:: Home » Numeri » #123 » LETTERATURA » Cavie
2005
25
Ott

Cavie

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 5750

Cavie

 

 

Cavie è un'altro allucinante viaggio verso il fondo.

Chuck Palanhiuk, una delle voci più originali di questi ultimi dieci anni, ci accompagna nel suo personalissimo modo di vedere le cose.

Dietro ogni comportamento umano, ogni avvenimento sociale, dietro ogni azione che compiamo c'è sempre qualcosa di nascosto e oscuro che Chuck decide di svelarci.

Il romanzo segna una svolta tecnica nella carriera dell'autore. Il libro, infatti, è composto dall'alternanza di racconti e poesie, uniti tra loro dal corpo narrativo principale del romanzo stesso.

Abbiamo quindi una storia che si divide in ulteriori sottostorie (a volte indipendenti, a volte no) narrate dai vari personaggi del libro. Perché questa è un'opera corale, un'opera a più voci. Riconducibili, però, in maniera inconfondibile a quella del loro Autore.

All'interno di un cinema dimenticato si ritrovano alcune persone per scrivere il romanzo-opera-sceneggiatura della loro vita. Quel qualcosa di artistico che li eleverà dalla media delle persone e gli donerà la fama.

Tre mesi di isolamento per diventare famosi.

Da noi abbiamo il Grande Fratello, l'Isola dei Famosi, la Fattoria.

Persone che si isolano nella speranza che qualcuno si accorga della loro mancanza, persone che cercano in un ritiro il proprio successo.

Nel libro di Chuck, però, il gioco non è così facile e indolore come nella nostra televisione.

Qui i personaggi percorrono il difficile cammino del degrado umano per arrivare ad una illuminazione o per lo meno alla notorietà.

Passano attraverso torture, mutilazioni e cannibalismo per raggiungere qualcosa di superiore.

La fama o il successo.

L'essere riconosciuti.

Partecipando ciascuno alla propria autodistruzione questi personaggi sperano in un riconoscimento futuro, in una storia che narri le loro gesta, in un film che racconti l'orrore di cui sono stati protagonisti.

Cavie è unallucinante viaggio verso il fondo dell'animo umano.

Chuck continua a scavare dentro tutte le incongruenze e le mostruosità della nostra società e del nostro mondo.

Storie di persone con le budella risucchiate dal buco del culo per una sborrata, storie di bambolotti di gomma da scopare con la forma di bambini, storie di feti racchiusi dentro barattoli.

Storie di ordinaria sottomissione e perversione.

Ma niente di quello che scrive Chuck è ad effetto. Niente è scritto per scandalizzare, lui ci parla dell' altro lato dell' animo umano.

Ci narra che quando moriremo non ci sarà nessun paradiso. Che noi saremo soltanto un corpo in decomposizione, saremo cellule che muoiono, saremo un cervello che si trasforma in cibo per i vermi.

Chuck non ci racconta cose impossibili, ci racconta la nostra natura e il nostro essere, ci racconta quello che nessuno vuole sentire.

Attraverso i vari racconti capiremo qualcosa in più sull' essere umano e su quanto esso abbia bisogno del dolore e della sofferenza per trovare la vera pace e la vera illuminazione.

Attraverso una tecnica di scrittura che come non mai ricorda il montaggio cinematografico, Chuck sarà capace di ipnotizzarci attraverso le sue parole.

Sarà capace di trascinarci in un viaggio a cui nessuno vorrebbe partecipare.

Questo perché fondamentalmente Chuck Palanhiuk è un masochista, crede che la conoscenza del dolore sia un parte inscindibile dalla conoscenza di se stessi.

Solo attraverso il dolore potremo arrivare alla gioia.

Solo attraverso la sofferenza potremo arrivare al piacere.

Un romanzo unico e sconvolgente per il più grande scrittore di questi anni.

Emiliano Bertocchi

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 154 millisecondi