:: Home » Numeri » #191 » MUSICA » Intervista con Luca Urbani
2011
8
Giu

Intervista con Luca Urbani

media 4.48 dopo 172 voti
Commenti () - Page hits: 5400
Catodico Praticante
Dal 22 Aprile nei migliori negozi di dischi e negli store digitali
Catodico Praticante
il 2° album solista di
Luca Urbani
che Discipline pubblica e Venus distribuisce.
Quanto può essere semplice presentare un nuovo album, se lo stesso autore scrive i titoli di testa…
Mettevi comodi e guardate… con gli occhi del cuore!
 
LUCA URBANI è CATODICO PRATICANTE

01 - TV ACCESA - Breve prefazione all'album... siamo alla ricerca del canale.
02 - CATODICO PRATICANTE - La TV vista dal punto di vista del telespettatore e vista dal punto di vista del produttore… l'importante è che sia vista…
03 – PRE-POTENTE - Autoritratto ingeneroso. Utilizzabile anche per "vestire" e descrivere molte tra le persone che conosco.
04 - CHISSA' MAI – Il testo è di Davide Cappelletti (in arte Hellzapop); è la sua filosofia di vita: un carpe diem che spesso è un salvavita! Mi piaceva pensare che l'unico brano non interamente mio fosse il singolo!
05 - IMMOBILE - Una canzone d'amore o una canzone sull'immobilità dei sentimenti… a volte non c'è molta differenza.
06 - TV PUBBLICITA' - Interlude strumentale. Quello che, se sei davanti al televisore, ti premette di andare in cucina a rifornirti o di visitare altri angoli casalinghi…
07 - OGNI GIORNO - Si può vedere qualcosa in maniera romantica e cinica allo stesso tempo? Si può!
08 - L'ILLUSIONE DI UN SOGNO -  La continua ricerca di un qualcosa d'immateriale... come di un sogno.
Per non smettere di sognare…
09 - TV CAMBIO CANALE - Interlude strumentale: è il momento di cambiare canale.
10 - MEGLIO – Momento di puro ottimismo. Un invito a lasciarsi andare in tutti i sensi: "é molto meglio il sesso del niente".
11 - LA TUA OMBRA – La descrizione di quello che ho provato nell'estate del 2008 durante le registrazioni a Massa Carrara dell'album.
12 - BRUCIARE – Bisognerebbe sempre riuscire a liberarsi di tutte quelle cose che danno fastidio e per far ciò è necessario liberarsi dai preconcetti.
13 - SONO FELICE - Conclusione dell'album che con vena malinconica conferma una certa felicità, quando si riesce a fare solo quello che si vuole… è anche una citazione – solo nella traduzione del titolo - di I Am Happy; il collegamento con il 1° singolo dei Soerba alberga solo lì, ma il "viaggio" può proseguire leggendo "Chi ha detto Soerba?"…
14 - TV SPENTA - Catodico Praticante spento!
 
Ufficio Stampa Discipline: Manuela Longhi / BlaBlaBla

  
 
Intervista
 
 
Davide
Ciao Luca. A quattro anni di distanza da "Electrodomestico" arriva il tuo secondo lavoro solista. Ma nel frattempo hai fatto anche molte altre cose, sotto vari nomi, in vari progetti (ZeroUno, Olio ecc.)… Senza contare la tua attività per la Discipline. Se non sbaglio si tratta del secondo capitolo di una trilogia cosiddetta dell'elettrodomestico. Perché hai in progetto proprio una trilogia?

Luca
Ciao Davide… se devo essere sincero l'idea della trilogia è arrivata dopo l'uscita di "Electrodomestico" un'idea che ho rubato a Garbo... trovo l'idea molto stimolante  anche se per ora non ho ancora la benché minima idea di cosa finirà nel terzo capitolo... volevo parlare dell'acqua, ma pur essendo un argomento intrigante a 360 gradi visto che ormai coinvolge anche qui da noi potere e politica sarei fuori tema. Vedremo cosa arriva e ovviamente si accettano suggerimenti :)

Davide
Ti accompagnano Hellzapop, Davide Floriello, Stefano Floriello, Matteo Gentili. Ecco, perché – oltre alla bravura di ciascuno - hai scelto esattamente loro per accompagnarti in questa nuova avventura solista?

