:: Home » Numeri » #67 » COMPUTER » Nintendo GameCube
2000
25
Set

Nintendo GameCube

Commenti () - Page hits: 4200
Nintendo GameCube

Finalmente Nintendo, dopo mesi di silenzi, ha rivelato al pubblico dello SpaceWorld 2000 quella che sarà la sua prossima console: il NINTENDO GAMECUBE4. Mr Atsushi Asada, Vice-Presidente Esecutivo della Nintendo ha introdotto questa console come la macchina NINTENDO per videogiochi del 21° secolo. E dopo aver mostrato un video di meno di un minuto con demo tecnologici (con spezzoni8 tratti da futuri giochi) ha presentato alla platea ammutolita Mr. Genyo Takeda, direttore del dipartimento R&D di Nintendo. Mr. Takeda ha chiaramente lanciato una frecciata alla concorrente Sony ammettendo che il NINTENDO GAMECUBE (d'ora in poi solo NGC) è una macchina da gioco nata solo ed esclusivamente per il gioco, a differenza di altre che usano i giochi solo per tentare di dominare in altri campi5. E ha continuato dicendo di aver imparato la lezione del Nintando 64: la macchina attuale infatti non è l'espressione massima della tecnologia, ma è stata creata tenendo a mente lo sviluppo dei videogiochi, che è e sarà notevolmente facilitato da questo hardware, per farsì che chi svilupperà per NGC, svilupperà grandi giochi. Ha poi introdotto il sistema di supporto per i videogiochi: un sistema sviluppato da Matsushita7, partner di NINTENDO per questa macchina, un disco da 8 cm, che conterrà un massimo di 1.5 Gigabytes di dati6. Dischetto che sarà anche impossibile da piratare grazie alla tecnologia messa a disposizione da Matsushita. Addio al DVD quindi da parte di Nintendo, preoccupata come sempre dalla pirateria e visto il crescente dilagare della pirateria anche per il formato DVD che già è presente in oriente... Infine ha illustrato le nuove periferiche: joypad con e senza fili, modem normali e a larga banda, schede di memoria. Ma per spiegare e illustrare al meglio le caratteristiche dei prossimi giochi in relazione al nuovo joypad ha introdotto il papà di Mario, Mr. Shigeru Miyamoto. Quest'ultimo ha dimostrato accuratamente tutte le funzioni del nuovo joypad per NGC, usando un demo e mostrando le funzioni degli 8 tasti, dei due controlli "tipo joystick" e del pad direzionale.
Il bottone A posizionato al centro della parte destra del joypad. I bottoni C del Nintendo 64 rimpiazzati da una piccola leva per permettere operazioni tipo, in un futuro videogioco, lo spostamento della testa di Mario e quindi un cambiamento di visuale. Inoltre la funzione di force feedback è già inserita nel joypad, evitando così l'acquisto di moduli aggiuntivi che andrebbero ad appesantire l'unità di controllo e di relative pile.
Subito dopo si è passati alla dimostrazione pratica con "Super Mario 128".
Cioé sono apparsi 128 Super Mario, ciascuno fatto da 700 poligoni (ovvero lo stesso modello usato in Super Mario 64). Il demo girava a 60 frame al secondo. Tutti questi Mario erano posti su di una piattaforma circolare: correvano e interagivano tra loro e con 128 cubi posti sulla piattaforma. Per tutta la durata della piattaforma, una barra che misurava il lavoro del processore non ha mai superato la metà nonostante diversi effetti grafici fossero stati inseriti di volta in volta per testare il processore (effetti di warp applicati alla piattaforma e effetti diversi applicati ai poligoni dei personaggi). Il processore ha svolto un egregio lavoro mai mostrando rallentamenti.
Infine si è parlato di date: in Giappone il sistema è previsto per Luglio 2001 con 5 titoli. In Ottobre è previsto il lancio in America. Per il lancio in Europa non si sa ancora niente. A Maggio inoltre software giocabile sarà mostrato al prossimo E3.

Questa è la visione di Nintendo per la macchina di prossima generazione. Invece di cercare di costruire una macchina potentissima cosa che, per quanto ben accetta ai giocatori, non contribuisce allo sviluppo del software, l'idea della grande N è stata quella di creare una macchina per cui sia facile sviluppare videogiochi e che abbia capacità superiori agli standard attuali. Per fare questo gli sviluppatori di NGC hanno rimosso i colli di bottiglia che si annidano in genere nelle console. È stata così creata la tecnologia 1T-RAM che consente ritardi piccolissimi nello scambio di dati tra la memoria principale e la memoria Graphics LSI Mixed.
È stata inserita una cache secondaria di memoria con grandi capacità nella MPU. Questa combinazione di tecniche e chip hanno creato un sistema con funzioni affidabili che aumenteranno l'esperienza di gioco, a detta di Nintendo.
Nintendo ha sempre creato mondi in cui l'utente si è immerso, toccando quello che il software creava: ora con questa macchina Nintendo vuole che il giocatore costruisca un legame con il gioco e i protagonisti stessi.
NGC porta avnti questa caratteristica creando i presupposti per un nuovo tipo di intrattenimento che sorpassa i concetti di gioco attuali. La nuova esperienza di gioco secondo Nintendo inizierà l'anno prossimo quando il sistema uscirà nei negozi.
Le caratteristiche salienti di questa nuova macchina le trovate qui1.
Ed ecco alcune delle periferiche disponibili2.

Giovanni Strammiello

1
Ecco la scheda che tutti voi state aspettando dall'inizio dell'articolo. Questo è quello che si sa della nuova console e i dati sono stati presi dal sito ufficiale3 (dati che rappresentano le punte massime di performance e che non derivano da nessun gioco test in particolare).


