:: Home » Numeri » #117 » RPG » L'esperienza insegna
2005
25
Mar

L'esperienza insegna

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 5850
L'esperienza insegna

Uno dei tratti caratteristici dei GDR è la possibilità di far "crescere" il proprio personaggio mano a mano che si sviluppa il gioco. Questo aspetto evolutivo richiama da vicino l'analoga crescita psicofisica e attitudinale che sperimentiamo nella vita reale, e rende senz'altro il gioco di ruolo ancora più interessante. E' facile affezionarsi al proprio personaggio, che diventa un alter ego da accudire e far crescere...
Tuttavia il metodo consueto con cui questo meccanismo di crescita viene implementato nei GDR mi ha sempre lasciato molto perplesso. Normalmente infatti si fa affidamento ai famigerati punti esperienza ossia ad un ammontare numerico che dovrebbe rappresentare il livello di esperienze maturate dal personaggio fino a quel momento, come fossero soldi nel portafoglio... e proprio come denaro, in un momento al di fuori della sessione di gioco (solitamente alla fine) si possono spendere per acquistare avanzamenti nelle caratteristiche segnate sulla scheda personaggio. Come si vede, l'analogia monetaria è molto forte... E' un po' come se si andasse al supermercato a comprare la merce coi soldi guadagnati. Questo approccio ha il grande pregio della semplicità, ma a mio avviso i vantaggi terminano qui. Vediamo di capire come dovrebbero funzionare da un punto di vista logico questi aumenti delle caratteristiche. Innanzitutto non tutte le caratteristiche possono incrementare il proprio valore con l'esperienza allo stesso modo e con la stessa facilità. Inoltre, per avere un certo grado di verosimiglianza, le caratteristiche da aumentare non dovrebbero essere scelte dall'elenco completo, ma dovrebbero essere soltanto quelle effettivamente utilizzate nella sessione di gioco. Dopotutto si tratta di esperienza e quindi il personaggio deve aver compiuto quelle azioni che giustificano il suo avanzamento. Come gestire la cosa? Alcuni sistemi adottano metodi "a marcatore" in cui il giocatore appone un segno sulla caratteristica utilizzata mentre gioca per avere a fine partita un elenco di caratteristiche "migliorabili".
Dopo lunghe notti insonni (è dura la vita del creatore di GDR..) sono arrivato a formulare un sistema che dovrebbe assicurare un minimo di verosimiglianza in più.
La caratteristica principale è che i punti esperienza... non ci sono. Il meccanismo "monetario" per come la vedo io offre più svantaggi che vantaggi e quindi l'ho eliminato completamente.
Le caratteristiche sono suddivise in due grandi aree: quelle innate e quelle apprese. Quelle innate definiscono i tratti psicofisici di base del personaggio secondo le regole di BLOOD, ovvero:

Forza
La forza fisica (muscolare).
Combattività
La carica di aggressività in combattimento
Destrezza
L'abilità nella manipolazione degli strumenti
Resistenza
La resistenza fisica dell'organismo agli agenti nocivi e al dolore
Agilità
La coordinazione e la velocità dei movimenti nel muoversi
Volontà
La resistenza mentale allo stress e a tutto cio che incide sulla mente
Intelligenza
La capacità di risolvere problemi, la memoria
Carisma
La carica di personalità che consente di imporsi sugli altri
Fascino
La bellezza fisica e il sex appeal
Energia PSI
L'energia mentale e psichica che alimenta vari poteri
Freddezza
La capacità di mantenere la mente lucida di fronte a situazioni limite
Percezione
La capacità di percepire il mondo circostante coi propri sensi

Le caratteristiche apprese sono invece tutte quelle abilità che si possono acquisire o migliorare con uno studio o con l'esercizio, ad esempio:

Conoscenza di una lingua straniera
Tirare con L'Arco
Guidare una automobile
Cucinare
Combattere con una spada
Programmare un computer
Danzare
ecc..

