:: Home » Numeri » #124 » SCRIVERE » Lezione #3: dialoghi e monologhi
2005
25
Nov

Lezione #3: dialoghi e monologhi

media 2.30 dopo 13 voti
Commenti () - Page hits: 11k

Lezione #3: dialoghi e monologhi 


Iscriviti gratis al corso di scrittura creativa di Supereva Case Editrici (link http://guide.supereva.it/case_editrici) curato dal prof Giuseppe Cerone: riceverai le lezioni sulla tua mail e potrai inviare testi che saranno valutati da Cerone, dalla giallista Barbara Zolezzi e da altri esperti. http://guide.supereva.it/case_editrici

    La struttura esterna del testo può essere composta da dialoghi o monologhi. Vediamo alcuni esempi.

    "Eravamo silenziosi. Poi Joanna parlò.

    "Hank?".

    "Sì?".

    "E' stato per scappare da qualche donna che sei venuto qui?".

    "Sì".

    "E' finita con lei?".

    "Mi piacerebbe crederlo. Ma se dicessi 'no'..."

    "Allora non sai?".

    "No, non so..."

    "Ma si sanno mai queste cose, d'altra parte?".

    "Io credo di no".

    "Ecco perché le storie d'amore puzzano".

    "Hai ragione".

    "Scopiamo".

    "Ho bevuto troppo".

    "Andiamo a letto".

    "Voglio bere ancora un po'".

    "Non riuscirai a..."

    "Lo so. Spero che mi permetterari di restare per quattro o cinque giorni".

    "Dipenderà dalle tue prestazioni" disse lei.

    "Mi sembra giusto".

    Finito il vino riuscii a malapena ad arrivare fino al letto. Quando Joanna uscì dal bagno dormivo già". (Charles Bukowski: 'Donne', Sugarco Edizioni, Milano, '78 - pag 133).

 

    "Più tardi, si andò a cena. Guardai nel piatto e feci una smorfia. C'erano dei pezzettini di pesce, che a me non era mai piaciuto.

    "Non ho fame", dissi.

    "Mangia!", urlò mio padre.

    "Davvero non ho fame".

    Mi colpì con uno schiaffo: "E io non ti dico di mangiare per fame, ma per ubbidienza. Sennò ti faccio fare la fine di zia Clotilde, ti chiudo viva nel 'suppigno' ".

    "Prima devi masticare", urlò mio padre. "Se non mastichi non ne fai salute. Lo sai o non lo sai quanto costa al chilo questo pesce? E' un sacrificio che ho fatto per te".

    "Papà ha ragione", disse mia madre. "Mangia masticando. Forse zia Clotilde ti ha detto, poco fa, nel 'suppigno', che quando mangi non devi masticare? Oggi sembri una tisica. In un giorno, hai fatto la faccia d'una vecchia".

    "Non ne voglio più", gridai.

    "Come ti permetti?", urlarono mio padre e mia madre. "Mangia!", e lui mi colpì con un altro schiaffo.

    Gli afferrai la mano, l'avvicinai alle labbra.

    "Non baciarmi la mano", disse. "Non lo meriti. Non ti perdono".

    Gli strinsi un dito tra i denti: un morso avvelenato.

    "Strega!", urlò lui. "Maledetta strega!". (Luigi Compagnone: 'L'oro nel fuoco', Rusconi, Milano, '89 - pag. 26).

 

    Il monologo è invece preferito dagli scrittori cosiddetti di idee. Il monologo consente di utilizzare il flusso di coscienza e il  'flash back' cioè l'apertura di una finestra sul passato.

 

    "Se lo raccontassi al primo che capita, ma così, come se fosse accaduto ad un altro?... Sono già del tutto pazzo... Che vado facendo così in giro? Che ci faccio per strada? - Già, ma dove dovrei andare? Non volevo andare da Leidinger? Ah! ah!  sedermi tra la gente... credo che chiunque me lo leggerebbe in faccia... Sì, ma qualcosa dovrà pur accadere... Che dovrebbe accadere?... Nulla, nulla -nessuno ha udito nulla... nessuno sa nulla... Per il momento nessuno sa nulla... Se andassi ora a casa sua e lo scongiurassi di non raccontarlo a nessuno?... - Ah, meglio bruciarsi subito le cervella che compiere un atto simile!". (Arthur Schnitzler: 'Il sottotenente Gustl', Bur, Milano, '89 - pag. 59).

 

    E c'è anche chi racconta in seconda persona.

