:: Home » Numeri » #135 » LETTERATURA » La memoria dell'acqua - Antonio Messina
2006
3
Ott

La memoria dell'acqua - Antonio Messina

media 2.70 dopo 1262 voti
Commenti () - Page hits: 7250

«Ma Tu quando verrai?/ Un giorno stendendo la mano/ Sul quartiere dove abito,/ Al tempo maturo che non spero più davvero;» (H. Michaux).

Un voce sussurra lenta e pacata all'orecchio del lettore accoccolato alle soglie di se stesso, disteso al piacere della parola, alla bellezza dei luoghi dell'anima, all'attesa della vita che si compie: ha nomi differenti ma un solo volto, radici lontane e sapore di paesaggi contaminati dall'amore, dalla conoscenza di sè, dalla bellezza, dal sogno.
Dentro e oltre la filosofia, La memoria dell'acqua costituisce realmente- come sottolinea a ragione Elisabetta Blasi nell'interessante introduzione- "la nuova frontiera del racconto filosofico", caratterizzato da un'atmosfera che oscilla costantemente fra tradizione letteraria e indagine etica, attraverso un percorso à rebour sui temi arcani dell'esistenza.
Sensibili sono i richiami al Filebo e alla maieutica come forma di conoscenza, di scoperta del Sé: percepiamo una sorta di osmosi tra il percorso dell'autore e quello di Melibeo, di Noori, di Yen, di Fabula, solo per citarne alcuni, dosando luci e ombre, trasparenze, silenzi e respiri.
Se i temi fondamentali si delineano già nella prima parte, caratterizzata soprattutto dal capitolo da cui il volume trae il titolo, sono i sei racconti che definiscono sostanzialente la seconda parte a costituire un autentico luogo di incontro fra autore e lettore: Egretus è il compimento, la pienezza, Itaca che si profila all'orizzonte. Non solo una meta ma la naturale conseguenza di un percorso, del desiderio per la vita e per la rivelazione che in essa si nasconde.
Antonio Messina indaga la naturale necessità alla vita attraverso la metafora, "Sono stato vento, antico pensiero, onda del mare e luce prossima al tramonto,…" : il desiderio è tattile, visivo, acustico, il desiderio è nelle cose, nell' esistere stesso, nell'apprendere la convivenza con il dolore, come negli attimi di estrema bellezza che ci vengono regalati, a cui spesso restiamo lontani, "presi solo dall'effimero e dalla materia".
Autentica prova d'autore Il Violoncello, racconto di forte intensità, in cui il principio del suono come musica, come percezione di vita, si sublima nell'accettazione dell'amore come forza inarginabile, come sintesi del concetto "diffidate dagli analisti dell'anima, e invece ascoltate l'istinto…"espresso pressochè in incipit al primo capitolo: ecco allora il mattino farsi davvero fulgido ed espressivo, gonfio di rugiada, di curiosità, del sorriso della sorpresa, di uno stupore quotidiano, intrinseco alla prosa stessa.
Dovremmo realmente accennare a questa operazione come stilisticamente improntata ad una fusione fra prosa e poesia: fusione non solo formale', bensì contenutistica, alla ricerca di una misura personale'alla vita nell'intersezione fra pensiero, idea e concretezza, nel tentativo di afferrare, anche se di circostanza in circostanza, il panta rei, i corsi e ricorsi' individuali, la partenza e l'approdo al proprio Egretus.
Interessante e profondo viaggio oltre la superficie per carpirne l'essenza, nel tentativo di riappropriarsi di uno spazio che il Tempo non concede, che l'abitudine deframmenta e inasprisce: uno sguardo all'interno e interiore insieme, all'origine e dentro l'origine, dentro l'uomo e per l'uomo.
«L'incendio è la stagione/ delle tenebre bellissime/ avevi fatto in aria un incantesimo…» [1]: pellegrini, nudi, alla ricerca, soli,…ma vivi e vibranti, forse, un giorno, perfino in approdo al porto della felicità.


[1] Elegia, P. Conte.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Ilaria Dazzi
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 155 millisecondi