:: Home » Numeri » #44 » OPINIONI » Grande storia e giochi di ruolo
1998
25
Lug

Grande storia e giochi di ruolo

media 1 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 2500
Grande storia e giochi di ruolo

La storia non si fa con i "se". Vecchio detto, e sempre giusto: inutile piangere sul latte versato. Del senno di poi son piene le fosse.
Eppure, un "se" davanti a certi avvenimenti, a certe epoche, spalanca vertigini e abissi nuovi di comprensione: non più date e nomi malinconicamente incolonnati e perentori, non più assoluti concetti e ridondanti categorie - Il Medioevo finisce nel 1942! Rinascimento! Classicismo! Napoleone! Stalin! - ma un fluire armonico di forme, figure camaleontiche che cambiano a seconda del punto di vista.
Se la Rivoluzione del 1917 non fosse scoppiata? Sarebbe stato meglio, dice qualcuno: la Russia avrebbe avuto una compiuta democrazia, si sarebbero evitati Stalin, le "purghe", i paesi dell'est allo sfacelo e la rovina dell'economia di oggi. Non è vero, protestano altri: il popolo russo non era pronto per la democrazia, sarebbero rimasti zarismo e repressione, tutto il mondo avrebbe perso un grande sogno, un ideale per vivere e morire... E se il Comunismo fosse sorto in un altro paese, magari l'industrializzata Inghilterra, come Marx prevedeva? E' possibile immaginare la regina ignominiosamente cacciata, la bandiera rossa issata a Westminster, i compassati "Lords" buttare alle ortiche bombetta e tight e indossare le tute proletarie?
Ma saltiamo a piè pari indietro di duemila anni. Se non fosse finito l'Impero Romano? Forse oggi sarebbe simile alla tanto attesa Europa unita, moderna riproposizione dell'ideale palingenesi universale dell'impero. Perché non è potuto durare, si era allargato troppo, aveva perso la "virtus" originaria, il senso dello stato, della morale tradizionale? E' impossibile offrire una soluzione.
Ma guardare al passato come a qualcosa di dinamico, un intrecciarsi di possibilità infinite, di infiniti tasselli che si sono combinati in un determinato modo, certo aiuta a capire: E' importante non subire passivamente le informazioni, ma porsi dei dubbi, degli scenari alternativi, di fronte ad ogni pagina di manuale (e magari anche di fronte ad ogni pagina del giornale...).
Andiamo avanti con i salti e le acrobazie. La Rivoluzione Industriale ha avuto altissimi costi sociali, come la diffusione del lavoro minorile, le condizioni pessime dell'ambiente etc. etc.
Già, ma se non ci fosse stata? Era concepibile uno sviluppo più graduale e armonioso del capitalismo, come in parte è avvenuto in Francia?
E il nostro Risorgimento, Garibaldi, Mazzini e la stucchevole parata di battaglie imparata alle medie? Poteva succedere di tutto, considerati i progetti e le utopie che animavano i patrioti, da un'alleanza rivoluzionaria con gli slavi, all'appoggio dei tedeschi contro l'Austria, all'idea di uno stato governato dal Papa, o federale (A proposito di federalismo: un super-rivoluzionario anarchico come Proudhon era ferocemente ostile all'unificazione italiana, perché "dispotica e repressiva nei confronti delle autonomie locali". Non sembra di sentir parlare un nostro noto rappresentante, che non può venire accusato di simili letture?).
D'altra parte: perché mai un'entità territoriale deve restare unita, separata dalle altre? E se il "sentimento nazionale" semplicemente non fosse mai nato?
Il gioco dei "se" può continuare, se non all'infinito, almeno per il milioncino di anni in cui l'uomo è comparso sul pianeta, anche di più, se volete far partecipare dinosauri e mammuth ( e se non si fossero estinti e girassero al guinzaglio per il centro di Milano?).

Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 142 millisecondi