Luca
Hellzapop è stato scelto per le sonorità se vogliamo parlare di scelta; in fin dei conti rimane prioritario il fatto che siamo amici e ci frequentiamo; tornando a focalizzare la sua figura in ambito artistico, ha un modo di approcciarsi alle sonorità nuovo e originale. Matteo Gentili è un musicista molto particolare dal mio punto di vista. Oltre a ciò, mi ha accompagnato per tutto il Tour di Elctrodomestico e ho trovato giusto farlo partecipare alla realizzazione del disco.
I fratelli Floriello li abbiamo incrociati al mare; noi avevamo uno studio portatile ed abbiamo collaborato in maniera molto creativa (forse anche per dov'eravamo). Va ricordato comunque che Stefano Floriello era il batterista live dei Soerba ...

Davide
Davide Cappelletti, in arte Hellzapop, è presente in ogni traccia, meno una, ed è anche co-autore del video "Chissà mai". Cosa vi sintonizza così bene come coppia musicale?

Luca
La traccia dove non è presente Hellzapop, "La tua ombra", è l'unica canzone scritta dopo la fine delle riprese audio del disco e descrive proprio l'estate del 2008 mentre registravamo appunto il Catodico.
Hellzapop è una persona molto gentile e poco invasiva, capace di imporsi senza imporsi. Ha portato una ventata di freschezza alle sonorità di questo disco. Avevo e avrò ancora  bisogno di lui, almeno per la parte elettronica. Lui ha un gusto molto contemporaneo e,  nella musica elettronica, spesso questo, fa la differenza.

Davide
 "Catodico praticante" è un titolo bellissimo! Cosa sia oggi la televisione, anche se non ancora tutta, è abbastanza chiaro. Il controllo sociale agito attraverso lo  strapotere mediatico è ormai davvero quello predetto dalla fantapolitica di Orwell e di Truffaut-Bradbury? Com'è il tuo modo personale e quotidiano di "praticare" o "non praticare" la televisione?

Luca
A volte ho la sensazione che se una cosa non l'ho vista in tv, non è accaduta!
La televisione ha un potere enorme che spessissimo sfugge al controllo di chi la possiede. Persino sul fronte medico, dove nell'arco di sei mesi si annuncia tutto e il contrario di tutto, la gente tende a credere più a quanto gli arrivi dal piccolo schermo rispetto a quanto gli viene detto dal medico personale; tre esempi clamorosi: i vaccini, la recente paura di comperare verdura e la nuova presa di coscienza sul nucleare.
Oggi ho un rapporto tutto particolare con la televisione... la guardo di notte (quando torno dallo studio Frequenze dove lavoro) in maniera decisamente distratta; non riesco a seguire i TG e le poche notizie che mi stuzzicano le verifico poi su internet.

Davide
Il cd è stato abbinato e viene venduto insieme al libro di Stefano Duchi "Chi ha detto Soerba"?
Il perché di questa scelta?

Luca
In verità vengono venduti separatamente; il CD ha anche un suo percorso "classico" nei negozi di dischi. Diciamo che abbiamo unito parte della promozione. All'inizio il libro doveva uscire con la ristampa del primo album dei Soerba (PLAYBACK) ma non riuscimmo purtroppo a chiudere l'accordo con la UNIVERSAL… Ci è sembrato comunque carino unire il passato al presente (di una parte di Soerba).

