:: Home » Numeri » #184 » CINEMA » Animal Kingdom
2010
7
Nov

Animal Kingdom

media 3.07 dopo 127 voti
Commenti () - Page hits: 6050
 
Eticamente scorretto, teatralizza una tragedia familiare in cui il protagonista è impotente, spettatore passivo di barbarie sino a divenire egli stesso mirino della follia. Il dramma e la tensione, unici elementi su cui poggia il film, furbescamente, alzano i toni attraverso silenzi, primi piani di volti atterriti, rallenty e suoni taglienti e in crescendo che enfatizzano e imprimono un senso di totale disfatta alla scena. Chi ha osato parlare di Scorsese forse dimentica che in Mean Street, l'unico film lontanamente paragonabile, il dramma è la conseguenza di una narrazione a tutto tondo, addirittura si è parlato di Tarantino, mai nulla di così diverso. Cinema da festival sì, ma troppo studiato, programmato nella sua digressione agli inferi. Un film che non ha respiro nella sua unitematicità e unidirezionalità, in cui si salvano una grandissima scena (lo zio pope che inietta una dose alla ragazza del protagonista) e un personaggio che rimarrà nella memoria per freddezza, crudeltà e incestuosità: la nonna interpretata da Jacki Weaver.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emilio Suraci
Nato a Reggio Calabria nel 1982, segno toro ascendente acquario, studia Scienze della Comunicazione a Perugia e consegue un diploma di master in cinema ed editoria a Roma. Ama guardare film hollywoodiani, si rilassa cucinando ed ha una certa passione per i quadri ed gli elementi d’arredo.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 161 millisecondi