:: Home » Numeri » #122 » LETTERATURA » Incubi
2005
25
Set

Incubi

Commenti () - Page hits: 3850

Incubi

Halley Editrice – Euro 8,00 – Pag. 120

Tutto si può rimproverare ad Alda Teodorani ma non certo la poca coerenza. Lei è rimasta la sola autrice italiana a scrivere horror nonostante il rifiuto totale da parte del mercato, anche se quando si parla di mercato bisogna intendersi, ché a rifiutare l'horror sono gli editori italiani mica il mercato. Alda Teodorani dopo la mitica Gioventù cannibale è rimasta l'unica vera cannibale della letteratura italiana, non si è data ai vaneggiamenti assurdi stile Aldo Nove, non si è commercializzata alla Ammanniti, non si è persa dietro storie italiane di poco conto come la maggior parte degli scrittori contemporanei. No, lei scrive horror condito di sesso, come andava di moda nel cinema degli anni Settanta, quel cinema che io e lei amiamo con tutto il cuore e nel suo caso si sente dalle citazioni di un libro che trasuda Joe D'Amato, Dario Argento e Lucio Fulci da ogni pagina. Alda Teodorani scrive in prima persona e ambienta i suoi Incubi durante le giornate di una vita ordinaria trasfigurata con grande visionarietà. Lei è la protagonista assoluta e sono veri i momenti trascorsi con amici, all'interno di librerie, nei corsi di scrittura e a contatto con colleghi scrittori. Tutto il resto è modificato dalla fantasia della dark lady che ci consegna uno dei romanzi brevi più interessanti della sua carriera. Il libro è un compendio di ottimi film horror, interessanti romanzi del brivido e raffinate citazioni letterarie. Si legge in un paio d'ore ed è tutto merito di uno stile scorrevole ed efficace che ti cattura e non ti molla sino all'ultima pagina. Alla fine la sola cosa che può deludere il lettore è una certa mancanza di struttura da romanzo vero, ma Incubi non ha l'ambizione di essere un romanzo classico. Tutt'altro. Il racconto è frammentato e scomposto, vive solo di sogni e visioni, di paure e terribili ricordi a base di sesso malato e incubi ricorrenti. Come in un vecchio film di Aristide Massaccesi, Buio Omega, che a un certo punto viene citato dalla stessa autrice. Joe D'Amato è uno dei miei registi preferiti, ho scritto pure un libro su di lui. Non posso evitare di farmi incantare dall'affabulazione orrorifica di chi ama l'horror italiano d'un tempo con la mia stessa intensità.

Per concludere due parole sulla Halley, casa editrice che pubblica l'ultimo lavoro di Alda Teodorani. Mi pare che siano gente seria che si danno da fare lanciando esordienti bravi come Daniele Bortoletti che ha scritto Porto delle scimmie, un romanzo di ricerca interiore d'impronta esistenziale. All'interno del catalogo c'è anche una collana di narrativa cinese che debutta con l'interessante Fiori di cotone del pechinese Tie Ning, romanzo di guerra, denuncia e formazione. Ma soprattutto di critica verso il socialismo.

Per contatti: www.halleyeditrice.ithalleyeditrice@halley.it.

Gordiano Lupi

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 146 millisecondi