Davide
Il video "Chissà mai"  
http://www.youtube.com/watch?v=9VLLizQeddY  è anche il singolo. Le canzoni scritte in questo tuo ultimo lavoro sono tutte molto belle e potrebbero tutte funzionare come singolo. Come avviene la scelta del singolo, del brano che quindi avrà presumibilmente più lancio, più passaggi in radio etc.? Chi lo stabilisce e secondo quali parametri?

Luca
"Chissà mai" è una delle canzone che preferisco e di conseguenza ho sempre pensato a quel brano come primo singolo. Di norma tendo a scegliere il brano che rappresenti meglio il disco sia nelle sonorità, sia nelle tematiche che tratta.

Davide
Non sfugge che hai intitolato una canzone "Sono felice"… Il ricordo va subito a "I am happy"…

Luca
Il titolo originario era un altro  (Essere o non Essere). Ho voluto cambiare titolo proprio per ricordare I am happy, quasi un omaggio nonostante queste due canzoni abbiano atmosfere decisamente opposte. In "Sono felice" regna un'atmosfera malinconica mentre parlo della felicità che provi nel fare le cose che più ti piacciono. In "I am happy" l'umore musicale è veramente "felice"... il testo un po' meno se letto con attenzione.

Davide
Mi complimento anche in questa occasione per la bellezza, maturità ed efficacia dei tuoi testi, semplici e profondi al contempo. Scrivi solo cose da musicare o ti misuri anche con altre forme di scrittura?

Luca
Beh, prima di tutto ti ringrazio... scrivo solo cose da musicare: non sarei in grado di fare altro. Finché devo scrivere parole che so che in un secondo tempo andrò a lavorare in funzione della musica è un conto e mi viene con facilità anche se scrivere delle liriche è sempre molto difficile... probabilmente prevale la mia anima di musicista. Per il momento questo è quanto. Forse un giorno metterò il naso anche in altri campi di scrittura.

Davide
I testi di "L'illusione di un sogno" e "Sono felice" sono invece di Marilena Crescente. Ce la presenti?

Luca
Marilena Crescente è un'ottima scrittrice di liriche. I suoi testi sono praticamente perfetti sia come strutture che come proprietà di linguaggio.
A differenza di me, lei scrive anche poesie e recentemente si è anche cimentata nella stesura di un libro che prima o poi avrò la fortuna di leggere.

Davide
Cos'è cambiato per te nella tua musica dai Soerba a oggi?

Luca
Sono cambiate molte cose. Oggi scrivo in maniera diversa e molto meno casuale (e questo forse è un peccato). Spesso voglio descrivere una situazione precisa e aggiungo che scrivo anche molto meno di una volta. Infine sono - forse - ancora più malinconico nel modo di gestire il risultato finale.

Davide
E tu come sei o ti senti cambiato?

Luca
Io mi sento profondamente cambiato. Oggi tendo (o meglio, tento) di fare solo quello che mi piace. Sono più leggero nei confronti della musica, meno rigoroso e prendo il tutto con molta meno serietà oltre ad essere più sereno nei confronti dell'aspetto live.

Davide
Ho letto nel libro che componi molto. Che fine fanno le out-takes? Quale criterio adotti per scegliere o escludere dei brani?

Luca
Come ti dicevo, una volta scrivevo decisamente molto. Comunque per Catodico Praticante sono state scritte una trentina di canzoni: 15 sono state prodotte e 10 (senza contare gli strumentali) inserite nel CD. Alla fine ho scelto le canzoni con il miglior risultato d'unione tra musica e testi e soprattutto che tra loro creavano un risultato fluido. Non so per i miei colleghi, ma per quanto mi riguarda, credo che la scaletta sia la parte più impegnativa di un disco…

Davide
Quali nuove esperienze artistiche e musicali ti piacerebbe fare in futuro?

Luca
Vorrei continuare a collaborare con Nicodemo. Mi piacerebbe tanto scrivere e realizzare la colonna sonora per un film. Vorrei anche fare un disco rock!