Nome ufficiale
NINTENDO GAMECUBE

MPU("Microprocessor Unit")*
IBM Power PC "Gekko"

Manufacturing Process
0.18 microns Copper Wire Technology

Clock Frequency
405 MHz

CPU Capacity
925 Dmips (Dhrystone 2.1)

Internal Data Precision
32bit Integer & 64bit Floating-point

External Bus Bandwidth
1.6GB/second(Peak)

External Bus Bandwidth
1.6GB/second(Peak) (32bit address, 64bit data bus 202.5MHz)

Internal Cache
L1: Instruction 32KB, Data 32KB (8 way) L2: 256KB (2 way)

Internal Cache
L1: Instruction 32KB, Data 32KB (8 way) L2: 256KB (2 way)

System LSI
"Flipper"

Manufacturing Process
0.18 microns NEC Embedded DRAM Process

Clock Frequency
202.5MHz

Embedded Frame Buffer
Approx. 2MB

Embedded Frame Buffer
Approx. 2MB Sustainable Latency : 5ns (1T-SRAM)

Embedded Texture Cache
Approx. 1MB Sustainable Latency : 5ns (1T-SRAM)

Texture Read Bandwidth
12.8GB/second (Peak)

Main Memory Bandwidth
3.2GB/second (Peak)

Color, Z Buffer
Each is 24bits

Image Processing Function
Fog, Subpixel Anti-aliasing, HW Light x8, Alpha Blending, Virtual Texture Design, Multi-texture Mapping/Bump/Environment Mapping,
MIPMAP, Bilinear Filtering, Real-time Texture Decompression (S3TC), etc.

Other
Real-time Decompression of Display List, HW Motion Compensation Capability



*The Gekko MPU integrates the power PC CPU into a custom, game-centric chip.
(The following sound related functions are all incorporated into the System LSI)

Sound Processor
Special 16bit DSP

Instruction Memory
8KB RAM + 8KB ROM

Instruction Memory
8KB RAM + 8KB ROM

Data Memory
8KB RAM + 4KB ROM

Clock Frequency
101.25 MHz

Maximum Number of Simultaneously
Produced Sounds
ADPCM: 64ch

Sampling Frequency
48KHz

System Floating-point
Arithmetic Capability
13.0GFLOPS (Peak) (MPU, Geometry Engine, HW Lighting Total)

Actual Display Capability
6 million to 12 million polygons/second

Actual Display Capability
6 million to 12 million polygons/second (Display capability assuming actual game with complexity model, texture, etc.)

System Main Memory
24MB Sustainable Latency : 10ns or lower (1T-SRAM)

A-Memory
16MB (100MHz DRAM)

Disc Drive
CAV (Constant Angular Velocity) System Average Access Time Data Transfer Speed 16Mbps to 25Mbps 128ms

Media
8cm NINTENDO GAMECUBE Disc based on Matsushita's Optical Disc Technology Approx. 1.5GB Capacity

Input/Output
Controller Port x4 Digicard Slot x2 Analog AV Output x1 Digital AV Output x1 High-Speed Serial Port x2 High-speed Parallel Port x1

Power Supply
AC Adapter DC12V x 3.5A

Main Unit Dimensions
150mm(W) x 110mm(H) x 161mm(D)

2
Bellissime e subito dispnibili saranno queste periferiche per NGC.

NINTENDO GAMECUBE Digicard
Questa è la scheda di memoria disegnata specificatamente per NGC. La capienza è di 4 megabits di memoria flash. Sarà sfruttata in maniera efficiente dal sistema durante il gioco.

NINTENDO GAMECUBE Adattatore per SD-Digicard
Questo adattore è compatibile con la scheda di memoria della grandezza di un francobollo dalla grandissima capacità, la SD Memory Card da 64MB realizzata dalla Matsushita Electric Industrial Co (partner di Nintendo in questa consolle).

NINTENDO GAMECUBE Controller Wavebird senza fili
e NINTENDO GAMECUBE Ricevitore
Non bisognerà più lottare con cavi di joypad corti: questa periferica basata su un sistema di radio frequenze permetterà al giocatore di posizionarsi fino a 10 metri dalla consolle.

NINTENDO GAMECUBE Modem
Il modem a 56Kbps, V. 90

NINTENDO GAMECUBE Modem Broadband

Connessione di rete per rendere compatibile il NGC alla rete a larga banda di prossima generazione.

NINTENDO GAMECUBE Cavo Video Digitale

Supporta lo standard del terminale D compatibile con gli ambienti digitali di trasmissione. In sviluppo anche un cavo component con i tre input.

















3
e che ho preferito quindi lasciare in lingua inglese

4
ha presentato anche il successore del Game Boy Color, il Game Boy Advance, di cui parleremo prossimamente.

5
cosa che ha fatto Sony con la Ps2, quando lanciata la macchina con pochi giochi, il settore dvd ha avuto un'impennata di vendite mai vista fino ad allora, con il film Matrix che guidava le vendite...

6
190 volte la capienza della cartuccia di Super Mario 64

7
da noi conosciuta come Panasonic, che è il primo gigante elettronico al mondo...

8
tra cui Wave Race, Star Wars, Zelda, Luigi's Mansion, Metroid, ecc...

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giovanni Strammiello
Giovanni Strammiello si occupa di fornire news sul mondo dei videogiochi e di recensirne i titoli più meritevoli di attenzione. Sempre attento a esplorare le nuove tecnologie non perde occasione di spingersi un po' più in là per informare i lettori di KULT Underground su cosa succederà nei prossimi mesi.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 150 millisecondi