:: Home » Numeri » #197 » CINEMA » Le idi di marzo
2011
31
Dic

Le idi di marzo

media 3 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 5050
 
Capolavoro annunciato, con riconoscimenti giunti un po’ ovunque, questa nuova opera con George Clooney, e di George Clooney (sua infatti la regia e la produzione), parla del marcio della politica americana, anche di quella che promuove i più alti valori. Il tutto seguendo le vicende di un giovane ma già molto in gamba addetto stampa, al seguito di uno dei due candidati alle primarie democratiche, durante le quali scoprirà le trappole e gli inganni di questo ambiente, riuscendo però ad evitare di rimanerne schiacciato.
Basato su un’opera teatrale, questo film porta sul grande schermo una trama interessante e con un paio di bei twist che però a me non sono parsi così eccezionali come sembra sia sostenuto invece dalla maggior parte dei critici competenti. Sia perché il meccanismo che sorregge metà della storia (l’incontro tra l’ottimo Ryan Gosling / Stephen Meyers e Paul Giamatti / Tom Duffy) è meno complesso di quanto proposto in una qualunque stagione di 24, o dal recente The Killing, sia perché il “marcio” che viene evidenziato pare davvero poca cosa confrontato con quanto leggiamo e abbiamo letto sui giornali anche solo in quest’anno ormai alla fine. Nondimeno la narrazione funziona (quanto a me è parso “strano” probabilmente dipende solo dalla mia effettiva ignoranza del backstage americano delle primarie), gli attori hanno prestazioni che variano tra il convincente e l’eccelso, e fotografia e dialoghi sono di tutto rispetto.
E poi, ammettiamolo, Clooney che fa il politico con idee così d’avanguardia da sembrare scontate (“smettiamo di avere bisogno del petrolio, e il terrorismo scomparirà da solo”) si fa davvero apprezzare, almeno quanto vedere in scena attori così adatti nel loro ruolo come il già citato Giamatti e il bravo Philip Seymour Hoffman / Paul Zara. E non si può certo negare che sbirciare dietro alle quinte di un mondo politico che non sia il nostro da un certo leggere senso di voyerismo che permette di passare sopra a (quasi) tutto il resto.
Un bel film, quindi, da recuperare per una visione casalinga, se per qualche motivo, in questo periodo di feste, si è preferito altro sul grande schermo. 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini è nato a Modena il 21 Agosto 1971 e lavora come responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press; ha tenuto conferenze, e contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden''. Da marzo 2005 è autore di una striscia a fumetti sul mondo degli esordienti chiamata Kurt.
MAIL: marco@kultunderground.org
WEB:
www.kurtcomics.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 127 millisecondi