:: Home » Numeri » #132 » LETTERATURA » Sorrisi a quelle parole - Natalino Lattanzi
2006
26
Lug

Sorrisi a quelle parole - Natalino Lattanzi

media 3.24 dopo 1624 voti
Commenti () - Page hits: 8050

 

 

Sono pagine scompigliate dai ricordi e personaggi sfumati dal tempo, quelli raccontati con febbrile devozione dallo scrittore pugliese Natalino Lattanzi, nel suo romanzo Sorrisi a quelle parole. A fare da sfondo, come musica costante, c'è il rombo di un TB9 che acquista le sembianze di una figura semiumana e, tra "un sussulto, un ruggito, uno sputacchio", conduce il protagonista nel cielo, grigio, pronto a scaricare pioggia e fulmini da un momento all'altro. La frase: "Un lampo illuminò la cabina di pilotaggio ed io rimasi folgorato come Paolo sulla via di Damasco" preannuncia un viaggio sui generis, ricco di suspance e colpi di scena, a volare sulla linea di confine tra la vita di terra, pesante, in parte asfittica, cadenzata dal presente, e quella eterea, impalpabile, di una trasvolata che si snoda sulla scia del passato.

Il romanzo, raccontato in prima persona, si dipana in un lasso di tempo che va dalla Prima guerra mondiale fino ai giorni attuali e diventa saga di una famiglia barese e dei suoi mille segreti, delle sue tradizioni, dei suoi pianti e delle sue risa, della convivenza forzata con una guerra non voluta ma combattuta strenuamente, delle lotte per rimanere a galla in un frammento di storia tragica che sembrava non finisse mai, della voglia di difendere le emozioni contro le coercizioni di un sistema maschilista e patriarcale (quello del bisnonno del protagonista Nicola). Il tutto si intreccia con l'interludio delle serate trascorse davanti al caminetto a sentir parlare i nonni dei loro antichi amori ("I miei nonni paterni, Raffaele e Carmela, a sessant'anni erano ancora innamorati"), delle notti insonni a leggere Verne e Dumas per ingannare la malinconia, o delle giornate accecate dal sole degli anni '60, ad intrecciare le parole per fare colpo su "Coda ci cavallo", futura moglie del protagonista. E viene voglia di tornare indietro, a quei tempi difficili ma ricchi di fascino, quando i giorni avevano un sapore diverso, genuino, e gli esseri umani erano pionieri non solo per se stessi. Le evoluzioni aeree, i salti mozzafiato e le mirabolanti manovre di Matteo – pilota del TB9 ed ex allievo del protagonista, destinato, quasi per missione, ad aiutare il suo ex professore a sconfiggere la paura del volo – non distraggono Nicola dai suoi ricordi ed hanno il solo effetto di colorare gli episodi con tonalità accese a tinte forti.

La voce narrante disfa con fervore il bagaglio del passato, si fa bisturi ed interviene sui ricordi smembrandoli, li smaglia, li lavora, li manipola con un misto di affezione e dedizione nel tentativo di ricomporli; ma ogni sforzo in questo senso sembra vano.

Per ogni ricordo sul quale la narrazione accende i riflettori, si apre un vuoto pronto a far riemergere dalle sue fauci emozioni paradossalmente esacerbate dall'usura del tempo.

Le immagini si rincorrono come cavalli a briglia sciolte, la voce narrante fa balzi indietro ed in avanti nel tempo, come se fosse alla ricerca di un equilibrio – forse una catarsi? – o di un appiglio, seguendo l'avventura rocambolesca dell'aereo che, forse per "la solita iella" del protagonista, si trova investito da una bufera coi fiocchi. Il linguaggio dello scrittore è accattivante e seducente al tempo stesso: abile nel tenere il lettore sulle spine fino all'ultimo e senza calare mai di tono, erudito quando si lancia nella descrizione tecnica delle modalità di volo, originale quando s'intesse con schizzi di ironia, dolcissimo quando affonda la lama nel vissuto dei sentimenti.

Il finale è, tutto sommato, inaspettato… si sospende nel vuoto e, forse, sfugge. Ma credo che sia un espediente che lo scrittore ha utilizzato per fare in modo che ogni lettore possa "vestire" il romanzo a modo suo, adattandolo alla sua natura e intravedendovi un senso personale. Come diceva Joseph Joubert? Cercando la parola si trovano i pensieri… e la sensazione è che l'autore, alla fine, un senso ai suoi giorni l'abbia trovato nel viaggio che ha intrapreso a mezz'aria, trasudando se stesso in ogni pagina di libro.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Paola Mastrorilli
Sono nata a Bari il 16 settembre 1976. Sono laureata in Lingue e Letterature straniere con una tesi dal titolo “L’Iniziazione esoterica nel Romanticismo di Russia ed Inghilterra: Pikovaja Dama di A. Puškin e The Book of Thel di W. Blake”. Collaboro da diverso tempo con riviste e siti web, in qualità di scrittrice e/o traduttrice. Faccio parte della redazione di www.specchiomagico.net come traduttrice ufficiale. Ho, inoltre, appena terminato un corso – seguito da uno stage – sul mondo dell’editoria, indetto da una nota casa editrice della mia città. La scrittura per me è libertà, è liberazione, è l’anima che vive attraverso una penna.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 1252 millisecondi