:: Home » Numeri » #207 » DIRITTO » Luna: proprietà di un Satellite naturale
2012
29
Ott

Luna: proprietà di un Satellite naturale

media 4.5 dopo 2 voti
Commenti () - Page hits: 7000

(nota[1])
 
“OK, Houston, abbiamo avuto un problema qui”.
John Swigert (Missione N.A.S.A. Apollo 13, 14/04/1970)
 
L’era del diritto dello Spazio iniziò il 4 ottobre 1957 quando l’Unione Sovietica lanciò in orbita[2] lo Sputnik: a questo primo satellite artificiale seguirono molti altri satelliti, sovietici e statunitensi, di mole e di altezza rispetto alla superficie terrestre (apogeo) sempre crescenti[3].
Da questi primi “esperimenti” fu subito chiaro che i singoli Stati, e la Comunità internazionale tutta, non si sentivano vincolati alle norme tradizionali circa la sovranità sullo Spazio aereo, cioè sullo spazio sovrastante la superficie del proprio territorio nazionale sul quale il tradizionale diritto della navigazione estende la piena sovranità dello Stato sottostante, a differenza dello Spazio aereo sovrastante l’alto mare, per cui vige il principio della piena libertà di uso e passaggio[4]. In ogni caso, sia l’Unione Sovietica, sia gli Stati Uniti non si curarono mai di chiedere autorizzazioni di sorvolo, e nemmeno di notificare il passaggio dei loro satelliti, così come gli Stati “sorvolati” non elevarono proteste di alcun genere[5].
L’Organizzazione delle Nazioni Unite adottò, appunto pochi giorni dopo il lancio dello Sputnik, la Risoluzione 1148 del 14/11/1957, che “raccomandava”, nell’ambito del principio del disarmo, lo studio di un sistema di controllo finalizzato ad assicurare che il lancio di apparati nello Spazio fosse per scopi esclusivamente pacifici e scientifici[6]; successivamente venne creato un apposito “Comitato per le utilizzazioni pacifiche dello spazio”[7] che predispose due Risoluzioni (n°1721 del 20/12/1961 e n°1962 del 13/12/1963), adottate dall’Assemblea Generale dell’ONU, contenenti principi molto rilevanti per il Diritto Internazionale, tanto che considerato il carattere assolutamente non vincolante, per gli Stati membri, delle Risoluzioni (né il Diritto Internazionale generale, né la Carta ONU riconoscono all’Assemblea Generale il potere di creare norme giuridiche, ma soltanto di fare “raccomandazioni”, artt. 11-14 Carta), si ritenne di dover confermare e sviluppare in un vero e proprio “Trattato sullo Spazio” (Trattato sui Principi che reggono le attività degli stati in materia di esplorazione e ed utilizzazione dello Spazio extra-atmosferico, ivi compresa la Luna e gli altri Corpi celesti - Treaty on Principles Governing the Activities of States in the Exploration and Use of Outer Space, including the Moon and Other Celestial Bodies[8]), approvato dall’Assemblea Generale il 19/10/1966, entrato in vigore il 10/10/1967, con l’adesione e la ratifica della stragrande maggioranza degli Stati. Dopo vivaci discussioni (mai spente tra gli esponenti della dottrina internazionalistica[9]), riguardo la natura e la conseguente disciplina giuridica dello Spazio Cosmico (o ultra-atmosferico/outer space), si affermò tra i giuristi (e nel Trattato ONU), la tesi per cui “lo Spazio (Cosmico) è di tutti (res totius)”[10]. L’art. I definisce la finalità ed il campo di applicazione dell’accordo: “L’esplorazione e l’utilizzazione dello spazio, compresa la Luna e gli altri corpi celesti, dovranno essere attuate a beneficio e nell’interesse di tutti i Paesi, indipendentemente dal loro grado di sviluppo economico o scientifico, e dovranno essere aperte a tutta l’umanità.”. L’art. II stabilisce “Lo Spazio, ivi compresi la Luna e gli altri corpi celesti, non è soggetto ad appropriazione nazionale, né a pretese di sovranità attraverso l’uso e l’occupazione, né con nessun altro mezzo”.
Se avesse prevalso l’altra tesi in campo e cioè che lo Spazio Cosmico non è di nessuno (res nullius), avrebbe trovato applicazione il diritto internazionale tradizionale per cui i territori non sottoposti alla potestà di alcun soggetto internazionale, possono essere occupati dai soggetti internazionali (non dai privati) attraverso i loro organi[11]. Nei primi anni dell’era spaziale anche questa diatriba giuridico - diplomatica aveva spinto l’Unione Sovietica, nella speranza di ottenere una priorità politicamente importante su tutti gli Stati mondiali (e di anticipare in particolare le analoghe mire statunitensi), ad inviare verso la Luna la sonda spaziale LUNIK 2, che colpì la superficie del nostro satellite il 13 settembre 1959, e che conservava al suo interno piccole placche metalliche con gli emblemi dell'URSS e le parole "Unione Repubbliche Socialiste Sovietiche - settembre 1959", al fine di poter vantare diritti territoriali sulla Luna nel caso avesse prevalso la normativa internazionale “tradizionale”. Risale proprio a quegli anni la parallela decisione degli Stati Uniti di dare l'avvio a un progetto spaziale di grande respiro per portare l'uomo sulla Luna[12].
In realtà l’Unione Sovietica, fin dal 1959, dichiarò espressamente di “non avere alcuna intenzione di stabilire dei diritti di sovranità sulla Luna”, e a maggior ragione, a Trattato sullo Spazio già entrato in vigore, dieci anni dopo quando il 20 luglio 1969 Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11 della NASA[13], toccò il suolo lunare e piantò la bandiera degli Stati Uniti, questa bandiera (e le placche con gli emblemi dell'Unione Sovietica della capsula LUNIK 2), furono paragonate alla bandiera inglese che sir Edmund Hillary piantò sulla cima del monte Everest, per la prima volta raggiunta il 29 maggio 1953, e cioè essenzialmente un simbolo della presenza del genere umano, non certo di proprietà “nazionale” di un luogo.
