:: Home » Numeri » #127 » LETTERATURA » Lunar Park
2006
1
Feb

Lunar Park

media 2.77 dopo 1106 voti
Commenti () - Page hits: 4100
Sei una perfetta caricatura di te stesso.
Così inizia l’ultimo romanzo di Bret Easton Ellis.
Nel primo capitolo Bret fa il punto della situazione. Parla del suo successo, della sua vita, delle droghe che ha usato. Parla del padre, della confusione, di una svolta inaspettata nella sua vita.
Sei una perfetta caricatura di te stesso.
E qui inizia la storia vera (ma fino a che punto?) e propria. Troviamo Bret che si è sposato, ha un figlio suo e una bambina della moglie a cui badare, un nuovo romanzo da scrivere (Figa Dodicenne) e soprattutto una nuova vita da sperimentare.
Quello che si delinea tra le pagine è un Bret Easton Ellis che sembra incarnare molte delle caratteristiche dei suoi personaggi, la loro superficialità, il loro vuoto interiore, la banalità e il profondo egoismo.
Ma poi qualcosa, come sempre, inizia a disfarsi. E non è solo la casa di Elsenore Street in cui Bret vive o il suo rapporto con i figli, è la maschera del suo personaggio che incomincia a sgretolarsi.
E i confini tra realtà e immaginazione, vita e scrittura, iniziano ad assottigliarsi. Intrappolato all’interno di una storia di fantasmi, che parla del soprannaturale, Bret si ritrova a fare i conti con i demoni della propria memoria e della propria natura. Si ritrova a fare i conti con i suoi personaggi che vogliono diventare reali (Patrick Bateman, su tutti), con il padre che sembra volergli dire a tutti i costi un qualcosa e con un Bret Easton Ellis più giovane e affamato che invece questo qualcosa cerca di nasconderglielo.
Invischiato in una storia sempre più allucinante Bret arriva allo sdoppiamento di se stesso, si divide tra personaggio e scrittore, sempre in bilico sulle decisioni da prendere, sulle cose a cui credere, sui comportamenti da seguire.
Un libro attraverso il quale Bret reinventa genialmente se stesso. Giocando sullo stesso terreno di cui sono fatti i sogni, gli incubi e per questo anche i libri Bret trova una nuova via della narrarzione, un nuovo modo di raccontare le cose.
Senza rinunciare al suo stile tagliente, ironico e ipnotico Bret ci guida attraverso le molteplici sfaccettature della propria anima regalandoci dei momenti di saggezza e profondità che si mischiano come sempre all’orrore, al vuoto esistenziale e alla solitudine.
Ma il vero cambiamento avviene proprio a livello contenutistico. Dopo romanzi che ci hanno fatto entrare in un vuoto incolmabile qui sembrano venire alla luce dei sentimenti profondi, dei valori, delle verità sulla vita che ci riempiono di stupore, perchè nuove per uno scrittore come lui e forse perchè finalmente autentiche.
Saper (re)inventare se stessi attraverso le parole credo che sia il massimo a cui un scrittore possa aspirare.
Perchè significa trovare la libertà in quel luogo che hai amato (o odiato) più di ogni altro.
Quel luogo che sei stato tu a costruire, quel luogo che sei stato tu a rendere vivo.
Con tutto il tuo carico di dolore, di esperienze, di delusioni.
Un romanzo sorprendente e amaro.
Dove tra fantasmi e incomprensioni è ancora possibile trovare quel barlume di umanità che conferisce una nuova luce alle parole di Bret.
Una luce che non è speranza o illuminazione.

Ma solo consapevolezza di se stessi.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 148 millisecondi