    "L'interesse che nutri per i vestiti di solito non ti porta oltre i Brooks Brothers e J. Press - e al momento hai qualche piccolo problema di credito con entrambe le spettabili ditte. Ma questa mattina stai aspettando di entrare nella sala da ballo del Waldorf-Astoria, dove   un famoso stilista terrà la sfilata della collezione autunno-inverno. Sei riuscito a farti dare un invito dal tuo amico che lavora a 'Vogue'. ha un debito con te da quella volta che ha preso la tuua Austin Healey per andare a Westchester ed è andato a sbattere contro mezza tonnellata di cervo.  Conosci gente che va a caccia da anni e non l'ha mai nemmeno visto, un cervo così. La macchina è finita in un deposito di rottami di Pleasantville. Non sai cosa è successo al cervo, ed è difficile dire cosa sia capitato ai soldi del'assicurazione tranne che sono spariti in un paio di settimane.

    Sulla porta, una donna alta coi capelli d'argento esamina attentamente il tuo invito. Ai lati della porta, due grossi negri in turbante con le braccia incrociate sul petto. Dovrebbero essere schiavi nubiani o qualcosa del genere. Solo uno stilista italiano può permettersi una messinscena come questa. La donna sembra essere un gruppo etnico a sé. Non ha ciglia né sopracciglia. L'attaccatura dei capelli è estremamente alta, non molto distante dalla sommità della testa. Ha avuto un incidente oppure è chic?

    "Mister..."

    "Allagash," dici tu, mettendoti sull'attenti. E' il primonome che ti è venuto in mente. Non hai intenzione di usare il tuo". (Jay McInerney: 'Le mille luci di New York', Bompiani, Milano, '91 - pag. 103).

Giuseppe Cerone

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Cerone
Giuseppe Cerone è nato a Muro Lucano (Potenza) nel 1952. Si è imposto all'attenzione della critica nazionale con Il Muro Lucano (Ed. Nuoviautori, Milano), Poesia Circolare (Ed. Genesi Torino), Lo Scrittore (Ed. Garamond presentato nell'ambito della mostra "Libro 94", presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, da relatori d'eccezione quali Tullio De Mauro e Roberto Cotroneo e poi nel corso della trasmissione "Maurizio Costanzo Show" del 27-3.1995). Estensore di centinaia di articoli culturali, Cerone ha collaborato a diverse riviste, fra cui "Scuola e didattica". ed è stato membro della giunta del Premio Internazionale Magna Graecia. Molti critici e scrittori illustri hanno espresso giudizi più che lusinghieri sulla sua opera. Così lo descrive Roberto Cotroneo: "Mi sono arrivate le bozze di un libro. Di Giuseppe Cerone. Intitolate "Lo Scrittore". Lo pubblica una piccola casa editrice: Garamond. Giuseppe Cerone è un professore di inglese, di ottima cultura, che vive al Sud, ad Agropoli.Diversi anni fa scrissi un articolo proprio su L'Espresso (Mi manda Cerone, 28 aprile 1991) dedicato alle sue vicende editoriali. Due anni dopo è tornato sull'argomento, in prima pagina de La Stampa, Giorgio Calcagno. Perchè? Perchè Cerone scrive da anni romanzi e racconti e nessuno glieli pubblica. Direte voi: capita a molti. Ma Cerone può vantare una carta in più: le lettere del meglio tra i critici italiani che lo incoraggiano: "Caro cerone, ho letto il suo libro lo trovo moltointeressante. Continui a scrivere, continui..." I nomi? Geno Pampaloni, Claudio Magris, Giorgio Barberi Squarotti, Tullio De Mauro...e tanti altri. Cerone colleziona queste lettere e si illude che prima o poi verrà pubblicato. E invece no. Paradosso: nonostante la benedizione dei grandi nomi i suoi libri non riescono ad arrivare agli editori importanti. A quel punto a cerone viene un'idea: scrivere un libro sulla sua vicenda editoriale, intitolato "Lo Scrittore". Fatto di scambi epistolari con editori e critici, di telefonate, visite ed altro. E' un libro illuminante. perchè racconta, dal di dentro,cosa può accadere a un medio scrittore senza particolari doti letterarie. ma senza le cialtronerie degli scrittori improvvisati. Cerone non è peggio di molti autori che si pubblicano in Italia. Lo devono aver capito anche i suoi autorevoli interlocutori: "Un'essenzialità programmatica che dà origine spesso a risultati di straordinaria intensità e verità. Non conta di pubblicare la raccolta? Teniamoci in contatto" (Giorgio Barberi Squarotti) E ora esce questo testo. Che parla di libri rifiutati. Per 113 volte. Gli venne in mente di chiedere l'iscrizione al Guinness dei Primati come l'autore più rifiutato. Ma un certo Bill Gordon, americano, è arrivato a quota 176. Forza Cerone, ne mancano solo 63..."
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 177 millisecondi