:: Home » Numeri » #123 » INXANADU » Giallo (primo classificato sezione PROSA)
2005
25
Ott

Giallo (primo classificato sezione PROSA)

Commenti () - Page hits: 2700

Giallo

Primo classificato sezione prosa

 

Stridio monotono, ritmico, assordante di cicale. Calore, calore, calore. Intorno a me tutto brucia d'un rogo d'enormi, ruotanti girasoli. Odori roventi, putridi d'estate. Il cielo è ingombro di giallo, giallo, giallo. Abbasso le palpebre; polvere di vetro raschia le pupille. La luce veloce ramifica, groviglio di serpi incandescenti. Il giallo torrido m'avvelena il respiro. Devo trovare un albero. Ombra. Un angolo di pace. Umido e silenzio. Gialli, questi campi di grano non hanno fine. Immobili, sotto un sole che disintegra nuvole e ali. All'orizzonte, un effetto miraggio. Onde sovrapposte d'aria liquida. Nel giallo, galleggianti macchie di sangue papavero. Sento di nuovo i cani! S'avvicinano. Sempre più. Devo nascondermi. Devo correre. Gli uomini! Sento le grida degli uomini! Hanno trovato la mia pista. Uno spasmo di giallo terrore s'inietta nelle mie vene! M'accascio a terra. Le spighe mature s'accartocciano, lame affilate, sotto alla pelle. Nell'aria bollente sento un delizioso aroma di decomposizione e morte, dolce come sciarpa di seta blu in un nido d'aghi. I cani! Fiuto i loro aliti pestilenziali, vedo i loro occhi iniettati di sangue, sento i latrati. Riprendo a correre. Sbatto contro qualcosa. Scosto le spighe e lo vedo. Un silenzio di tomba cancella ogni ronzio. Nei miei polmoni, gelido cemento. Non è stato un incubo. È vero, ho assaltato alle spalle quel ragazzo. È vero, ho affondato le unghie nella sua carne bianco latte, bianco neve. È vero, a strappi l'ho dilaniato. Io, malefico ibrido risorto dagli Inferi, m'accascio accanto a lui e lo guardo. Basterebbe una sua carezza per cancellare questa febbre che mi brucia. Perché non parli? Perché resti immobile a guardare con le tue pupille celesti - fragili sfere di vetro - il peso giallo dell'immensità?

 

Giovanni Buzi

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giovanni Buzi
Giovanni Buzi nato a Vignanello (VT) nel 1961, insegna lingua e cultura italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles. Tra le sue pubblicazioni: i romanzi: Faemines, Libreria Croce, 1999, Il Giardino dei Principi, Massari, 2000, Agnese, (prefazione Giuliana Cutore), Tabula Fati, 2005, la raccolta di novelle: Fluorescenze, (prefazione Alda Teodorani), Il Filo, 2004, Sesso, orrore e fantasia, (prefazione Alda Teodorani, Olivier Duquenne), Massari, 2005, Alchimie d’amore e di morte, (prefazione Gianfranco Nerozzi), Tabula Fati, 2007. Un saggio di storia dell’arte W. Turner in Etruria, Massari, 2004 e un Manuale di storia dell’arte per i licei, Multimedia, 1993. Ha pubblicato vari racconti in raccolte antologiche. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti letterari tra i quali il primo posto al concorso letterario Profondo Giallo 2005 con il racconto La collana di perle celesti pubblicato nel n. 2896 del Giallo Mondadori. Nel mese di settembre 2007 all’ISTI, Institut Supérieur de Traducteurs et Interprètes, di Bruxelles, è stata sostenuta la tesi: «Il Giardino dei Principi: gli anni Cinquanta e il rinnovamento dell’Italia», tesi che comprende la traduzione del romanzo «Il Giardino dei Principi».
WEB: www.giovannibuzi.net
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 144 millisecondi