I valori delle caratteristiche innate sono definiti nella fase di creazione del personaggio e variano molto di rado; alcuni non sono soggetti a variazione.
Ad esempio la forza fisica può aumentare ma solo dopo lunghi periodi di tempo in cui si usano i muscoli, il Fascino può aumentare con interventi di chirurgia estetica, la Freddezza può aumentare dopo lunghi periodi a contatto con situazioni estreme (avorare in un pronto soccorso, militare in una guerra, ecc..) la Resistenza e la Volontà possono aumentare temporaneamente tramite l'uso di farmaci. Il Carisma, l'Agilità, L'Intelligenza, l'Energia PSI e la Percezione non dovrebbero aumentare se non in casi eccezionali lasciati al giudizio del Master.
Le caratteristiche apprese hanno tutte una o più Caratteristiche di Base ad esse collegate, a cui si fa riferimento in fase di creazione del personaggio per stabilire il punteggio massimo raggiungibile da quel personaggio in quella abilità. Ad esempio un personaggio con Intelligenza 40 vuole imparare a Programmare un Computer. Poichè questa abilità è collegata alla caratteristica di base Intelligenza, il valore massimo raggiungibile sarà dato da (100 + INT) / 2 ovvero (100 + 40)/2 = 70. Questo personaggio potrà avanzare nella Abilità Programmare Computer fino ad un valore massimo di 70. In questo modo si restituisce un peso maggiore alle caratteristiche di base, per scongiurare un eccessivo appiattimento dei personaggi (dopo un po' diventano tutti gli stessi fenomeni...)
Come avviene in pratica l'avanzamento? Molto semplicemente il meccanismo di aumento delle abilità funziona in tempo reale, durante il gioco. Ogni volta che un personaggio esegue un test con 1d100 per mettere alla prova una delle sue abilità ed ha successo, può eseguire immediatamente un altro test contro un valore dato dal complemento a 100 dell'abilità in questione (ovvero 100 - valore attuale). Ad esempio, se il nostro personaggio effettua un test con successo su Programmare, che attualmente ha un valore poniamo di 46, avrà la possibilità di effettuare un test contro il valore di (100 - 46 ) = 54. Se riesce in questo test, il valore attuale della sua abilità viene incrementato di 1 punto, con effetto immediato. Se il test iniziale sull'abilità era stato superato con un risultato di dado tra 01 e 09, a discrezione del Master si può consentire l'aumento (sempre se il secondo test viene superato) di 1d4 di punti (in pratica un successo eccezionale consente di imparare di più dall'esperienza). Anche se il primo test si risolve in un fallimento disastroso (tiro tra 90 e 100) dovrebbe essere consentito di tentare il secondo test per aumentare l'abilità. Infatti anche dagli errori si può imparare! Quest'ultimo aspetto tanto familiare non viene solitamente preso in considerazione nei GDR.
Questo metodo ha il pregio di essere molto veloce, le modifiche hanno effetto (e quindi utilità per i personaggi) immediato, gli avanzamenti avvengono solo per quelle abilità effettivamente utilizzate, inoltre il ritmo di avanzamento è automaticamente controllato e graduale. Un avanzamento troppo rapido è da evitare, perchè i personaggi troppo potenti diventano poi complessi da gestire sia per i giocatori sia per il Master. Normalmente si cerca di calibrare la distribuzione dei punti esperienza, ma una vera e propria misura non esiste; in questo modo invece tutto avviene automaticamente, senza possibilità di contestazioni e (prove pratiche sul campo lo confermano) con un ritmo ottimo. La probabilità combinata dei due test fa sì che sia difficile progredire all'inizio, quando si è inesperti, poi diventa abbastanza facile, infine quando il personaggio è ormai esperto, migliorare ulteriormente diventa sempre più difficile. Anche questo ricalca abbastanza fedelmente il processo di apprendimento nella vita reale.
Per ora è tutto... buon GDR a tutti!

Massimo Borri
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Massimo Borri
Massimo Borri, nato il 6 marzo 1971, diplomato alla Scuola di Informatica dell’Università di Modena, attualmente lavora come referente informatico per la stessa università, presso il Dipartimento di Chirurgia della facoltà di Medicina. Si occupa principalmente di fotografia, video editing e grafica 2D e 3D (con Blender 3D), oltre che di consulenza informatica a tutto campo. Innamorato profondamente del Giappone e di tutti gli aspetti della sua cultura, ha come hobby lo studio della lingua giapponese. Adora il gioco del Go con cui cimenta regolarmente assieme agli amici del Go Club del Tortellino. Ama il blues e il rock anni ’70, leggere e disegnare fumetti, il cinema e la letteratura di fantascienza, i giochi di ruolo. Ha scoperto nei libri di Thich Nhat Hanh il volto umano del buddhismo. Si interessa di filosofie orientali, arti marziali (ha praticato karate, taijiquan, kali) e in generale di tutto ciò che porta equilibrio e serenità. Per KULT ha curato in passato le sezioni dedicate a fumetti e animazione giapponesi e alla lingua del sol levante; attualmente scrive recensioni di applicazioni per Ipad.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 149 millisecondi