:: Home » Numeri » #190 » LETTERATURA » Cambio di stagione – Maurizio Cometto
2011
30
Mag

Cambio di stagione – Maurizio Cometto

media 2.88 dopo 42 voti
Commenti () - Page hits: 6150
 
Da diversi anni assistiamo a un processo di rivalutazione del racconto come forma letteraria caratterizzata da una sua specifica connotazione e dignità. Diversi autori hanno infatti tentato, con un certo successo, di riportare il racconto al centro dell'attenzione del lettore, eliminando quella patina di pregiudizio e diffidenza che l'ha per lungo tempo relegato a un ruolo secondario.
Maurizio Cometto aveva già dimostrato particolare attenzione e dedizione alla narrazione breve nelle sue opere precedenti, e in particolare ne "L'incrinarsi di una persistenza" (Edizioni Il Foglio 2008). La sua ricerca di nuovi contesti espressivi grazie ai quali rinnovare il racconto prosegue in "Cambio di stagione" (Edizioni Il Foglio 2011) che ci presenta come un romanzo a episodi.
Sebbene ogni capitolo sia infatti autoconclusivo, la successione delle scene di "Cambio di stagione" crea una comune linea temporale tra i racconti-capitoli e consente ai personaggi di ripresentarsi, di modificare i propri comportamenti sulla base del proprio vissuto, di evolversi creando un continuum che si inserisce a metà tra il racconto e il romanzo: l'episodio, appunto.
E così troveremo i protagonisti del libro intenti di volta in volta a fronteggiare un ufo o una rivoluzione, un tornado spazio-temporale o il semplice miagolio di un gatto sparito, la liquidazione di un'azienda o una profezia egizia. La sensazione è di avere a che fare con una "progressiva e inesorabile sconfitta della realtà apparentemente consolidata" che precipita il lettore "nelle viscere di una Torino cupa, severa e misteriosa".
Se questa forma di narrazione ci pare oggi più consueta nel mondo del fumetto, in particolare quello italiano, e dei serial televisivi (in cui, tuttavia, sono molti i casi in cui gli elementi di continuity vengono accentuati per fidelizzare il lettore/spettatore) troviamo importanti similitudini dell'utilizzo di questa struttura in letteratura, come nel caso di Calvino.
L'episodio che dà titolo al romanzo è  uno dei momenti meglio riusciti del volume. Un'amicizia spezzata viene vividamente rappresentata grazie a un susseguirsi di chiaroscuri, di felici momenti del passato che fanno da contrappeso alle tensioni dell'oggi e che consentono di analizzare il processo di nascita e di crescita dell'inquietudine e del rancore. Un racconto soffuso e malinconico, caratterizzato da un approccio insolitamente introspettivo da parte dell'autore, e in cui il passaggio improvviso dalla stagione estiva a quella più cupa è elevato a rappresentazione universale di un dramma privato.
Nel romanzo viene inoltre presentato un interessante gioco di correlazioni tra la realtà vissuta dal protagonista (Fabrizio) e quella che appare una sorta di realtà autobiografica dello scrittore (che non a caso si chiama Maurizio). Varchi sempre più frequenti si apriranno tra questi due mondi apparentemente paralleli, confondendo e sovrapponendo i vissuti di Fabrizio/Maurizio. Questo altalenante cambio di prospettiva troverà compimento nell'ultimo capitolo, "L'angelo della morte", che conferisce una maggiore omogeneità al volume.
Rispetto alle precedenti opere di Cometto, in "Cambio di Stagione"  acquistano rilevanza la quotidianità, e in particolare il mondo del lavoro, e le tematiche legate alla società e alla politica. L'ufficio e la casa sono gli ambienti predominanti in cui si muovono i personaggi e a cui ritornano costantemente. All'interno di questi due poli di attrazione, a cui è difficile sfuggire, l'elemento fantastico si sprigiona con ancora maggiore evidenza. La sua funzione dirompente viene accentuata, come una luce che acquisisce maggiore intensità se proiettata in un ambiente grigio e (o)scuro. O come un romanzo a episodi che spezza la monotonia di meccanismi editoriali ormai ripetitivi e consolidati, ponendosi come elemento di novità a lungo atteso.
 
"Cambio di stagione" di Maurizio Cometto
ISBN 9788876063206
Ed. Il Foglio 2011
Pag. 275 - € 15
Sito della Casa Editrice www.ilfoglioletterario.it
 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Andrea Borla
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 131 millisecondi