:: Home » Numeri » #44 » CINEMA » Anche l'occhio vuole la sua parte
1998
25
Lug

Anche l'occhio vuole la sua parte

Commenti () - Page hits: 2500
Anche l'occhio vuole la sua parte

Il titolo della recensione è ironico e si riferisce all'occhio del protagonista ferito da una scheggia di vetro mentre il pubblico quasi quasi ci gode. "Johnny Skidmarks" è il titolo del film diretto da John Raffo, già sceneggiatore di "Dragon: la storia di Bruce Lee" e del più recente "Relic". "Johnny Skidmarks" annovera l'inespressivo Peter Gallagher, il sottovalutato John Lithgow e la premiatissima Frances McDormand, ovverosia la perspicace poliziotta di "Fargo". Johnny è un fotografo che arrotonda molto bene lo stipendio accettando di fotografare gli adulteri organizzati ad hoc da un investigatore privato. La realizzazione è molto semplice, si imboccano i pezzi grossi con una prostituta d'alto bordo che, al momento opportuno, gira il volto del malcapitato verso l'obiettivo del fotografo che ha appena sfondato la porta. Qualcosa però non gira per il verso giusto. Johnny, che lavora anche per la polizia, si accorge che negli ultimi omicidi che deve fotografare ci sono coinvolte tutte le persone dell'"affare": la prostituta, lo scagnozzo scemo dell'investigatore, l'investigatore stesso, ora tocca a lui, l'unico a comprendere il filo che unisce queste morti. Il capo della polizia, interpretato da John Lithgow, continua a rassicurarlo, continua a dirgli che sono semplici ma strani incidenti. Chi sarà il misterioso omicida? La ragazza appena conosciuta al bar del cognato oppure il poliziotto che lo crede un fallito? Oppure l'unica persona insospettabile? Proprio lui. Il film parte bene, la trama non è originale ma è godibile, ben sorretta dalla fotografia e dall'incalzare degli eventi, lo stesso incalzare che nel tentativo di sollevare un finale scontato ci mostra inutili teste mozzate o vetri taglienti. L'omicida è uno dei ricattati e muore un istante prima di massacrare il nostro piangente fotografo che, scampato pericolo, abbandonerà la professione e troverà la pace coniugale. Badate bene, non è pietoso ma non aspettatevi niente di nuovo...


Michele Benatti
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 139 millisecondi