:: Home » Numeri » #212 » LETTERATURA » Siciliane - Goliarda Sapienza
2013
3
Mar

Siciliane - Goliarda Sapienza

media 1 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 7150
a cura di Angelo Pellegrino, Il Girasole (Valverde, Catania - 2012)
pag. 36, euro 13.00.
 
"Questo gruppo di diciotto brevi poesie siciliane è stato da me ritrovato nel grande mare delle carte di Goliarda, quando ho affrontato il lavoro di raccolta dei componimenti che costituiscono il suo corpus poetico ancora inedito. Si presentava unitario, una serie di fogli non inframezzati da altri componimenti in italiano. Appartiene a un unico periodo? Forse queste poesie furono scritte tutte di seguito? Quando? Non è facile stabilirlo. L'unica data certa nella poesia di Goliarda Sapienza è il 1953, l'anno della morte della madre. Anche a me Goliarda ha ripetuto che solo allora ha cominciato a scrivere versi confluiti poi nella raccolta, a cui queste poesie si ricollegano, anzi sembrerebbero quasi dirette traduzioni. E qui sta il punto". Queste 'affermazioni' le abbiamo estirpate dalla bandella d'un libro a dir poco pregiato, la silloge poetica uscita sotto il titolo di "Siciliane"; sono vergate da Angelo Pellegrino, ovvero l'uomo al quale dobbiamo dire grazie se siamo riusciti a leggere, dopo la morte dell'autrice, un capolavoro qual'è "L'arte della gioia". Ma non solo. E Pellegrino aggiunge che: "A Goliarda l'ispirazione di Ancestrale (il corpus poetico di cui prima, ndr) non dovette bastare, la versificazione in lingua italiana non era sufficiente. Il suo ritorno indietro doveva essere completo. Mancava la sua lingua madre nei versi di Ancestrale. Non è poco. Per ritrovarla dovette discendere agli inferi attraverso l'analisi freudiana che avviò dopo il tentativo di suicidio del 1962 (...)". Per Angelo Pellegrino la composizione di questi versi, a quel periodo bisogna farla risalire. Ma cospargiamoci innanzitutto il capo di cenere. Perché non sapevamo che Sapienza avesse scritto liriche. Però la cortesia e la gentilezza di Angelo Scandurra adesso ci permette di porre rimedio. Ché abbiamo rintracciato i versi di Goliarda Sapienza. E apriamo il nostro ascolto a una voce che supera il rapporto con madre e padre, prendendo virtù dal rapporto con la Madre socialista rivoluzionaria e il Padre quasi filantropo, viaggiando nella sua nascita. Specchiandosi con la terra natia. Con voce sottile e timbro potente. Dove il forte siciliano è l'anima che esplode. Fortificata dall'eco del territorio che fu. Senza dimenticare che: "Vaiu sbattennu / tra tia e sti scogghi / com'unna prisa / nno ventu / di libiccu".     

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 135 millisecondi