:: Home » Numeri » #126 » LETTERATURA » La Janara - Luigi Boccia
2006
21
Gen

La Janara - Luigi Boccia

media 3.20 dopo 1800 voti
Commenti () - Page hits: 8850

Con La Janara, Luigi Boccia, dopo il ben noto saggio Arcistreghe (Il Foglio, 2003), coautore Antonio Daniele, ci riporta nel cuore del folklore campano. Un romanzo breve, in carta patinata, impreziosito da inquietanti  illustrazioni e dalla prefazione del regista Pupi Avati.

Fin dal principio, supponiamo che la janara, la strega campana, sia Francesca, che ha trascorso un lungo periodo in un ospedale psichiatrico dopo la morte di suo figlio.  Francesca è tormentata da ricordi, dal pianto di bambini, morti, nel silenzio “impastato all’oscurità”.  E’ lei, “incapace d’intendere e di volere”, che ha ucciso il piccolo Gabriele? Sì, forse. Visti e considerati  i dubbi che certa cronaca nera di questi ultimi tempi impianta nelle nostre coscienze. E, Rosanna, vicina di casa e amica di suo fratello Martino, che ruolo ha in questa storia? I personaggi, di non grande spessore, poco studiati nei tratti somatici, ma ben realizzati sul piano psicologico, si contano sulle dita di una mano. La protagonista, per esempio, potrebbe essere “la ragazza della porta accanto”. La trama si dispiega con molta semplicità, sebbene si passi sovente, attraverso il recupero memoriale, da fatti avvenuti in passato allo status quo.

La leggenda vuole che la donna nata la notte di Natale  si trasformi, quando c’è il plenilunio, proprio come il lupo mannaro, in janara ed entri nella casa di chi le ha fatto un torto, per uccidere i bambini, spezzando loro le ossa. Rabbrividiamo. Per allontanarla si è soliti mettere, davanti alla porta di casa, una scopa di fascine; la janara è costretta a contare i rametti sottili; intanto  scompare la luna e, con essa, anche il pericolo. Ancora oggi una piccola scopa, appesa alla porta o al muro di casa, è ritenuta uno “scaccia-guai”.

   Si tratta della “follia nel folklore” e  della“follia del folklore” di cui ha scritto Luigi M. Lombardi Satriani in Il silenzio, la memoria e lo sguardo: “Anche nella cultura folklorica, infatti, la follia rappresenta la negazione della <<normalità>>, lo spazio altro nel quale le regole del noto sono sospese”. Di “magare” e “magarie” parla Maffeo Pretto, in La pietà popolare in Calabria: “In Calabria un tempo erano famose le streghe, le magare di Pittarella del comune di Pedivigliano”. Lo scrittore, di seguito, afferma che esse si diffusero nel resto della regione. Si ricorda, ancora oggi, che era usanza mettere, recitando “Sutt’acqua e sutta vientu alla nuce di Bonivientu”, una testa d’aglio nel buco della serratura o coprirla con un vaglio per la farina, per non far entrare le “magare”.

   La Janara ci sorprende con il finale: antiche superstizioni e psicopatologie freudiane, infuse di sapore biblico, sacro e profano s’intrecciano indissolubilmente.

   Stegoneria, folklore, cultura demologica, “…fragranza del passato”.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Su TERZA PAGINA WORLD, maggio 2009, ha pubblicato la recensione a “Seconda B”, di Patrizio Pacioni, romanzo edito nel 2009 dalla Melino Merella Edizioni. Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale «L(‘)abile traccia». In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 192 millisecondi