Il Trattato sullo Spazio ha avuto il suo completamento con l'Accordo che regola le attività degli Stati sulla Luna e sugli altri corpi celesti, meglio noto come Trattato sulla Luna o Accordo sulla Luna che venne formalmente adottato il 18 dicembre 1979, entrato in vigore per le parti ratificanti l’11 luglio 1984[14], ma che non può certo dirsi “a larga diffusione” (a differenza del Trattato sullo Spazio esso non richiede l’adesione degli Stati Uniti e della Russia, succeduta all’Unione Sovietica, principali potenze aerospaziali, e non è stato ratificato anche da Cina, India, Giappone ed ESA[15]). Esso introduce il diverso (e più evoluto) concetto di “Patrimonio comune dell’umanità” per la Luna (art.11 del Trattato), e intende stabilire un regime per il suo uso simile a quello stabilito per i fondali marini, indicato con la categoria romanistica delle res comunes omnium[16]. Il Trattato ribadisce che la Luna deve essere usata per il bene di tutti gli Stati e di tutte le persone della comunità internazionale, prevedendo una serie di divieti: tra gli altri, all’uso militare del corpo celeste, all’alterazione dell’ambiente, alla rivendicazione di sovranità o di diritti di proprietà. Inoltre, l’accordo prevede che le attività di produzione ed estrazione di risorse siano condotte sulla base di un regime internazionale, così come dichiara che per ogni oggetto prelevato durante le attività di ricerca, lo Stato che lo ha prelevato deve considerare la possibilità di mettere parte di esso a disposizione di tutti i Paesi e della comunità scientifica perché possano fare le proprie ricerche. Da sottolineare anche il divieto di alterazione dell'ambiente dei corpi celesti e l’obbligo per gli Stati di assumere misure adatte ad evitare contaminazioni accidentali.
Ad oggi nessuno Stato rivendica diritti sulla Luna. Ma in mancanza dell’adesione e della ratifica al Trattato dei Paesi più importanti, il regime giuridico del nostro satellite rimane ambiguo[17]. Allo sbarco del primo uomo sulla Luna agli occhi della gente era iniziata la colonizzazione dello spazio, e rappresentazioni futuristiche immaginavano la Luna pullulante di stazioni di ricerca e studio, abitate in permanenza da esseri umani. In realtà dopo il 1969 la Luna è stata "violata" da esseri umani solo altre cinque volte[18], e la colonizzazione della Luna è oggi relegata al livello di progetti per un futuro non immediato. Anche i risultati scientifici del programma Apollo, che richiese la mobilitazione di un milione e mezzo di addetti (tutti ad alta professionalità), ed una spesa costata al contribuente americano più di qualche migliaio di dollari a testa, furono di scarso rilevo[19]. E’ generalmente noto che la conquista della Luna, fra gli anni '50 e '60, fu una operazione tecnica e scientifica con pesanti motivazioni politiche, nel clima della Guerra Fredda e della contrapposizione tra USA e URSS, a cui gli Stati Uniti in particolare, dopo il Trattato del 1967 che stabiliva l’inappropriabilità della Luna, non poterono rinunciare per motivi economici (ormai i fondi pubblici erano stati, in buona parte, già stati investiti), e d'immagine (ritirarsi sarebbe stato vissuto dalla opinione pubblica come incapacità dell’America di arrivare davvero alla Luna); inoltre se gli americani non avessero mai raggiunto la Luna, i Sovietici avrebbero anche potuto ritirare la loro firma all'accordo del 1967, nella convinzione di averla raggiunta per primi (con le loro sonde) e dunque di poterla raggiungere, prima o poi, anche con equipaggi umani.
Oggi l’evoluzione tecnologica e le esigenze energetiche del nostro pianeta sembrano aver rianimato l’interesse per la conquista della Luna, anche se l’opinione pubblica non può essere più entusiasta all’idea di vedere alcuni uomini passeggiare sulla Luna, soprattutto al pensiero dell’enorme quantità di denaro pubblico necessario per mandarli. Attraverso l’ambizioso programma Constellation (Amministrazione G.W.Bush), la NASA intendeva inviare un equipaggio sul satellite per studiare la possibilità di crearvi una base permanente; l’Amministrazione successiva del Presidente Obama ha chiuso il programma tagliando fortemente i fondi alla NASA per esigenze di bilancio.
La Luna è ricca di molti minerali utili, come l’alluminio, il calcio, il ferro, il magnesio, il titanio, l’Elio-3[20], e, forse, anche l’oro. Resta da stabilire, però, se l’estrazione di queste risorse sia economicamente sensata. La Russia punta molto sull’Elio-3, ma l’industria spaziale (pubblica o privata) russa non vive un momento facile, a differenza dell’India che dispone di intelligenze e capacità finanziarie e tecniche (ha già inviato una sonda sulla Luna nel 2008). In altri termini, non è assolutamente da escludere che in un futuro più o meno lontano una compagnia privata intraprenda attività lucrative nell’ambito di un programma di ricerca spaziale sul nostro Satellite naturale, e chi sarà in grado di impedire a questi privati (con forti capacità tecniche ed economiche), di estrarre minerali dal suolo lunare? I Governi nazionali avranno la forza di far rispettare gli impeccabili principi stabiliti da un Trattato del 1967? Oppure i profitti per le grandi multinazionali e la garanzia di energia e materie prime per la nostra Terra (soprattutto per le sempre più fameliche economie emergenti), potrebbero, in definitiva, fare comodo a tutti, dando il via alla “privatizzazione” della Luna? E’ fantascienza…
 