Davide
Cosa stai facendo ora e nei prossimi mesi e come sta andando la promozione di "Catodico praticante". Qual è il miglior risultato possibile che ti piacerebbe conseguire con il tuo ultimo lavoro?

Luca
La promozione sta andando molto bene e ho avuto dei riscontri molto positivi e lusinghieri, soprattutto se pensi che questo è un disco non propriamente facile. Il miglior risultato sarebbe suonare molto dal vivo, partecipare anche a qualche Festival… magari di musica elettronica.

Davide
Spesso affidi la chiusura a una ghost-track. Perché?

Luca
Retaggio anni '80? Forse… In Catodico è una vecchia registrazione che spiega una parte del funzionamento degli ormai obsoleti televisori col tubo catodico; mi faceva sorridere perché sembrava la spiegazione delle liriche dell'album e bene si sposava con il restante lavoro; mi è sembrata la giusta conclusione (nascosta) dell'album.

Davide
Ci regali un "pensiero ghost-track" a chiusura di questa intervista…?

Luca
Ho trovato in questo momento un probabile titolo per chiudere la trilogia RADIO ATTIVITÀ. Un titolo alla Kraftwerk... che ne pensi?
 
Davide
Radio Activity è stato il disco che a dieci anni mi ha folgorato…  Nulla aveva mai suonato così prima. Attendiamo curiosi. Ciao e grazie.

LUCA URBANI
BIO
Nato a Monza nel 1974, Luca Urbani si appassiona ben presto al pop elettronico di matrice anglosassone degli anni ottanta: nel 1989 suona nei 50 AB e tiene il suo primo concerto alla scuola media Ardigò di Monza. In seguito entra negli Experimental Arsel, con i quali si esibisce al Teatro Villoresi; si unisce poi ai Sales 80% e ai Retroscena dove conosce Gabriele D'Amora, con il quale forma nel 1994 i Soerba.
30 agosto 1997: esordio live del duo, che apre a Crema il concerto dei Bluvertigo.
Nel 1998 i Soerba firmano un contratto discografico con la Mercury/Polygram e pubblicano "Playback", prodotto da Morgan. Il disco contiene "I am happy", la canzone che lancia improvvisamente il duo nell'etere italiano. Tra partecipazioni a "Festivalbar" e "Sanremo famosi" oltre alla vittoria del "Telegatto d'argento" di Sorrisi & Canzoni per il singolo "Fuori di testa", parte un tour nazionale di 30 date. Segue nel 1999 la partecipazione al 49° festival di Sanremo con "Noi non ci capiamo".
Nei due anni successivi Luca Urbani scrive e incide le dieci canzoni del progetto "Zerouno" (collettivo musicale cui partecipano - tra gli altri - Morgan, Andy, Alice, Garbo e Mao) e realizza nella primavera 2001 con Gabriele D'Amora il secondo album dei Soerba "La vittoria dei cattivi", pubblicato dalla Mescal, già management del gruppo dal 1998: in seguito all'uscita del disco, il duo si riorganizza con una line-up elettro / acustica a cinque e parte per una breve tournée.
Nel frattempo Luca Urbani partecipa al tributo "Tutti pazzi per Rettore" incidendo la cover "Giù dal nero ciel" con la complicità artistica di Matteo "TechnoTeo" Agosti.
Dopo l'uscita di "1996 beside 2002", pubblicato dalla Mescal e distribuito come il precedente dalla Sony, che raccoglie la maggior parte del materiale inserito nei singoli dei Soerba, il duo si scioglie all'inizio del 2003.
L'anno successivo Luca Urbani e TechnoTeo danno vita al progetto techno/house "Deleyva", incidendo due singoli per la Contakt Records mentre nel dicembre 2004 Luca pubblica finalmente su etichetta Mescal l'album "Zerouno".
Nei due a seguire la concentrazione è relegata alla lavorazione di due progetti: il primo disco solista e il secondo capitolo di "Zerouno".
Sul finire del 2006 a sorpresa si riforma in studio il duo Urbani / D'Amora - ovvero i Soerba - per la realizzazione del brano "Dance Citadine", cover inserita nel doppio CD "ConGarbo" (tributo a Garbo, Discipline/Venus).
"Electro Domestico" (Discipline/Venus) viene dato alle stampe nel 2007 mentre nel 2009 esce ".2" (Discipline/Venus), il secondo album di Zerouno, quasi interamente composto da Luca Urbani, dal quale scompare una buona dose di elettronica per lasciar spazio a chitarre, basso, batteria e percussioni ben più consistenti rispetto al precedente; l'altra grande novità è rappresentata dal fatto che il microfono viene condiviso esclusivamente con Lele Battista (ex La Sintesi).
Seguono alcune pubblicazioni in digitale di versioni alternative o di canzoni inedite come: Luca Urbani - "Sviluppi urbanistici 2000-2005"; Soerba - "Sviluppi Urbanistici, Demo 1995-2000" album nel quale vengono incluse le versioni embrionali di alcune canzoni incise con Gabriele D'Amora durante la stesura dei primi due album dei Soerba; infine, celandosi dietro lo pseudonimo di Locale Tecnologico stampa e mette in rete "Residui Urbani .00".
Parte di quest'enorme mole di lavoro finisce con foto, aneddoti, interviste e molto altro nella biografia di Luca Urbani e Gabriele D'Amora realizzata nel 2010 da Stefano Duchi, "Chi ha detto Soerba?", in vendita on line.
La parte finale del primo decennio del nuovo millennio vede Luca protagonista con Nicodemo e Raffaella De Stefano (ex Madreblu) del tour "Lei, lui & l'altro", un progetto live suddiviso in parti uguali tra i tre artisti che portano ognuno sul palco sei brani tratti dal proprio repertorio, suonandoli sempre insieme con nuove sfumature ed inedite realizzazioni.
Infine, il 22 aprile 2011 è la data scelta per la pubblicazione del secondo album solista di Luca Urbani, "Catodico Praticante" (Discipline/Venus).

