:: Home » Numeri » #116 » MUSICA » The Killers - Hot Fuss
2005
25
Feb

The Killers - Hot Fuss

Commenti () - Page hits: 2300
The Killers
(Hot Fuss)

Dopo i Franz Ferdinand eccomi di nuovo a voi con un prodotto entusiasmante, figlio della nuova onda inglese che ammicca smaccatamente agli anni 80.

Questi Killers ripescano riverberi, distorsioni e quant'altro creò il sound di gruppi come i Pulp e mettono del loro per costruire un album ricco di personalità.
Non è un cd di suoni riciclati ma reinventati, non si tratta di un gruppo che va a copiare i primi Oasis ma di una band che riesce a creare l'amalgama di suoni propri di album mitici come, appunto, "(What's the story) morning glory?" dei fratelli Gallagher

E gia dalla prima canzone, Jenny was a friend of mine, è facile riconoscere l'impostazione brit pop alla Pulp, anzi la canzone ricorda molto i brani contenuti in "Different class". La traccia che funge in questo periodo da singolo trainante del cd è la bellissima Somebody told me, trascinante e ritmata, con un ritornello che capace di rimanere in testa senza stancare l'ascoltatore. Prima d'essa il compito, degnamente svolto, di presentare l'album era di un altro bel pezzo, Mrs Brightside .
Ma tutte le canzoni di questo cd potrebbero essere scelte come singolo perchè costruite e suonate per essere di alta qualità. L'unica critica che mi sento di muovere è che l'impostazione di suono e le tonalità (in particolar modo della voce) scelte dai Killers poco si prestano ai brani lenti contenuti nel cd.

Questo Hot Fuss è davvero un bel disco, consigliato per tutti gli amanti dei sound di Londra e dintorni, anche se ...questi Killers sono di Las Vegas, Nevada.

Tracklist

Jenny Was A Friend Of Mine
Mr Brightside
Smile Like You Mean It
Somebody Told Me
All These Things That I've Done
Andy, You're A Star
On Top
Indie Rock & Roll
Believe Me Natalie
Midnight Show
Everything Will Be Alright

Simone Bonetti
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simone Bonetti
Nato nel lontano 5 maggio 1977, il prode Bonetti si destreggia tra le campagne di Spilamberto e le incursioni nella "metropoli" Modena. Si crea una cultura fumettistica già da bambino, quando legge quintali e quintali di Topolino ereditati dai genitori. Percorso che si evolve fino a portarlo a leggere Garth Ennis colo suo "Punitore". Appassionato di libri di ogni genere, si fa portabandiera del genere fantasy soprattutto dopo l'inizio della sua ormai quindicinale esperienza di giocatore diruolo, con la mitica edizione di "Dungeons & Dragons" della Editrice Giochi.

La sua vita ha sempre avuto una colonna sonora, se il primo walkman si distrusse passando pezzi di Battiato, il secondo andò in frantumi con AC DC e Iron Maiden . Ha cercato di avere una cultura musicale discretamente vasta e variegata, grazie soprattutto alla sua insaziabile curiosità, ad alcuni amici (Grazie Cesare! Grazie Stefano!) ed all'interesse per le manifestazioni che chiamano in causa gruppi locali. Recentemente ha partecipato all'iniziativa "Fresh" dell'Unione Terre di Castelli. Di professione è un chimico tecnico dell'ambiente e della sicurezza che lavora in ceramica. Grande appassionato di basket ed hockey.

 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server INDICHOST

pagina generata in 110 millisecondi