 “L’Aquila è allunata!”
Neil Amstrong. (Missione N.A.S.A. Apollo 11, 20/07/1969)

[1] Nell’immagine: “ironia lunare” da Facebook

[2] L’orbita geostazionaria è quella circolare intorno all’equatore che permette ad un satellite che vi sia collocato, di muoversi con lo stesso periodo di rotazione della Terra, restando quindi fisso rispetto a questa.

[3] Cfr. Tito Ballarino-Silvio Busti: “Diritto Aeronautico e Spaziale”, Giuffrè Editore Milano 1988, pp. 142 e ss.

[4] L’alto mare, o mare libero, o mare internazionale è lo spazio marino che si estende al di là delle acque “interne” e del mare territoriale, fascia che si estendeva un tempo fino al limite massimo di gettata dei cannoni, oggi fissata a 12 miglia dalla costa.

[5] Sarebbe stato comunque molto complicato calcolare in anticipo la situazione spaziale delle orbite a causa delle difficoltà tecniche di controllare i movimenti dei satelliti, per stabilire su quali Stati sarebbero passati.

[6] Al primo lancio dell’ottobre 1957 seguì, nel novembre dello stesso anno, lo Sputnik 2 che ospitava a bordo la cagnetta Laika. Nel gennaio 1958, con il lancio dell’Explorer 1, anche gli Stati Uniti si lanciarono nella corsa per la conquista dello spazio.

