:: Home » Numeri » #214 » LETTERATURA » Restare, partire - Massimo Stragapede
2013
20
Mag

Restare, partire - Massimo Stragapede

Commenti () - Page hits: 7800
Lupo Editore (Lecce, 2013)
pag. 221, euro 14.00
 
La terra di mezzo detta da Stragapede. Fa davvero piacere scoprire come un autore sconosciuto riesca a darci un libro zeppo d'elementi molto interessanti e sostenuto dal filo sotterraneo della necessità d'una riflessione continua su uno degli aspetti più filosofici e quotidiano allo stesso tempo della vita d'ogni persona: andare o rimanere? Il romanzo, infatti, innanzitutto è titolato proprio "Restare, partire" - che è il tema di fondo della storia; ma anche il concorso al quale senza successo apparente Mimmo, il protagonista delle vicende, parteciperà nella sua Taranto sotto dominio dell'acciaieria più invasiva e strabordante del mondo. Dunque il fotografo Massimo Stragapede racconta una storia ambientata nel limbo della solita e insistente richiesta delle nostre identità personali: andiamo in altri mondi oppure rimaniano legati fisicamente alle nostre radici territoriali? Sapendo benissimo che una risposta per tutti i casi non esiste, e che oltre alle condizioni oggettive ogni volta sono diverse quelle soggettive, Stragapede vede col suo obiettivo l'ingresso nell'Ilva odierna d'un tarantino che di diventare operaio mai l'aveva ipotizzato. Dove Mimmo, diciamolo subito, alla fine vorrebbe partire dalla sua Taranto pur amata per vicoli e mare. Al di là della routine imposta da "amicizie" che non piacciono e, addirittura, d'un fidanzamento che a pensarci bene non avrebbe neppur ragion d'esistere. Allora ecco spuntare la Miriam fatata tornata per restare. E tra Mimmo e Miriam qualcosa, poco o molto che sia, nasce. E specie, sia chiaro, nella testa di Mimmo che grazie alle passioni della donna fantastica su un nuovo avvenire. Mentre nella fabbrica scorrono tempi e qualche personaggio comunque decisivo. L'ironia di Massimo Stragapede riesce a disinnescare, quindi, il pericolo d'un discorso amaro sulle possibilità di ripartenza per una città, una regione, una terra e tante persone. L'ambiente l'avrete capito. L'ambientazione la capirete meglio immaginando. Il talento dell'autore dovrete scoprirlo e tenerlo d'occhio.  
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 127 millisecondi