell'Alcova
2006
1
Feb

Il Dio nell'Alcova

media 3.08 dopo 1353 voti
Commenti () - Page hits: 5450
(Elvezio Sciallis - Il Foglio)
IL DIO NELL’ALCOVA, un’antologia, corredata di un’interessante prefazione a cura di Luigi Boccia e Nicola Lombardi e di illustrazioni artisticamente apprezzabili, di “Otto storie del soprannaturale”, alcune premiate in concorsi letterari, quali il Premio Lovecraft e il Concorso Yorick. La straordinaria efficacia dell’horror è proporzionale alla competenza e all’intelligenza dell’autore. Elvezio Sciallis, di cui ricordiamo LA MACCHINA DELLE OSSA (Prospettiva 2001), insofferente dell’egoismo e della viltà dell’uomo, oggi dilaganti, (Compagno di giochi), della solitudine e dell’incessante trascorrere del tempo (Un gioco d’ombre) verso un mondo in cui niente è più a misura d’uomo, esplora la psiche umana e ci offre originali interpretazioni dei problemi psicosociali (“La vita ti piega e spezza con la forza delle umiliazioni quotidiane…”), della follia, della vendetta (Eclissi totale di cuore, Compagno di giochi), ecc. Avverso alla schiavitù delle passioni in Il dio nell’alcova, racconto dall’incredibile vis orrifica delle immagini; desideroso di evadere dalla moderna società dei rumori (“L’orizzonte mi salvava”), delle convenzioni e dell’ipocrisia, causa principale del disgregarsi del nucleo familiare, in Coda-Marine 475; contrario ad un progresso sempre più disumanizzante in Un gioco d’ombre, A caccia e Scavando nel fuoco, l’autore si mantiene aderente al modernissimo assunto eracliteo del panta rhei, alla certezza scientifica che tutto si trasforma, ma niente si distrugge, ed all’amara convinzione che tutto è destinato all’oblio, soprattutto in Un gioco d’ombre.
 Rebus sic stantibus, per Elvezio Sciallis è importante non dimenticare i valori di un tempo, le credenze e le tradizioni popolari, schegge di cristallo del passato, di cui non rimane che l’ombra. Il significato è latente, a volte più e a volte meno, in tutti i racconti, del resto “Il vero scrittore non mette mai tutto nel suo libro, il meglio del suo lavoro si compie nell’anima del lettore” (Rondelet): Immagini orripilanti, ripugnanti, truci, a volte con effetti splatter, mostruosità marine, orribili spettri colpiscono, come dardi, la coscienza di chi legge; come acqua gelida gettata, di colpo, in viso ci fanno comprendere la realtà, i nostri errori. Siamo noi a creare mostri e spettri. Essi nascono dal nostro io, dal nostro essere, dal nostro creare e dal nostro distruggere. Siamo stati noi ad aver tracciato, intorno a noi stessi, “Il cerchio della paura” (collana de Il Foglio).
 
I prossimi sarete voi”.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Su TERZA PAGINA WORLD, maggio 2009, ha pubblicato la recensione a “Seconda B”, di Patrizio Pacioni, romanzo edito nel 2009 dalla Melino Merella Edizioni. Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale «L(‘)abile traccia». In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 147 millisecondi