:: Home » Numeri » #199 » LETTERATURA » Magna magna - Davide Carlucci e Giuseppe Caruso
2012
6
Feb

Magna magna - Davide Carlucci e Giuseppe Caruso

Commenti () - Page hits: 5700
Ponte alle Grazie (Milano, 2012)
pag. 307, euro 14.00
 
Il libro d'inchiesta “Magna Magna” dei 'giornalisti di razza' Davide Carlucci e Giuseppe Caruso, il primo che tra l'altro abbiamo incontrato mentre la morta Basilicata diventava Lucania della riscossa, ovvero durante le giornate anti-scorie nucleari di Scanzano Jonico, con argomentazioni precise, linguaggio accattivante e scorrevole, ma soprattutto con fatti e contenuti utilissimi, serve a farci capire esattamente cosa significa e quanto costa all'ex Belpaese la logica del “grande evento”. Ovvero quanto sul piano economico, ambientale e culturale pesa inventare una manifestazione, sportiva o culturale che sia, per la quale si fanno scorrere fiume e laghi di denaro e, soprattutto, si cancellano regole per costruzioni ed edificazioni. Tutto ciò che forma, quindi, le tante cricche d'affari. E che, tramite televisioni e non solo, ci danno certe volte le facce e altre neppure quelle, di soggetti che si chiamano Mario Pescante, Luca Cordero di Montezemolo, Salvatore Ligresti & company. Persone che troveremo sempre, ma proprio sempre e senza esagerare, quando si parla di grosse cifre e di posti di potere. Addirittura post-galera: è il caso del Ligresti che fini nella tangentopoli dipietrina. Siccome Carlucci e Caruso mettono insieme proprio tutto, cioè analizzano storia e retroscena d'ogni grande evento consumato e previsto per l'Italia, oltre che l'immenso schifo s'affaccia nel nostro intimo una specie di paura. Perché il magna magna avviene senza fare sconti, produce e riproduce meccanismi fatti apposta per non farsi condizionare da niente e nulla. L'ultimo questione, per dire, è quella dell'Expo 2015 che avrà Milano. Dopo tante ritrattazioni e giri di compravendite e prezzi a rialzo dei terreni – di certo il vecchio Salvatore Ligresti agisce e ha agito all'ombra e alla luce del sole, in questo settore. Passando fra i dissapori Pisapia – Boeri. Con la forza sempre e perennemente fortificata di Roberto Formigoni. Eppure non potete manco immaginare cosa combinò Montezemolo per Italia '90. E come è stata la gettata di danari per il Giubileo romano. E i Mondiali di sci in Valtellina... E le Olimpiadi Invernali di Torino. E i Mondiali di ciclismo a Varese. Etc. Ché ci sono sempre le cricche che ci mangiano. Mentre la natura viene bastonata. Quando territori e popolazioni sono all'oscuro di tutto. Davide Carlucci e Giuseppe Caruso ci fanno riflettere tanto. Oltre che capire e capire. Approfittando, dunque, non possiam che pensare al percorso che sta facendo la piccina Matera per la candidatura a capitale europea della cultura per l'anno 2019. Alla città dei Sassi che potrebbe accadere, caso mai?

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 146 millisecondi