:: Home » Numeri » #183 » LETTERATURA » Noir Désir - Sacha Naspini
2010
16
Ott

Noir Désir - Sacha Naspini

media 3.06 dopo 103 voti
Commenti () - Page hits: 4350
Né vincitori né vinti
Perdisapop- Pag. 192 – Euro 14
 
Il sei ottobre esce il primo libro italiano dedicato ai Noir Désir. Confesso che me lo sarei tranquillamente perso se non l'avesse scritto Sacha Naspini, perché non so niente di questo gruppo musicale, forse sono troppo vecchio per loro. Sacha Naspini è un maremmano di Follonica, poco più che trentenne, ha pubblicato un sacco di romanzi e di racconti, ma i suoi lavori più significativi sono: L'ingrato (Effequ), I sassi (Il Foglio), Never alone (Voras), Cento per cento (Historica) e I Cariolanti (Elliot). Sarebbe uno sceneggiatore cinematografico perfetto, perché sa scrivere ogni tipo di storia e soprattutto cambia genere o stile da un libro all'altro. Tutto il contrario della maggior parte degli scrittori italiani, pigri a cambiare e adagiati su un determinato cliché. Sacha Naspini è talmente bravo da saper rendere interessante la storia di un gruppo rock anche per chi non ha mai ascoltato un loro brano. La storia si sviluppa come un romanzo che racconta le vicissitudini e le canzoni di una mitica band giovanile. Il volume termina con uno struggente racconto parigino intitolato Des visages des figures che cita una canzone dei Noir Désir, ma anche Pietro Gobetti e Amedeo Modigliani, il tutto inserito in un'ambientazione onirico - cimiteriale.
Abbiamo avvicinato Sacha Naspini per una breve intervista.
Com'è nato questo libro?
È successo tutto in un momento. Il 5 gennaio scorso, per la precisione. Per farla breve: Luigi Bernardi, attraverso una serie di scambi via mail, a un certo punto intuisce la mia passione per questa band, e di punto in bianco mi spara la domanda: Ti andrebbe di scrivere un libro sui Noir Désir? Sono rimasto a guardare quelle parole per qualche minuto, nel frattempo mi succedeva un caos d'immagini in testa. Perché questo gruppo ha significato e significa molto per me; in qualche modo, dopo tutto quello che è successo, mi sembrava quasi di trovarmi di fronte a una di quelle cose rarissime: quando i cerchi si chiudono. Il tempo di una sigaretta. Appena l'ho spenta ho cliccato su rispondi. E ho scritto: "Sì, lo faccio. Te lo butto giù di getto".
Per te si tratta di un'esperienza nuova dopo tanta narrativa…
Sì, ma non del tutto. In apertura e nella chiusa del libro ci sono parti che possono essere definite "di formazione". Solo che stavolta, invece di personaggi che muovo in un contesto, ci sono proprio io, con la mia voce - un po' come stiamo facendo ora, qui, durante quest'intervista -, le mie esperienze legate ai Noir Dez. Per il resto, cerco di raccontare la loro storia, semplicemente, con l'approccio che potrei avere con un amico al bar; dalle cantine di Bordeaux ai tour mondiali, fino al tragico evento di Vilnius, che ha imposto un urto di stop alla band. Cercare di raccontare la loro musica, anche, per quel poco che è possibile fare con le parole. Di sicuro, il tutto visto da un'ottica un po' "partigiana" (a parte i momenti tragici e delicati legati a Bertrand Cantat). Ma non sono mica un critico musicale…
Come hai gestito la figura di Bertrand Cantat?
Questo è un libro sui Noir Désir. Finché ho potuto, non ho mai spostato la lente altrove. Ma Bertrand Cantat è sicuramente il perno su cui gira tutta la ruota. È stato (è) l'anima, il cuore pulsante di un progetto musicale potente. Senza nulla togliere agli altri membri del gruppo, chiaramente. Ma per fare un esempio spiccio: il Jim Morrison nei Doors, per capirci. Un riferimento per decine di migliaia di giovani nel mondo. La bandiera dei No Global, dell'antirazzismo. E poi il fatto di Vilnius, la morte di Marie Trintignant. Nella coscienza di tutti questo evento ha come ridecifrato un grande disegno da capo. Nel libro tratto questa parte con distacco, riporto i fatti. Chiunque è libero di farsi la propria idea al riguardo. Cerco solo di far suonare tutte le campane. Sta di fatto che a un certo punto della storia s'impone l'esercizio interiore di separare l'uomo dall'artista, o qualcosa del genere. All'inizio è venuto male anche a me. Anzi, a volte mi si ripropone ancora. Forse perché alla fine non mi va di separare proprio niente.
Sacha Naspini tornerà presto alla narrativa pura, ma intanto godiamoci questa sorta di saggio romanzato, che rappresenta una vera manna per i numerosi fan dei Noir Désir.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 173 millisecondi