:: Home » Numeri » #234 » LETTERATURA » Nerocavo - Stefano Donno
2015
24
Gen

Nerocavo - Stefano Donno

Commenti () - Page hits: 5850
Lupo (Lecce, 2014) pag. 80
prefazione d'Alessandra Peluso, post-fazione di Vittoria Coppola, con opere di Paola Scialpi
euro 12.00
 
La generosa Alessandra Peluso, in sede di prefazione dell'ultima raccolta di versi di Stefano Donno, "Nerocavo", parla di "una vera e propria catàbasi negli strati più profondi della vita" ma presenta l'opera anche come "l'allegoria di un viaggio interiore per versi che l'autore compie in bilico tra l'esoterico e l'essoterico, ovvero il salto di coscienza da uno stato esistenziale in cui si ha la consapevolezza della fine di ogni cosa, alla trasmutazione in un'altra dimensione spirituale, già proiettata verso l'eternità". Con buona dose di modestia, invece, noi riferiamo che Donno, superato "Ieratico poetico", vira in una dimensione tutta esplicita del versificare; sancisce, ovvero, la fine del rapporto diretto col votimo della contraddizione a tutti i costi. Ad arrivare 'serenamente' a una più matura riflessione di certo intimistica però pure arrotondata nel disagio assoluto della società in bilico. Facendo un congeno, ed è evidente, mordicchiato - a (più) riprese - dal desiderio e della presenza dell'Amore. Vedi VIII, e poi muovi: "Taglia il tramonto la futile grazia / dell'ultima luce scheggiata / nel fondo dell'iride / la misura eccessiva dell'apparire / desideri implumi all'imbrunire". Qui, oltre al contenuto, del quale in qualche misura abbiam accennato in precedenza, sentiamo il primo contatto con una nuova ispirazione nella costruzione del verso. A impaginare assonanze quasi nel voler far un disco ridondante. Ma con lo sconquassamento proprio dell'eccezione alla forma detta di banalità. Dove si regge il solito, già ri-preso, fascino della vita interiore che introduce la ceca ossessione di stare in un posto che sia, in contemporanea, fuori e dentro il mondo. Con gioia di tristezza e tristezza di gioia. Di gioia e di tristezza. Stefano Donno meritava la pubblicazione di questa nuova opera, accompagnata dalle perle moderne donate da Paola Scialpi tra l'altro, dopo "Corpo Mistico" - ma anche più avanti del più curioso "Il prezprezzario della rinomata casa del piacere" (con Anna Chiriatti). Perché Donno è dedito quotidianamente alla letteratura. E alla ricerca. Alla divulgazione della lettura, perfino. Massimo rispetto per Stefano Donno. Però attenzione a queste poesie che scontentano l'abitudine ai versi della domenica e/o della pensione.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 132 millisecondi