:: Home » Numeri » #41 » CINEMA » Lo Zio d'America
1998
25
Apr

Lo Zio d'America

Commenti () - Page hits: 2900
Lo Zio d'America

"Sembra mio zio Oscar!" sembra sia stata la frase che ha generato il nomignolo dell'evento cinematografico più conosciuto del mondo. E cosa c'è di più rassicurante di un vecchio zio americano che vedi una volta all'anno e proprio in quell'occasione ti riempie di coccole e soldi?
Niente, naturalmente. Le nostre zie sono anche più giovani di Oscar ma loro ci sbaciucchiano fastidiosamente, ci ingozzano di piatti antichi e strappano le guance per poche lire a Natale mentre lui, anzi LUI, sembra sempre più giovane così come i suoi nipotini hanno sempre la stessa età, a differenza di noi comuni mortali. Lo zio Oscar ha però un difetto: è un maledetto conservatore. Non è ancora successo che dalla notte degli Academy Awards albeggiasse qualche novità, qualche sorpresa, qualche cambiamento. Niente da fare. A Hollywood vince sempre e comunque il film concepito e sviluppato col solo scopo di vincere l'Oscar. Tranne qualche lodevole eccezione si pensi agli ingredienti dei cosiddetti "filmoni": spese folli, grandi paesaggi, moltitudine di comparse vere o virtuali, sceneggiatura poco impegnata anche su temi di una certa profondità. Ci avete riconosciuto "Titanic"? Ci avete riconosciuto "Balla coi lupi?"
Bene, proprio lì volevo arrivare. Nonostante ci siano stati anche premi più che meritevoli come "Schindler's list", "Gli spietati" o "Il silenzio degli innocenti", è stato proprio con quest'edizione che Hollywood ha voluto ribadire la sua diversità fatta di sfarzo, di gigantismo, di quantità prima che di qualità. Non è stato premiato il film ma l'evento, non è stato premiato Jack Nicholson ma il personaggio col ghigno, non è stata premiata "My heart will go on" (gli appositi sacchetti di carta sono di fronte a voi) ma la sua chirurgica instaurazione nel nostro cervello.

Michele Benatti
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Michele Benatti
Michele Benatti, Nasce nel 1970 tra le bonifiche ferraresi ma cresce in provincia di Reggio Emilia tra le ciminiere delle ceramiche castellaranesi. Un'insana passione per l'informatica lo porta addirittura alla laurea breve ma si dice che abbia sbagliato mestiere. Appassionato spettatore di cinema extrastatunitense e di letture slave, matura col tempo una capacità critica tale da poterne addirittura scrivere. Estroverso ma timido, miope ma acuto, pallido ma sanguigno sono le caratteristiche di Michele Benatti.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 132 millisecondi