:: Home » Numeri » #270 » MUSICA » Intervista con The Danger
2018
10
Gen

Intervista con The Danger

Commenti ()
 
The Danger nascono nel 1998 a Bellaria (Rimini). La band è formata da: Marco Spinelli, voce (1962), Giorgio Crociati, chitarra Ritmica (1953), Denis Bedetti chitarra Solista (1967) Stefano Vasini, batteria (1974) Sbrighi Nicola, basso (1991). Cinque elementi di lunga esperienza, specialmente il cantante ”Spino”, mitico frontman dei Vanexa, prima heavy metal band italiana (parliamo del 1982) apprezzata a livello internazionale con all’attivo 2 L.P. (1982 e 1984) la prima compilation italiana “Metallo Italia”, interviste a video music (la vecchia MTV italiana),vari passaggi in RAI (RAI1 RAI3) e recensioni su tutte le più grandi riviste europee del genere metal. I Danger  dopo qualche anno di cover decidono di produrre musica propria. Nasce così una delle più interessanti Power-rock/Hard Rock Band d’Italia. Le caratteristiche principali del sound dei Danger sono la melodia, il ritmo martellante e i testi in italiano, scritti in un linguaggio diretto, ironico ed esplicito. Fino al 2016 I Danger hanno all’attivo tre album autoprodotti (GenErezione rock 2004, Duri a morire 2009 e Torno al porno 2011) col nome Danger Zone Band. Nel gennaio 2017 il gruppo si rinnova, prende il nome di ’’The Danger’’ e produce il quarto album omonimo. L’album della maturità ’’The Danger’’ è registrato in italiano e in inglese, per  portare il Verbo della Band anche in Europa.
 
 
Intervista
 
Davide
Ciao. Nel 2017 il gruppo si rinnova, cambiate nome, esce questo omonimo “The danger”... Perché dunque questo rinnovamento e in cosa consiste, oltre al nuovo nome alla band?
 
The Danger
Dopo tanti anni da un lato di porte sbattute in faccia a causa dei contenuti molto espliciti dei nostri testi, e dall’altro del sospetto che i nostri fan ci seguissero solo per quelli, abbiamo deciso di parlare d’altro che non fosse porno e scrivere testi molto meno osceni, rimanendo sempre nell’ambito della vita da rocker. Sia per sancire questo taglio netto con le tematiche precedenti, sia per omonimia con altri gruppi che si chiamavano Danger Zone come noi (ricordo i gloriosi D.Z. di Bologna e i meno famosi D.Z di Brescia), abbiamo deciso di cambiare  nome e di cercare di uscire dal giro ristretto della Riviera Romagnola.
 
Davide
In copertina una crocifissione che per qualcuno potrebbe risultare disturbante, figurativamente iconoclasta e che un po' rimanda forse anche alla pratica della body suspension. E invece? Qual è il significato di questa immagine in copertina?
 
The Danger
Un po’ è iconoclastia (non è forse iconoclasta il R’n’R?), un po’ è la nostra passione per la Figa… e così come i Cristiani adorano il Cristo sulla croce, noi, che adoriamo la Figa sulla croce ci abbiamo messo un gran bel pezzo di figliola (Giulia Maioli) ahahahahahahah
 
Davide
Il disco si apre con una autopresentazione e un benvenuto allo show dei The Danger, prosegue con un manifesto di appartenenza incrollabile al rock'n'roll e al metal (Metallari), ribadito da “R'n'R”... Seguono alcuni quadri di personaggi che sembrano con ironia autodescriversi come tipi di provincia tesi a evitare il provincialismo. Ma come scriveva Mario Soldati il provincialismo consiste quasi sempre nel timore del provincialismo e in una spasmodica cura di evitarlo. Qual è il tema principale di questo “The Danger”?
 
