:: Home » Numeri » #239 » LETTERATURA » Dietro le stagioni - Francesco Aprile
2015
18
Giu

Dietro le stagioni - Francesco Aprile

Commenti () - Page hits: 7500
prefazione di Cristiano Caggiula
I Quaderni del Bardo (Lecce, 2015)
pag. 42, euro 7.00.
 
La poesia di Francesco Aprile, ammettiamo immediatamente, per noi è una bella scoperta. Di quelle che capitano molto di rado. Insieme alla notizia che la silloge "Dietro le stagioni", del leccese Aprile, è il primo titolo in assoluto e dunque felice esordio della piccola casa editrice salentina I Quaderni del Bardo. "Poeta, poeta verbo-visivo, critico, nel 2010 ha aderito al movimento letterario New Page, fondato da Francesco S. Dòdaro. Ha fondato il gruppo di ricerca Contrabbando Poetico (2011) e la rivista di critica e linguaggi sperimentali www.utsanga.it (2014, con Cristiano Caggiula). Nell’ambito dei linguaggi di ricerca sue opere sono archiviate presso istituzioni come il Poetry Library (Londra) e collezioni private, Imago Mundi (Fondazione Benetton). È presente nel volume An Anthology of Asemic Handwriting (2013), e in riviste quali Letteratura e Società, Revista Laboratorio (Universidad Diego Portales, Cile), Infinity’s Kitchen (USA), La Clessidra, Il foglio clandestino, S/V Revue (Lione), Rivista di studi italiani (Toronto)", racconta la sua interessante nota bio. Perché fin da subito abbiamo amato i versi recapitati dal sempre attento Stefano Donno? Intanto diciamo che le immagini offerte dallo sguardo ripropostoci da Aprile sono le nostre vicissitudini esistenziali di sostanza spazio-geografica. Che divengono potere assoluto della parola, e non soltanto per forma e cadenza e/o musicalità, capace ancora di stupirci. E farci perdere, prima di tutto. Il senso versificato di Francesco Aprile scotta. Ci sposta nelle costellazioni di Sinisgalli e ci spaventa con Vittorio Bodini. Se c'è un senso nella spietatezza comunicativa di Claudia Ruggeri, Aprile raccoglie quel valore di forza materica e simbolica trovando un piccolo rimando al lucano Alfonso Guida. Proprio ai frastuoni elementari e difficili di Guida, anzi, assomigliano alcune tonalità d'Aprile. Che compone versi irrequieti e dotati delle movenze della terra sulla quale scivolano oppure nella quale vorrebbero far perforazioni. “Dietro le stagioni - ha scritto per esempimo in maniera sicura e precisa Caggiula in sede di prefazione all'opera - rappresenta la costante di Fidia del paradigma mediterraneo, Aprile ha subito il rapporto delle due essenze disuguali della natura e ne ricava una proporzione media ed estrema, per trasformare il patire in agire poetico”.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 155 millisecondi