:: Home » Numeri » #133 » LETTERATURA » La memoria del mare - Stefano Delacroix
2006
17
Ago

La memoria del mare - Stefano Delacroix

media 2.66 dopo 1327 voti
Commenti () - Page hits: 7000

Un romanzo autoprodotto, scritto da un musicista e cantante. La narrativa della giovinezza in terra tarantina, dei sogni in territorio pugliese. L'alter ego di Delacroix (pseudonimo), ovvero il personaggio centrale della sua breve opera prima è Palmiro Bellini; un alter ego a pieno titolo, un soggetto che ama scrivere e si definisce poeta e versi prova a mettere giù. La Memoria del mare è il frutto del vissuto nel classico stato d'insoddisfazione, e di ricerca costante del meglio dopo.
Questa prima creatura di Stefano Delacroix propone anche caratteristiche significative, che mettono in condizione di seguire la narrazione. E si sente, inoltre, il rock uscire dalla pagine. Come in grandi amori, questo amore dell'autore è manifesto, anzi si manifesta in tutta la sua pienezza e nonostante sia (relativamente) messo in un angolo.

La trama è semplice da riportare. Palmiro Bellini è andato via di casa, in cerca di indipendenza, soprattutto economica. In una Taranto che sa molto di mare e di focacce, e di spiragli assolutamente fascinosi. "Una favola bella, – come scrive in prefazione il prof. Raffaele Pinto – in fondo, che si legge al ritmo di un convulso rock psichedelico ma si apprezza, alla fine, col sottofondo lento e cullante di una romantica canzone francese degli anni Sessanta". Infatti, nella dinamica del testo è proprio un aspetto convivente, quella dose buona e giustissima di romanticismo, di quelle vergate di on the road, comunque. Quindi, Bellini è il perno, il poeta che non ama la disco ma preferisce bere, in discoteca. In maniera del tutto inaspettata, a un festino, incontra una bella ragazza polacca, una donna che tira fuori il suo cuoricino dall'alcol e lo fa saltellare bene bene. Meg, questo il nome della donna, fa ancora di più. Ma forse non è proprio lei la persona che condividerà fino al finale una parte del mondo di quest'illuso Bellini. Nell'ultima parte del romanzo si trova il colpo di scena, naturalmente. Ed è meglio non svelare niente.

La scrittura dell'autore tarantino ha bisogno, senza mezze misure, di crescere. E in quei giochi a più voci, nei dialoghi che si prende già la parte migliore d'essa. Dove Delacroix è più schietto, più minimalista anche, riesce a toccare bene l'attenzione.

Stefano Delacroix, in alcuni punti, riesce a fare atmosfera senza calcare troppo la mano. La Memoria del mare potrebbe essere la prima opera d'un percorso nel quale mettersi interamente.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 165 millisecondi