:: Home » Numeri » #184 » CINEMA » Inception
2010
2
Nov

Inception

media 3.02 dopo 138 voti
Commenti () - Page hits: 6450
 
Ci sono vari stadi in un sogno. C'è la possibilità di entrare in altri mondi. Forse creati dalla nostra mente, forse già esistenti. C'è la possibilità di sognare all'interno di un sogno. E le sensazioni, le emozioni, sono così nitide, sono esperienze, come nella vita reale. Eppure Christopher Nolan sembra non interessarsi alla materia dei sogni, alle trame nascoste di quei mondi, trasforma la dimensione onirica in un meccanismo cinematografico chiuso e ripetitivo. Un sogno dentro un sogno dentro un sogno. Ma non si scende nel subconscio con un ascensore, non si sgretolano i sogni, prima del risveglio, come nel disastro di un film catastrofico, non si percepisce la realtà, all'interno di un sogno, come in un videogame, passando da un livello all'atro di gioco.
Inception non è altro che Memento in forma espansa e più aggrovigliata, con una narrazione lineare, ma il cuore della storia rimane lo stesso. Un uomo ricerca il suo passato e non riesce a liberarsene, un amore unico è andato distrutto, frammenti di immagini che riaffiorano improvvisi, la ricerca continua di cosa sia reale.
La rappresentazione visiva dei sogni proposta da Nolan, che cita Escher e Kubrick, sembra servire solo come sfoggio di meraviglia ottica e tecnologica, con i cambi di percezione (la città che si piega di 180 gradi, come in un viaggio sotto l'effetto della salvia divinorum) e le violazioni delle leggi fisiche (le stanze rotanti  dove ambientare combattimenti che tentano di riprendere lo stile di Matrix) fine a se stesse.
Inception ha le dimensioni enormi e ingombranti di un'opera ambiziosa e piena di livelli interpretativi, ma è solo un'illusione, sembra di più di trovarsi  davanti ad una trottola che gira su se stessa, in maniera vorticosa, senza sapere se continuerà a farlo o finirà per fermarsi.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 141 millisecondi