:: Home » Numeri » #134 » CINEMA » Le colline hanno gli occhi
2006
7
Set

Le colline hanno gli occhi

media 2.98 dopo 1073 voti
Commenti () - Page hits: 5050

 

 

Interessante è l'ambientazione. Lo scenario post-atomico è di notevole impatto visivo. I crateri lasciati dalle esplosioni sono letteralmente agghiaccianti, un paesaggio lunare nel deserto del New Mexico. I villaggi usati nei test nucleari americani sembrano usciti da qualche allucinazione apocalittica e invece sono realtà. In questi luoghi costruiti come strumenti di misurazione della potenza della bomba atomica e popolati da manichini sorridenti, uomini finti immutabili, si annidano coloro che gli effetti delle radiazioni li hanno sperimentati sulla loro pelle. Corpi deformi e menti incattivite, alla ricerca di una vendetta o di semplice carne da mangiare, esseri scossi da una violenza dettata dalla propria alienazione dal genere umano.

Una famiglia, la classica famiglia americana (con tanto di bandierina patriottica sulla propria macchina) si ritrova in panne nel deserto in questione. Non ci metteranno molto ad accorgersi di non essere soli. Inizieranno i colpi di scena, gli squartamenti e gli sbudellamenti di rito. Si rimarrà ancora una volta in dubbio su chi sia veramente la vittima. I nostri simili o i diversi? Perché i mostri, i deformi, sono indubbiamente coloro che impersonificano la Diversità. Ma anche in questo film, se andiamo in profondità, non c'è coraggio e non c'è vero male. E' tutta una facciata, una messa in scena di arti amputati e violenza che serve solo a creare spettacolo. Roba da voyeurismo spicciolo, da ribrezzo immediato per chi ha lo stomaco debole, di solita routine per chi è abituato a film di questo tipo.

Perché alla fine rimangono sempre dei sopravvissuti, rimane la persona comune che diventa un eroe nel combattere il nemico, l'altro, il diverso.

E l'unica tra i mostri ad avere ancora una "morale" umana sembra essere la bambina con la felpa rossa, non a caso la meno deforme di tutti, che attraverso il suo sacrificio salva la vita a Doug e alla sua piccola figlia.

Mi ha fatto rabbrividire (ma non di paura) la scena in cui lo stesso Doug trova un ultimo scatto di volontà e coraggio alla vista del proprio anello nuziale su un'anulare ormai semi mozzato. Come a dire che dopotutto sono sempre i valori della vecchia America bianca e cristiana (qui simboleggiati dal matrimonio, dalla famiglia e come abbiamo visto prima dal sacrifico) a portare avanti, al di là di ogni dramma, chi vi abita. Speravo in qualcosa che scavasse più a fondo, che non lasciasse superstiti, in un male che avesse una sua morale (come accadeva nell'ultimo stupendo film di Rob Zombie) e non nei semplici mostri di turno che uccidono senza una ragione precisa, tranne quella di una colpa che nessuna delle loro vittime ha avuto.

Ottimi i titoli di testa, il lavoro del regista è certamente curato, alcuni movimenti di macchina sono fluidi e precisi, il deserto è inquadrato in tutta la sua lucentezza e solitudine, ma il senso del film non va al di là di una banale storiella che ci hanno già raccontato decine di volte.

La salvezza non può essere degli eroi, almeno non più nei nostri giorni.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 163 millisecondi