:: Home » Numeri » #182 » CINEMA » Somewhere
2010
8
Set

Somewhere

media 2.98 dopo 117 voti
Commenti () - Page hits: 7000

 

 
Una Ferrari nera gira in una pista circolare. Dentro e fuori dall'inquadratura. La sequenza di apertura di Somewhere mostra subito le coordinate spazio-temporali ed esistenziali della storia che verrà narrata. Un girare a vuoto, quello del protagonista, che riflette la sua voragine interiore, in cui tutto sembra cadere verso il basso, senza lasciare traccia. La vita diventa artificio e finzione, ripetizione dei soliti eccessi che finiscono per non avere più nessuno scopo. L'eccitazione sessuale è svanita da un pezzo (i tristi spettacolini erotici fanno venire sonno, così come una donna con le gambe aperte che vuole essere leccata), l'alcol è solo un modo per riempire il tempo, la fama serve per continuare a vivere una vita agiata e allo stesso tempo monotona, il sogno del successo diventa una gabbia dalla quale sembra impossibile fuggire.
E' un film di Sofia Coppola ma pare di trovarsi tra le pagine di un libro di Bret Easton Ellis, Johnny Marco potrebbe essere un altro sosia di Victor Ward, il protagonista di Galmourama. Lo stesso spaesamento, la stessa stupida incredulità di chi non sa più nemmeno riconoscersi allo specchio, l'alienazione portata da una vita finta che si spaccia per vera, l'esistenza trasformata in un perenne set cinematografico, in cui i confini tra uomo e attore finiscono per scomparire, come la propria personalità, il proprio io.
E come Ellis la Coppola adotta la stessa complessità di linguaggio. Anche se apparentemente lineare e di semplice lettura Somewhere possiede in molte sequenze un senso più profondo, portatore di una inquietudine e di un malessere che si espande lentamente in tutto il film. Le immagini di Johnny allo specchio, truccato da vecchio, l'ansia di essere seguito, i messaggi anonimi sul cellulare, sembrano tutti elementi che tendono a sgretolare, a minacciare l'apparente tranquillità di chi, possedendo tutto, non dovrebbe avere nessun tipo di problema.
Accompagnandoci nel quotidiano squallore di una vita priva di qualsiasi senso e significato, se non quello del vagare, la Coppola riflette sulla falsità dello star-system, sull'idiozia dell'adulazione di attori e attrici, veramente agghiacciante la parentesi della presentazione del film di Johnny in Italia, in cui lo spaccato della televisione italiana, proprio perché reale, è ancora più pauroso e mostra quanto la perdita di sé stessi sia forse la forma di povertà più pura, soprattutto quando è di una persona ricca e famosa.
Il rapporto tra Johnny e la figlia regala allo spettatore gli unici momenti in cui alcune emozioni riescono a scorrere, ma anche qui si ha una sensazione di freddezza, di distacco (a differenza dell'incredibile coinvolgimento emotivo che si provava durante la visione di Lost in Traslation), in alcune sequenze però qualcosa di reale sembra accadere, come quando i due si trovano sotto l'acqua e mimano dei gesti o quando sono sdraiati vicino alla piscina dello Chateau Marmont e la Coppola, con un lentissimo zoom all'indietro, inquadra le loro rispettive solitudini.
Perché poi sempre di questo si tratta. Del vuoto e del silenzio, della solitudine e dell'amore e del bisogno che qualcosa di vero fiorisca dai nostri cuori.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 138 millisecondi