:: Home » Numeri » #130 » LETTERATURA » Le Sette Menzogne Capitali - Michael Zezima
2006
13
Mag

Le Sette Menzogne Capitali - Michael Zezima

media 2.78 dopo 1813 voti
Commenti () - Page hits: 5850

(traduzione di Carlo Valenti - Alberto Gaffi editore in Roma - www.gaffi.it)

Cosa si nasconde dietro il Potere dell'Informazione nella propaganda politica? Quali sono le sue subdole armi?
Michael Zezima, giornalista di Village Voice, Anarchy e Poets & Writers, descrive e analizza con accurata perizia storiografica e giornalistica le sette menzogne attraverso cui lo Stato conquista e controlla le masse.
Nel raffigurare se stesso come il principale sostenitore della pace nel mondo mentre perpetrava, sponsorizzava o ignorava efferati crimini di guerra, il "governo invisibile" d'America ha elevato la pratica della deformazione della notizia a forma d'arte.
L'autore ci spiega che le Sette Menzogne Capitali sono un'astuta forma di oppressione psicologica usata internamente per occultare una più palese oppressione presente da un'altra parte. Servono a scoraggiare il dissenso collettivo.
Seguendo gli episodi più significativi e tragici della Storia, Zezima espone le pagine più vergognose degli Stati Uniti, definiti come il Gigante Addormentato sempre pronto a risvegliarsi per colpire famelicamente Paesi in difficoltà socio-economiche (ma ufficialmente per aiutare i popoli oppressi…).
Una componente critica della menzogna del gigante addormentato è l'impressione che, come un ingenuo bonaccione, gli Stati Uniti pensano ai propri affari finché non vengono provocati.
Una volta che la bandiera dell'altruismo comincia a sventolare può servire a mascherare-temporaneamente-il più orrendo dei crimini.
L'obiettivo dell'autore è mostrare come il potere possa deformare, manipolare in qualsiasi momento l'informazione per asservire le masse, occultare la verità e promuovere la vendita del consenso. Tutto ciò naturalmente senza alcuno scrupolo o freno morale.
Zezima tenta di correggere le molte mistificazioni storiografiche e giornalistiche utilizzate per giustificare le guerre che hanno coinvolto gli Stati Uniti (da Cuba alle Filippine, dalla Corea al Vietnam e all'Iraq passando per Somalia ed ex Jugoslavia).
"L'arma più potente dell'oppressore è la mente dell'oppresso". Questa frase di Steven Biko, attivista sudafricano ucciso dal regime dell'apartheid, esprime in modo chiaro e diretto il pensiero essenziale contenuto nell'importante saggio, che si chiude con il grido "Vi rendete conto?".
Di certo solo quando la massa sarà riuscita a scrollarsi di dosso le catene invisibili della propaganda e dei suoi infiniti, melliflui servitori, potrà iniziare a ragionare in modo critico e, soprattutto, libero.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Alessio Degli Incerti
Alessio Degli Incerti nasce a Roma nel 1974. Laureato in Lettere Moderne, nutre da sempre una passione per la Letteratura e il Cinema. Nel 2002 ha pubblicato per la casa editrice Cinetecnica il saggio ''Immagini in TV: il montaggio televisivo''. Ha lavorato fino al 2005 come collaboratore editoriale presso la Castelvecchi.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 130 millisecondi