 

- Luca Urbani è anche attento e lungimirante discografico, essendo con Garbo ed Alberto Stylòo socio di Discipline, la label che ha dato alle stampe Zerouno /.2 (2009), Alberto Styloo / Infective (2009),  Elisabetta Fadini / Desmodus (2009), Stardog / Oltre le nevi di Piazza Vetra (2009), Curtis Jones & The Gossip Terrorist / The Assassination of Alabama Whitman (2009), Micol Martinez /  Copenhagen (2010), Hellzapop / Finchè la Luce è Accesa (2010) e ECO98 / Salvati (2010).

- Nel corso degli ultimi dieci anni, l'eclettico Urbani ha scritto inoltre numerose canzoni e curato la produzione artistica di Garbo, Bluvertigo, Alice, Mao, La Sintesi, Tbh, Zita Ensemble, Hellzapop, Stardog e Olio.
- Oltre a ciò, gestisce con Matteo Agosti e Pietro Fiamingo lo studio di registrazione Frequenze di Monza.

DISCOGRAFIA ESSENZIALE

 
SOERBA

"I am happy"(CDS 1998)

"Playback"(CD Album 1998)

"Noi non ci Capiamo"(CDS 1999)

"La vittoria dei cattivi"(CD Album 2001)

"1996 beside 2002"(CD Album 2002)

ZEROUNO

"Zerouno"(CD Album 2004)

".2" (CD Album 2009)

DELEYVA

"Happy space man"(12" 2005)

"Amiamoci"(CDS 2006)

LUCA URBANI

"Electro Domestico" (CD Album 2007)

"Catodico Praticante (CD Album 2011)

 SITI WEB UFFICIALI

www.soerba.it

www.karusonet.com

www.chihadettosoerba.net

www.myspace.com/lucaurbani

www.myspace.com/disciplinemusica

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 204 millisecondi