The Danger
Beh, ’’Scemo’’ parla di Spino, è una sorta di autobiografia hahahahah. ’’Il Libeccio’’ era il bar dove andavamo ai “tempi d’oro” e parla della nostra Compagnia, che era molto numerosa, rumorosa e turbolenta. ’’Bla bla bla’’ è purtroppo un ritratto della società d’oggi, dove tutti parlano (soprattutto sui social) ma nessuno o pochissimi s’impegnano a cambiare questo mondo di merda. Non c’è comunque un tema principale. Ogni brano è come un albero, diverso dagli altri alberi. E tutti insieme fanno un bosco.
 
Davide
Il cd è doppio: le stesse canzoni cantate in italiano nel primo, nel secondo sono cantate in inglese. Perché questa scelta particolare?
 
The Danger
Semplicemente per proporre la nostra musica anche all’estero.
 
Davide
Il disco è stato registrato al RIO Studio di Cesena del batterista Alberto Pepoli... Poi, leggendo tra i crediti, arriva un lungo elenco sotto la dicitura “Le ragazze”... Ossia?
 
The Danger
Come abbiamo detto prima, Noi adoriamo le ragazze (ma anche le Milf ) e per il nostro video ufficiale abbiamo chiamato una quarantina di amiche, amiche di amiche e conoscenti per dare un chiaro messaggio. Siamo oltremodo all’antica ahahahahaha. Le ragazze dell’elenco sono le ragazze del video (The Danger).
 
Davide
In un primo momento il rock'n'roll viveva di ribellione e anticonformismo: un fattore considerato positivamente dai fan, negativamente dai difensori dei canoni culturali e morali vigenti della borghesia e del capitalismo. Sessant'anni di storia hanno cambiato radicalmente la pelle del rock, rovesciandola come un guanto. Cos'è oggi il rock secondo The Danger?
 
The Danger
Il Rock è sempre ribellione e anticonformismo, il problema è che molti rocker, oggi, fanno i ribelli e gli anticonformisti ma non lo sono. C’è stato un bel calo di testosterone nel R’n’R dai 90 ad oggi… e si sente!
 
Davide
Paolo Giordano su Il Giornale ha scritto che siamo nella fase vintage. Per i quarantenni/cinquantenni oggi è il momento della riscoperta e le vendite dei dischi del passato hanno superato quella delle novità. E per i giovani/giovanissimi è la fase della semplice scoperta grazie alle playlist delle piattaforme streaming che indirizzano gli adolescenti verso titoli lontanissimi nel tempo. Come vi ponete di fronte a questa situazione in cui salomonicamente potremmo dire che non c'è più niente di nuovo nella musica (e non solo rock)?
 
The Danger
Un ritorno alle origini del Rock era scontato… come dire… non ci sono più  i gruppi di una volta. Non e’ un caso tutto questo fiorire di cover-tribute bands, c’è un calo di testosterone  ma anche di creatività. Per quello che riguarda noi, non possiamo dire di essere innovativi, ma certamente abbiamo un nostro stile, un nostro groove e una botta pazzesca live. Mi raccomando, andate a vedere i Danger! Stile, ritmo travolgente e divertimento assicurati. Parola d’ordine ‘’Duri, Sporchi, Maleducati’’
 
Davide
Gigs o link vari da segnalare per venirvi ad ascoltare o approfondire il vostro lavoro?
 
The Danger
- Link Facebook The Danger:
- Link: YouTube:
- Link Facebook Irukandji Booking Live Promotion:  https://www.facebook.com/irukandji.bookinglivepromotion
- Contact: irukandji.bookinglivepromotion@gmail.com
 
Davide
Cosa seguirà?
 
The Danger
Abbiamo intenzione di portare il nostro Verbo in più città possibili, dal 2017 siamo entrati a far parte del roster della Irukandji Booking Live Promotion che sta già organizzando il nostro tour 2018, sicuramente faremo un nuovo video è in programma e nel frattempo continuiamo a scrivere altre pagine per il grande libro del rock’n’Roll.
 
Davide
Grazie e à suivre...
 
The Danger
Grazie a te.
 
 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 163 millisecondi