[7] United Nations Commitee on the Peaceful Use of Outer Space – UNCOPUOS.

 http://www.unoosa.org/oosa/index.html

[8] http://www.unoosa.org/oosa/en/SpaceLaw/outerspt.html

[9] Soprattutto perché la scienza geofisica non riesce ancora ad indicare con precisione “la zona dello spazio atmosferico” sottratta alla sovranità dello Stato; i diversi strati in cui si suddivide l’atmosfera (troposfera fino a 7-8 km, stratosfera 30-35 km, mesosfera 80 km, ionosfera 500-800 km, esosfera oltre 800 km) rappresentano altrettante possibili linee di confine, anche in relazione ai progressi tecnologici che periodicamente innalzano il limite delle possibili attività aeronautiche dell’uomo.

[10] Cfr. l’interessante contributo di Andrea Signorini “LE RAGIONI GIURIDICO POLITICHE DELLA CONQUISTA DELLA LUNA” originariamente pubblicato nel 2002 su http://groups.msn.com/laragionidellaconquistadellaluna.

[11] Requisiti di questo procedimento, che fa acquistare la sovranità, sono la possessio corpore (occupazione materiale) e l’animus possidendi (intenzione di occupare come cosa propria).

[12] L'Amministrazione americana contava di affermare diritti di proprietà sulla Luna con assoluta precedenza su altri Stati, vantando la materiale “occupazione” del satellite attraverso lo sbarco di propri rappresentanti. Il programma americano per la conquista della Luna (il celebre "Programma Apollo") venne reso noto al pubblico quando, agli inizi del 1963, il Presidente Kennedy dichiarò che entro la fine del decennio gli astronauti americani avrebbero raggiunto la Luna.
 
[13] La NASA - National Aeronautics and Space Administration (in italiano Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche) - è l'agenzia governativa civile responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d'America e della ricerca aerospaziale. Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

[14] È stato ratificato solo da Australia, Austria, Belgio, Cile, Filippine, Kazakistan, Libano, Messico, Marocco, Paesi Bassi, Pakistan, Perù, e Uruguay. http://www.unoosa.org/oosatdb/showTreatySignatures.do

[15] L'Agenzia Spaziale Europea o ESA (acronimo dell'inglese European Space Agency) è un'agenzia internazionale fondata nel 1975 incaricata di coordinare i progetti spaziali di 18 paesi europei. Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

[16] Concetto già presente nel Diritto Romano classico, è stato mutuato dal Diritto Internazionale Pubblico fin dal secolo XVII, per caratterizzare la condizione del mare, come quella di altri beni utili o indispensabili alla vita dell’uomo ma ritenuti materialmente inoccupabili (l’acqua corrente, l’aria e il mare).

[17] Cfr. http://geopoliticamente.wordpress.com/2012/08/28/privatizzare-la-luna-un-grande-balzo-per-lumanita-o-un-grandissimo-affare-per-le-compagnie/

[18] Eugene Cernan e il geologo Harrison Schmitt formarono l’equipaggio dell’Apollo 17, l’ultima missione NASA diretta sulla superficie lunare (14 dicembre 1972).

[19] Dalla analisi dei 400 chili di suolo lunare riportati sulla terra, analizzati prima dai laboratori della NASA e distribuiti poi alle varie università del mondo, non si è scoperto nulla di più di tutto ciò che già si sapeva attraverso le osservazioni indirette.

[20] “E’ un isotopo molto raro sulla Terra, ma molto utile per le operazioni di fusione nucleare. Nelle rocce e nel suolo del nostro satellite, grazie all’azione dei venti solari, se ne sono accumulate tonnellate.

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Alberto Monari
Alberto Monari, (Carpi –Modena- 28 giugno 1971), si è laureato in Giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e si è specializzato poi in Diritto, Economia e Politica delle Comunità Europee presso il Collegio Europeo di Parma. Ha lavorato per associazioni di categoria, enti pubblici, aziende private e studi di consulenza sia in Italia che all'estero, sempre nel settore delle politiche e del diritto comunitario. Dal 2005 è Funzionario Ufficiale Giudiziario presso il Tribunale di Piacenza.
E' appassionato di Storia, Politica, Arte antica e Internet. Collabora con Kult fin dal 3° numero (dicembre 1994).
MAIL: diritto@kultunderground.org
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 164 millisecondi