:: Home » Numeri » #131 » CINEMA » Life is Now - Lo spot
2006
7
Giu

Life is Now - Lo spot

media 3.00 dopo 1321 voti
Commenti () - Page hits: 10k

 

 

Questo spot non è particolarmente bello o raffinato. E' uno spot che si insinua. Uno spot efficace, domestico e trendy nello stesso tempo, ossessivo, martellante ma allegro Ci vuole prendere per mano alla scoperta di possibilità extraterrestri. Clamorose. Vodafone lancia la sfida finale al telefono di casa. Volutamente ne viene inquadrato uno di quelli antichi, con la rotella per comporre il numero. Neanche un telefono, già un pezzo da museo.  a proposito di telefoni d'epoca, può essere divertente dare un'occhiata qui http://www.nonsolotelefoni.it/telefoniieri.htm)

Dunque un grosso, ingombrante apparecchio già fuori moda. Attorno un gruppo di amici che fa il conto alla rovescia, ma non è capodanno e non è lo spumante che verrà stappato. La festa è alla presa telefonica. La festa è a un'epoca definitivamente conclusa. Questo spot non rimane impresso per particolare qualità artistica, anzi ha scelto testimonial simpatici, volutamente nazionale popolari come la Cucinotta, Massimo Boldi e Totti (qui trovate la scheda completa dello spot http://www.spotlandia.com/musica_spot_vodafone_781/canzone_casa_zero_2374.html).

Già da tempo si diceva che il numero dei telefoni cellulari aveva superato quello dei numeri fissi: adesso quei pochi apparecchi rimasti, con la spina, il canone e tutto, sono destinati a sparire. Vodafone lancia una nuova opzione che consente di chiamare con il proprio cellulare da casa e dintorni tutti i telefoni fissi d'Italia a 0 cent al minuto con un contributo mensile di 9,99 euro. Lo spot è stato realizzato a Roma con la regia di Gabriele Muccino. L'agenzia è la MC CANN ERICKSONN MILANO, la direzione creativa di Giorgio Natale e Federica Ariano, la scelta musicale, adatta e coerente è "The final countdown" degli Europe, brano coinvolgente, perfettamente in grado di celebrare questa piccola rivoluzione. Intanto Megan Gale, per anni volto e corpo della compagnia di telefonia esce di scena e questa è già una piccola rivoluzione. Si comprende l'intento di scavare nell'immaginario profondo del paese, almeno di quella piccola parte che ancora resta fedele al telefono fisso. Per cultura, tradizione, antica fedeltà. L'investimento della Vodafone, anche in termini economici è notevole, come potete leggere qui http://www.newsmobile.it/notizia/06,02,02,5287797-1.htm e si dice che, fra qualche mese, sarà addirittura possibile conservare il numero. Cioè sostituire il telefono fisso col cellulare, adattare la sim card e non dover cambiare numero, numero che resterà con prefisso cittadino. Nessuno da avvertire, niente da modificare nelle Pagine Bianche. Ora, è facile pensare all'impatto che tutto questo potrà avere nei confronti delle compagnie di telefonia fissa (e si potrà seguire ogni dettaglio e avere maggiori informazioni nel sito che stanno preparando www.lifeisnow.it) e anche del costume.  Assisteremo a offerte al ribasso, sicuramente stupefacenti. Il mercato, questo libero mercato che ci domina, che da il tempo e il ritmo al nostro vivere soprattutto in tema di comunicazione, di connessione con gli altri, esibirà la sua parte attraente, seducente. Questa mossa di Vodafone, che gioca d'anticipo, obbligherà altri a preparare spot altrettanto convincenti, a una quantità di offerte simili a "tre per due" tecnologici di cui si prevede un bombardamento in tempi rapidi. In fondo, in un mondo in movimento, in una riorganizzazione sempre meno stanziale dei tempi di vita e di lavoro, non è forse una trasformazione che era nell'aria?  Quasi naturale? Già in molti mantenevano il fisso solo per il collegamento ad internet, ma Massimo Boldi spiega in uno degli spot che non sarà più necessario e che il collegamento sarà possibile ugualmente. Allora perché non diminuire il canone, riunire tutto in uno stesso apparecchio, e ottimizzare, come si dice, tutto in un solo apparecchio, peraltro già in grado di offrirci film, chat, musica e tutto il resto?

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Francesca Mazzucato
Francesca Mazzucato vive fra Bologna e la Liguria. Laureata in lettere moderne, specializzata in biblioteconomia con un master al Parlamento Europeo, è scrittrice e traduttrice. Ha pubblicato tra gli altri: Hot Line (Einaudi 1996), Relazioni scandalosamente pure (Marsilio 1998, finalista al premio Fiesole e al premio Un libro per l'estate), Amore a Marsiglia (Marsilio 1999), Diario di una blogger (Marsilio 2003, finalista al premio Argentario Narrativa Donna), Storie illecite di perdizioni e diseredati (LietoColle 2003), La sottomissione di Ludovica (Borelli 2004), Enigma veneziano (Borelli 2004), L'Anarchiste (Aliberti 2005), Confessioni di una coppia scambista (Giraldi 2006), Train du reve (Giraldi 2006). Un suo racconto è contenuto nell'antologia Suicidi falliti per motivi ridicoli, Coniglio editore,2006. Ha scritto il saggio Louis Brauquier, (Kult Virtual Press 2006.) Ha vinto il premio fiuggi – erotismo e scrittura. È tradotta in Francia, Germania, Grecia e Spagna. Collabora a riviste letterarie e siti internet.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 170 millisecondi